Japan Style Guide – Visual Kei, Decora, Harajuku

Negli anni il Giappone si è distinto per il suo stile di moda alternativo diffuso in regioni come Harajuku. Il principale si chiama Visual Kei, che ha generato molte alternative. In questa guida parleremo di tutti gli stili di moda giapponesi.

Molti degli stili spiegati in questo articolo riguardano la sottocultura, sono molti stili che terminano con un ideogramma [系] che letteralmente significa qualcosa come lignaggio, gruppo e sistema che generalmente corrisponde a un certo periodo di stile e moda.

Harajuku – Il quartiere giapponese della moda e dello stile

Harajuku (原宿) è un grande centro urbano dove troverai negozi con le ultime tendenze della moda, maid cafè e il fatto più bello e strano è che troverai persone vestite con cosplay, lolita, decora, otaku e molto altro.

Harajuku è un sottodistretto di Shibuya e uno dei centri più diversi di Tokyo, lì puoi essere nel personaggio o come persona comune, lì ti sentirai libero di essere te stesso.

Annuncio

Questa zona è conosciuta come il ritrovo degli adolescenti ed è la sede del grande magazzino Laforet, che lavora con la maggior parte dei famosi marchi di moda giovanile. Harajuku è famosa per la sua moltitudine di negozi di moda di tutti i tipi, principalmente di moda urbana.

Harajuku è il palcoscenico per l'emergere di diverse mode giapponesi, come il Visual Kei, che è stato uno dei grandi influencer per la crescita del centro urbano. Abbiamo già scritto un articolo parlando di questo quartiere, puoi leggi cliccando qui.

Lolita Moda e stile

Uno dei più popolari e importanti è la moda Lolita, ma non lo tratteremo troppo in questo articolo perché abbiamo già un enorme articolo che parla di Lolita e dei termini derivati. Se vuoi leggere vai su: Sai cosa significano Lolita, Loli e Lolicon?

Annuncio

lolita è un termine che definisce uno stile/moda giapponese, dove i vestiti delle bambole, ispirati al cultura kawaii. Questi abiti a volte comportano nostalgia per altri tempi e periodi storici (vittoriano o rococò) o semplicemente per l'infanzia stessa.

Esistono diversi tipi di stili e sottostili di loli, tra questi abbiamo: Sweet Lolita, Classical Lolita, Country Lolita, Hime Lolita, Shiro Lolita, Casual Lolita, Gothic Lolita, Kuro Lolita, Guro Lolita, Punk Lolita, Deco Lolita, Ero Lolita, Sailor LOlita e Qi Lolita.

Stili giapponesi - harajuku - lolita - visual kei - decorare - gyaru - fata kei - festa di culto kei - seifuku keidolly kei - ragazza mori - otome kei - moda shironuri

Visual Kei – Storia e Curiosità

oh Visual Kei o Visual Rock è un movimento musicale e visivo che mescola vari stili rock con caratteristiche ibride Punk/Gothic che è diventato popolare in Giappone in vari gruppi J-Pop e J-Rock.

Questo stile è stato influenzato da gruppi J-Rock come Devil Kitty e Mar Luna. Oltre a Rock, Metal e Punk, la musica Visual Kei mescola strumenti di musica classica come violini, pianoforti e organi.

Annuncio

In giapponese bisuaaru kei [ビジュアル系] prende l'ideogramma [系] che sta per stile, sistema, gruppo e stirpe, comunemente usato come suffisso per riferirsi a gruppi e stili della moda giapponese che circolano a Tokyo.

In altre parole, è un movimento tra i musicisti giapponesi che coinvolge costumi elaborati, capelli colorati, trucco sorprendente, acconciature insolite, esibizioni stravaganti e un'estetica un po' androgina.

storia del visual kei

Il movimento visual kei è emerso a metà degli anni '60/'70, ma ha avuto il suo periodo di massimo splendore con l'emergere di alcune band come Buck-Tick, Kamaitachi e Color negli anni '80 ed è ora esteso nella scena musicale giapponese.

Ci sono voluti dedizione e tempo per conquistare il pubblico giapponese, abbastanza riservato in alcuni aspetti, ma questo obiettivo è stato raggiunto e fino ad oggi visual kei fa parte della cultura orientale.

Annuncio

band famose come MALICE MIZER, Moi dix Mois, Luna Sea e Versailles sono stati influenzati dal movimento Visual Kei. Anche i cantanti di Solos aderiscono allo stile con tagli di capelli e outfit appariscenti.

Stili giapponesi - harajuku - lolita - visual kei - decorare - gyaru - fata kei - festa di culto kei - seifuku keidolly kei - ragazza mori - otome kei - moda shironuri

Il Visual Kei può essere considerato una copia dello stile gotico/punk che esiste in Occidente, ma nel tempo lo stile ha assunto forme e caratteristiche diverse, rendendolo qualcosa di unico e modesto, non solo basato sul nero.

Il Visual Kei può essere considerato una moda, ma il termine è più adatto allo stile e alla musica in questione, che sono legati ai generi rock, punk, gothic, metal e heavy metal.

visual kei in occidente

Visual kei e J-pop sono per lo più ascoltati da persone non asiatiche in Occidente, avendo una maggiore popolarità tra il 1990 e il 2000, e che oggigiorno raggiungono innumerevoli fan, essendo diffusi dai fan su internet e in alcuni casi, attraverso colonne sonore di anime .

Il successo fu enorme che alcuni produttori iniziarono a investire in spettacoli e agenzie, rendendo lo stile popolare e attraente al punto da essere scambiato per solo J-Pop.

Stili giapponesi - harajuku - lolita - visual kei - decorare - gyaru - fata kei - festa di culto kei - seifuku keidolly kei - ragazza mori - otome kei - moda shironuri

Visual Kei in Brasile

In Brasile ci sono molti fan del visual kei che, oltre al visual rock, sono interessati anche ad altre forme di rock giapponese. Nel 2006, l'evento J's Fest II (Japan Song Fest II) ha attirato 1.500 visitatori al Circo Voador, a Rio de Janeiro, a cui hanno partecipato, tra le altre attrazioni, band nazionali ispirate al visual kei e artisti j-rock. Diversi eventi di natura simile si verificano frequentemente in diverse regioni del paese.

Il visual kei o J-Pop è presente nella vita degli otaku, amanti della cultura giapponese o amanti dello stile, non che questa sia una regola o un dato di fatto.

Decora Fashion – Conoscere lo Stile

L'aspetto decorativo può essere caratterizzato dall'uso di pezzi stampati e borse, fermagli per capelli, piccole pietre nel trucco, giocattoli appesi al collo, innumerevoli collane, bracciali e tanti calzini colorati, da usare contemporaneamente, dando completa libertà di scelta e varietà per chi utilizzerà.

Annuncio

Da dove viene la moda Decora

La parola Decora deriva da “Decorazione”, in quanto questo è il concetto dello stile, insieme a tanta autenticità, creatività e motivazione. È anche conosciuto come lo stile FRUiTS, grazie alla rivista con lo stesso nome in cui vengono pubblicate molte immagini uniche di queste persone, che si trovano ad Harajuku.

Non è chiaro da dove provenga lo stile, ma io (l'autore) credo che si trovi ad Harajuku, intorno al 1990 e al 1995, poiché è un grande centro urbano e noto per contenere diverse tribù.

Decora le suddivisioni dello stile

bambino decorare: sono quelli che usano vestiti, accessori, tra gli altri, della cultura anime e otaku, lasciando un'impronta più infantile.

decorare rosa: Come suggerisce il nome, ciò che predomina è il rosa, possono esserci variazioni nella tonalità del rosa e rosso e bianco possono essere accettati nell'abbigliamento.

Annuncio

decorare colorato: Non ci sono restrizioni di colore in questa categoria, avendo capelli colorati e vestiti fantasiosi, l'importante è che non ci siano restrizioni.

decorare scuro: Il nero è il colore principale, con variazioni con il bianco, che può essere caratterizzato come uno stile punk dell'arredamento alla moda.

Lolita Decorare o Lolicora: è una miscela di lolita con decoro. Le lolita sono per natura piene di oggetti di scena e decorazioni. Lolicoras, d'altra parte, sono il triplo.

Stili giapponesi - harajuku - lolita - visual kei - decorare - gyaru - fata kei - festa di culto kei - seifuku keidolly kei - ragazza mori - otome kei - moda shironuri

Alcune caratteristiche di Decora

  • Gli appassionati di moda di solito camminano in gruppi di 2 o 3 persone e di solito abbinano gli accessori;
  • Ci sono anche bambini esperti;
  • Le ragazze hanno tra i 13 ei 17 anni;
  • Il look è fatto per attirare l'attenzione, qualcosa che gli stessi fan della moda desiderano;
  • Alcuni indossano addirittura 3 calzini contemporaneamente, tutti colorati e decorati;
  • L'aspetto kawaii e infantile;
  • Gli accessori provengono spesso da personaggi degli anime, rendendo lo stile più carino;
  • Il colore prevalente è il rosa, non sempre;
  • Lo stile dell'arredamento non segue alcuno schema, quindi più abusi dell'aspetto, meglio è;
  • Piccolo trucco;
Annuncio

Come viene accettato l'arredamento nella società?

La moda Decora è piuttosto popolare in Giappone, più precisamente nelle strade di Harajuku e nei luoghi di intrattenimento otaku, avendo normalmente un pubblico di riferimento interamente femminile, con eccezioni.

Il Giappone è un paese molto vario e liberale, quindi Decora è solo uno stile in più tra molti altri, ad Harajuku troverai persone in cosplay, Lolita, tra molti altri, quindi non c'è motivo di essere prevenuto lì, ovviamente puoi essere in gruppi separati, ma a parte questo non ci sono problemi.

L'unica cosa che non si può fare è usare questo stile per fare shopping, colloqui di lavoro, ecc. Il Giappone è un paese molto riservato quando si tratta di vita di tutti i giorni, quindi prevale il buon senso. .

Annuncio

Gyaru - Stile Indipendente

gyaru [ギャル] è uno stile di moda giapponese che ha avuto origine dal marchio di jeans chiamato "gurls“. Questa parola deriva dall'inglese "girl" e dallo slang "gals" usato per riferirsi alle belle ragazze.

Le ragazze dello stile Gyaru tendono a mescolare colori, stampe, scintillii e tutti i tipi di moda, portando il proprio stile audace al motivo orientale. Tendono a fare l'abbronzatura artificiale, a cambiare completamente i capelli e a indossare migliaia di accessori esotici. 

Gyaru tende anche ad avere capelli molto decolorati o tinti nei toni del marrone scuro al biondo e unghie decorate. Il trucco consiste in eyeliner scuro e ciglia finte utilizzate per far sembrare gli occhi più grandi.

Gli indumenti delle ragazze differiscono a seconda dello stile gyaru scelto dalla ragazza. hanno arrotolato le gonne devono essere più corte, hanno il loro gergo e frequentano luoghi specifici. Posano anche con la lingua quando scattano foto. 

Stili giapponesi - harajuku - lolita - visual kei - decorare - gyaru - fata kei - festa di culto kei - seifuku keidolly kei - ragazza mