Significato di Kawaii – Cultura della tenerezza in Giappone

[ADS] Pubblicità

Conosci il significato di kawaii [可愛い]? Questa parola giapponese significa qualcosa di carino, carino e cose del genere. Kawaii coinvolge anche cose dolci, gentili, adorabili, affascinanti, preziose, care e persino minuscole. 

Questa parola è conosciuta a livello internazionale grazie alla cultura pop giapponese e agli anime. Serve a designare oggetti, accessori, vestiti, animali e persone che sono belli e attraenti. In questo articolo vedremo una panoramica completa della cultura Kawaii in Giappone.

L'origine della parola Kawaii

Si ritiene che l'origine della parola derivi da "kawayushi" [かはゆし] che si riferisce al sentimento di simpatia per la disgrazia dell'altra persona. Possiamo vedere questo uso oggigiorno nell'espressione “kawaisou” [可哀想] che significa povera, povera, pietosa, poveretta.

L'origine del kawaii deriva anche dall'antica parola “Itawashii” [労わしい] che significa muoversi; sfortunato; rattristare; patetico; straziante. Alcuni sinonimi che si trovano in altri dialetti sono megushi, menkoi e megoi.

La parola "Kahayushi" è stata stabilita nella forma abbreviata di "Kahohayushi", e la parola verbale era "Kawayui", che è stata successivamente cambiata in "Kawaii". In origine significava "imbarazzante" con la sensazione che "l'altra persona è incredibilmente superiore.

Nel tempo, la parola ha iniziato a riferirsi alla sensazione di prendersi cura di un partner in uno stato pietoso. Difficile capire l'origine e le trasformazioni che questa parola abbia avuto negli anni, o come abbia raggiunto un significato così opposto.

La parola è composta dagli ideogrammi (可) che significa accettabile e (愛) che significa amore.

Definizione di kawaii - cultura della dolcezza in giappone

Cosa significa Kawaii?

Sappiamo già che questa parola può significare qualcosa legato alla carineria. Più specificamente, è un aggettivo giapponese usato per descrivere il sentimento di affetto di una persona, come il primato o l'amore, in un certo senso.

I derivati includono Kawarashii [可愛らしい] che significa affascinante, dolce e carino. Abbiamo anche il verbo Kawaigaru [可愛がる] che significa amare, curare, essere affettuoso, trattare teneramente, coccolare, mostrare favoritismo, essere parziale, accarezzare e deridere.

La parola "Kawaii" ha una forte connotazione di esprimere affetto o attaccamento a cose giovani o piccole. Per questo in passato si riteneva scortese usare la parola per adulti, soprattutto per la sua origine, tranne quando veniva usata tra amanti.

Con la crescita della cultura kawaii, il termine ha finito per diventare comune per qualsiasi uso, che si tratti di persone o oggetti adorabili. Le giovani donne usano spesso il termine con coloro che in qualche modo sono superiori a loro.

Definizione di kawaii - cultura della dolcezza in giappone

Cosa è considerato Kawaii?

In epoca moderna anche oggetti artificiali che non hanno le caratteristiche dell'uomo e degli esseri viventi possono essere riconosciuti e valutati come “carini”. Possiamo facilmente arrivare a una conclusione su qualcosa di carino senza alcuna spiegazione.

Anche il modo in cui le cose in Giappone possono essere considerate Kawaii. È più probabile che le forme curve come cerchi e sfere siano classificate come "carino", quindi anche lo stile delle forbici può essere etichettato come forbici kawaii.

Secondo un'esperienza di valutazione tra uomini e donne, si è concluso che ci sono colori carini come il giallo. È stato anche scientificamente dimostrato che le piccole cose tendono ad essere più carine.

Gli oggetti con trame che evocavano morbide sensazioni tattili sono stati classificati come "carini" piuttosto che come oggetti duri. Un orsacchiotto o qualcosa di soffice è naturalmente considerato qualcosa di carino da tutti.

A volte "kawaii" è usato come espressione di attaccamento a qualche oggetto personale, anche se non è carino. In generale, i gusti personali potrebbero non essere compresi dalla stragrande maggioranza, a meno che non siano legati a una nicchia o a un hobby.

Oltre al significato originale della parola “Kawareru”, la forma verbale di “Kawaii” si riferisce anche all'atto di favorire o prendersi cura di qualcuno di rango inferiore, o in una situazione inferiore. Ha senso questo significato? Vedremo?

Le caratteristiche, la morfologia e il comportamento di un bambino sono istintivamente “protetti” e “amati” dagli esseri umani. Lo stesso accade con gli animali, quando sono piccoli e indifesi, pensiamo che siano carini, li amiamo e ci sentiamo di proteggerli.

Definizione di kawaii - cultura della dolcezza in giappone
Inchino giapponese a Kawaii

La storia della cultura Kawaii

Le prime vestigia di questa cultura apparvero nel periodo Edo (1603-1868), dove le xilografie conosciute come dijinga raffigurano belle ragazze. Alla fine del periodo Edo già alcuni artisti realizzavano illustrazioni che danno origine al termine.

Yumeji Takehisa e Katsuji Matsumoto sono stati uno dei grandi padri delle illustrazioni di Shoujo di ragazze carine. Disegnavano ragazze carine con occhi grandi, cosa spesso considerata volgare. Anche perché la parola è già stata usata per riferirsi a persone di basso ceto sociale.

Leggi anche: Perché i personaggi dei manga e degli anime hanno gli occhi grandi?

Definizione di kawaii - cultura della dolcezza in giappone

Il kawaii come concetto estetico ha avuto inizio negli anni '70, con la crescita dell'economia giapponese e la commercializzazione di prodotti legati a mascotte e personaggi di anime e manga. Le illustrazioni di ragazze carine, i manga Shoujo e il marketing del prodotto sono stati responsabili di questo fenomeno.

Il grande rappresentante della dolcezza BOOM è il personaggio "Hello Kitty". Ai giapponesi piacciono le cose carine, indipendentemente dalla loro età! Elementi carini possono essere visti praticamente ovunque in Giappone, in grandi aziende, mercati, pubblicità, pubblicità TV, videogiochi, aerei, automobili, ecc. 

Questa parola potrebbe anche provenire dalla Cina, poiché lì usano "Kě'ài" [可爱] per designare qualcosa di bello, soffice o adorabile.

Non è comune chiamare un uomo kawaii, ma le donne usano spesso il termine: “Kakkoii [かっこい]” per questo.

Definizione di kawaii - cultura della dolcezza in giappone

Cultura Kawaii e Burikko

C'è una sottocultura giapponese chiamata "Burikko", è diventata popolare tra le ragazze di 12 e 18 anni negli anni 80. Circa 50% delle ragazze dell'epoca indossavano qualcosa di legato alla cultura Burikko.

Burikko [ぶりっ子] è un termine usato per riferirsi a donne che agiscono e parlano in modo infantile o innocente per attirare l'attenzione. Questa cultura influenza anche il modo in cui le ragazze scrivono.

La parola originale Burikko è composta dall'ideogramma [振] che significa agitazione, scherzo e oscillazione. Al giorno d'oggi è scritto solo con Hiragana. La parola può essere tradotta falso bambino.

L'aggettivo kawaii è emerso nello stesso momento in cui la scrittura Burikko-ji e Maru-ji, Koneko-ji, Manga-ji è diventata popolare. Questa scrittura è stata utilizzata da adolescenti che hanno scritto figure arrotondate e facce felici (emoji).

Kawaii - qual è il significato di questo termine culturale giapponese?

Quindi oggigiorno tutto ciò che è rotondo e felice può essere considerato kawaii. Possiamo vedere che la maggior parte dei personaggi di anime e manga hanno occhi grandi e teste arrotondate. Principalmente i personaggi Chibi.

Anche il comportamento infantile, innocente e ingenuo è considerato kawaii. Non significa che siano infantili, stanno solo cercando di essere carini e usano espressioni innocenti che possono persino indicare erotismo.

Consigliamo inoltre di leggere: Burikko – I giapponesi che hanno un'eccessiva carineria!

Diversi tipi di Kawaii

La parola gioventù degli anni '90 ha dato origine a diversi termini legati al kawaii, forse un po' sconosciuti in Occidente, ma che meritano di essere evidenziati:

Erokawaii – Carino e sensuale

Erokawaii [エロかわいい] è un composto di "erotico" + "carino", un concetto di dolcezza che include sensualità e attrattiva sessuale. Si ritiene che questo termine sia emerso nel 2003 sui forum quando qualcuno ha chiamato Sophie di Star Ocean 3 di Erokawaii.

Intorno al 2004, la cantante Kumi Koda ha espresso la sua moda sexy chiamata "Erokawaii", essendo riconosciuta come un termine generico nel mondo della moda, così è nato questo termine. La bellezza erotica è popolare nelle riviste di moda, dando origine ad altre espressioni come "erotic cool" e "erotic cool cute".

I vestiti chiamati Erokawaii mescolano il sexy con il carino. Come elemento sexy, c'è molta esposizione della pelle, design in stile lingerie, uso della trasparenza, nero e altri. Gli elementi carini includono l'uso di balze, fiocchi, pizzi, pois e rosa.

Definizione di kawaii - cultura della dolcezza in giappone
Alcuni stili di Lolita possono essere chiamati Kawaii

Busakawaii – Brutto ma carino

Il termine “Busa-kawaii” [ブサかわいい] è una parola composta di “brutto” + “carino”. Di solito è usato per animali domestici e donne. Si riferisce a una donna bella e affascinante, anche se all'inizio può sembrare brutta.

Quando il termine "kawaii brutto" è usato sugli animali domestici, di solito descrive la bellezza di un carlino o di un bulldog o di altri animali che sono apparentemente brutti ma in realtà sono carini e affascinanti.

Kimokawaii – Il più carino disgustoso

Kimokawaii [キモかわいい] è una parola composta da “Kimoi” che significa disgustoso, spaventoso o strano insieme alla parola “Kawaii”. Cioè, è qualcosa che, nonostante sia disgustoso e strano, può essere considerato carino o carino.

Il termine è stato utilizzato per la prima volta dai giovani alla fine degli anni '90 e si è riferito a personaggi come i bambini che ballano. Inizialmente, il termine non era usato per gli umani, ma quando il comico Angirls è diventato popolare negli anni 2000, il suo comportamento surreale è stato descritto come "spaventosamente carino".

Mentre "raccapricciante" e "carino" sono aggettivi contraddittori, ci sono stati molti casi in cui "mostri" come Godzilla sono stati chiamati kawaii. Anche al di fuori del Giappone, ci sono stati esempi, come i Gremlins e Spongebob Squarepants, che nonostante siano strani sono carini.

altri termini kawaii

Oltre ai principali citati, ne abbiamo altri come:

  • Yurukawaii – Unire qualcosa di rilassato e sciolto + soffice;
  • Kakkokawaii – Combinazione di cool + cute; Usato per auto compatte.
  • Kireikawaii – Giunzione carina + soffice;

Leggi anche: Kei Jidousha – Le minicar con il motore 0.6

Come l'Occidente vede la cultura kawaii

Anche se questo è prevalente in tutto il Giappone, gli occidentali vedono le cose kawaii come infantili o femminili, non comprendendo o accettando il modo in cui questo è pervasivo nella cultura giapponese.

Tuttavia, l'Occidente è fortemente influenzato dalla cultura kawaii. Gli occidentali non hanno tutti i torti nell'affermare che questa cultura è infantile, infatti si basa proprio su bambini, animali e neonati.

Si scopre che i personaggi rotondi con grandi occhi, vestiti e capelli colorati, voce sottile, atteggiamenti e gesti strani e stili diversi finiscono per infastidire gli occidentali che consumano determinati media come giochi, cartoni animati e manga.

Gli occidentali finiscono per pensare che questi media siano fatti apposta per i bambini. I giapponesi, invece, non discriminano le cose dicendo che qualcosa è infantile o femminile, lo accettano a braccia aperte e ne consumano il contenuto così com'è.

In effetti, sia i giochi che gli anime giapponesi sono realizzati pensando ad adulti e adolescenti. Non c'è niente di carino nell'essere infantili, il Giappone rompe quel tabù e lo fa molto bene. In effetti, la visione prevenuta della carineria in Occidente riflette la sua sicurezza.

Se la carineria è istintivamente legata alla volontà di proteggere e amare, l'assenza culturale fa sì che l'amore e l'affetto vengano tralasciati, quindi abbiamo in Occidente una passione crescente per la violenza e una grande ignoranza quando si tratta di carineria.

Definizione di kawaii - cultura della dolcezza in giappone
In Giappone le barricate dei lavoratori sono carine

Perché ai giapponesi piacciono le cose carine più dell'occidente?

La cultura kawaii è stata, in molti modi, modellata dal desiderio di porre fine all'aggressivo passato militarista. Lo sforzo dei media e del commercio ha finito per rafforzare culturalmente il gusto giapponese per le cose carine.

La carineria è talvolta associata alla fantasia e all'immortalità. Sii carino nell'illusione di una salute positiva, che è totalmente opposta alla mortalità. La maggior parte degli americani apprezza la libertà di godersi la vita indipendentemente dal pericolo estremo.

Gli asiatici orientali in generale non sono bravi a esprimere le loro vere emozioni in pubblico a causa della paura e della vergogna, in cui sono stati fortemente influenzati dal confucianesimo che ha sottolineato l'importanza dell'armonia tra le persone.

La carineria serviva da cuscinetto per una persona per nascondere la vera intenzione dall'interno. Gli occidentali, al contrario, hanno bisogno di esprimere la loro vera opinione per guadagnare rispetto e fiducia, generando così un po' di ipocrisia e doppia faccia.

La carineria è una sorta di immagine positiva che fa sentire una persona felice, sicura e rilassata dalle dure realtà della vita, specialmente in Giappone, dove bisogna sempre seguire regole rigide ovunque e fare gli straordinari. Questo tipo di genera profitto per il mercato, aumentando la portata di kawaii.

Consigliamo di leggere: Honne e Tatemae – Conoscere le due facce

Definizione di kawaii - cultura della dolcezza in giappone

Sottoculture del fenomeno Kawaii

Oltre al burikko, esistono diverse altre sottoculture, tipologie o categorie legate al fenomeno kawaii. Vediamo alcune sottoculture o stili di moda kawaii:

  • Gurokawaii – Si riferisce a qualcosa di bello e grottesco allo stesso tempo. Le persone che indossano un trucco pesante possono inserirsi in questa sottocultura.
  • Kimokawaii – Si riferisce a qualcosa di carino e spaventoso allo stesso tempo.
  • Busukawaii – Qualcosa di brutto e bello allo stesso tempo. Probabilmente qualcuno che, nel tentativo di sembrare kawaii, è rimasto brutto.
  • Erokawaii – Qualcosa di carino e sexy;
  • Shibukawaii – Si riferisce allo stile kawaii più casual. Ogni giorno la persona è bellissima senza fare molto, semplicemente indossando un capo semplice ogni giorno.

La maggior parte degli altri tipi e stili di moda utilizzano aspetti che approfondiscono la cultura kawaii come le lolita. Puoi trovare questi e altri stili di moda kawaii visitando il quartiere di Harajuku.

Kawaii è anche fortemente legato a Moe, una parola che può anche essere usata per riferirsi a qualcuno che è adorabile, carino e bello. La parola è solitamente usata per ragazze che hanno le seguenti caratteristiche: Timidezza, Gentilezza, Bellezza e Innocenza.

Consigliamo inoltre di leggere:

Definizione di kawaii - cultura della dolcezza in giappone

Oltre all'intero paese che partecipa con la cultura, la popolazione collabora con i seguenti altri stili e culture:

  • La maggior parte dei giovani giapponesi ama decorare i propri telefoni cellulari con adesivi e bigiotteria;
  • Ci sono molte macchine piene di animali imbalsamati o timbrate con qualche tipo di carattere;
  • La moda Kigurumi, il Cosplay, lo stile Decora e anche le lolita giapponesi fanno parte di questo concetto;
  • Anche la cucina giapponese è carina:

Leggi anche: Kigurumi – Costume animale e pigiama giapponese

Kawaii – Esempi di carineria in Giappone

La cultura kawaii è ampiamente esposta in Giappone ovunque. Basta entrare in un negozio di souvenir per trovare migliaia di cose kawaii. Non sono solo i prodotti in vendita, ma anche le pubblicità sono carine.

Che ci crediate o no, questo è un poster della polizia che chiede alle persone di denunciare un crimine:

Definizione di kawaii - cultura della dolcezza in giappone

Molte aziende, grandi e piccole, utilizzano mascotte “carinissime” per esporre i propri prodotti e servizi al pubblico. Vediamo alcuni esempi di seguito:

Definizione di kawaii - cultura della dolcezza in giappone
  • I personaggi Pokémon hanno abbellito i lati dei jet della All Nippon Airways;
  • Bank Asahi ha utilizzato Miffy, un personaggio di una serie di libri illustrati per bambini olandese, su alcuni dei suoi bancomat;
  • Monkichi, una scimmietta, può essere vista confezionare una linea di preservativi;
  • Tutte le 47 prefetture del Giappone hanno una simpatica mascotte. Gli slogan di quasi tutto devono avere qualcosa di carino;
Definizione di kawaii - cultura della dolcezza in giappone
  • I corrieri giapponesi usano anche altre mascotte, ad esempio sui francobolli;
  • Sulle strade giapponesi possiamo vedere camion decorati con personaggi di Hello Kitty e altri simpatici personaggi;
  • Ci sono diversi treni personalizzati con anime e cose carine;
  • In Giappone ci sono isole chiamate Rabbit Island e Cat Island, che attirano molti visitatori per via dei loro abitanti;
  • Ogni forza di polizia in Giappone ha le sue mascotte, molte delle quali adornano la parte anteriore del koban (punti di controllo della polizia);
  • Ci sono diversi Maid Cafe e Cat Cafe sparsi in tutto il paese;
  • Le barricate utilizzate nella costruzione e ristrutturazione delle strade in Giappone sono carine e hanno un certo carattere. Cerca le immagini di [単管バリケード].

Per saperne di più leggi anche:

Definizione di kawaii - cultura della dolcezza in giappone

Perché ai giapponesi piacciono le cose Kawaii?

Alcuni dicono che questa cultura sia nata come movimento contro la cultura tradizionale giapponese e la pressione sociale imposta ai giovani quando terminano gli studi universitari. Altri credono che la cultura kawaii sia nata dal desiderio di essere curati e amati.

In un momento in cui le persone sono sempre più isolate e hanno meno tempo per divertirsi, consumare prodotti carini è un modo per ridurre la solitudine e alleviare lo stress. D'altra parte, l'eccesso di prodotti con i personaggi finisce per offuscare i limiti tra ciò che è uno scherzo e ciò che non lo è.

Definizione di kawaii - cultura della dolcezza in giappone

Nonostante le sottoculture e gli stili di moda perdano vapore ogni anno. Le cose carine rimangono stabili e forti nei media e nella pubblicità in tutto il paese. Riscuotendo sempre maggiore accettazione in Occidente, grazie ad anime, giochi e manga.

Cosa ne pensi di questo gigantesco aspetto della cultura giapponese? ne conoscevi il significato?

Gli anime più Kawaii di tutti i tempi

Spero che questo articolo vi sia piaciuto, se vi è piaciuto condividete e lasciate i vostri commenti. Prima di finire ti consiglierò anche degli anime molto Kawaii per farti un'idea di questo concetto:

K-On – Un anime musicale quasi obbligatorio per chiunque voglia guardare qualcosa di carino e moe. Racconta la storia di una banda di ragazze carine che si trovano in un club di una scuola di musica leggera.

Leggi anche: I 15 migliori anime musicali + elenco completo

Moe moe kyun – quale origine e significato di moe?

Kimi ni Todoke  - Uno dei romanzi più carini e innocenti di tutti i tempi. In questa storia segui la storia d'amore di una ragazza di nome Sawako che è vittima di bullismo con il suo nome che ricorda la ragazza del film Calling.

Definizione di kawaii - cultura della dolcezza in giappone

Alla corsa di Haru – Un altro anime molto popolare e carino che racconta la storia di due giovani innamorati, ma le cose non sono andate molto bene. Dopo essersi incontrata di nuovo, la ragazza cerca di avvicinarsi a lui, ma a quanto pare ha sentimenti indifferenti.

Leggi anche: Anime carini – I migliori anime kawaii, carini e moe

shoujo anime – guida definitiva con 50+

Altri anime carini che consiglio:

  • Acchi Kocchi;
  • Akagami ga Shirayuki Hime;
  • A Haru Nascondi;
  • Bokura ga Ita;
  • Clannad;
  • Gochuumon wa Usagi Desu ka?
  • Tempo d'oro;
  • Hanamaru Youchien;
  • Potenza dell'Asse Hetalia;
  • Hibike! Eufonio;
  • Kaichou wa Maid-sama!;
  • Kimi ni Todoke;
  • Love Live e altri anime idol;
  • Complesso incantevole;
  • Mikakunin di Shinkoukei;
  • Minami-Ke;
  • nonna;
  • Non Non Biyori;
  • Minerale Monogatari;
  • Romeo x Giulietta;
  • Shigatsu wa kimi in uso;
  • Shinryaku! Ika Museo;
  • Sukitte Ii na yo;
  • Suzumiya Haruhi no Yuuutsu;
  • Toradora;
  • Yuru Yuri;
  • Yuyushiki;
  • Zero a Tsukaima;

Cute Aggression - Il desiderio Kawaii

Non si può parlare di Kawaii senza citare “Cute Aggression” [キュートアグレッション]. Questo è un bisogno, un impulso o un impulso a pizzicare, spremere o mangiare qualcosa di soffice. Il che spiega l'uso del kawaii nei media e nel commercio giapponesi.

Quando una persona vede qualcosa di molto bello, potrebbe avere voglia di morderlo o stringerlo. Questo è spiegato come la reazione di difesa del cervello quando entra in contatto con qualcosa di molto carino, come una reazione fuori controllo.

Cose come simpatici animali o cuccioli che sporgono la testa fuori dall'auto, un travolgente senso di dolcezza. Il Giappone utilizza Kawaii come principale forma di marketing e stile di vita, che si traduce anche in una cultura pacifica senza violenza.

Cosa ne pensate di questo lungo articolo che parla di Kawaii? Spero che abbia spiegato molto sul termine e sulla sua cultura. Spero che tu capisca perché il Giappone è un posto così pacifico e incantevole, grazie alla cultura kawaii. Cosa ne pensi? Siete d'accordo con un'opinione del genere?

Condividi questo articolo: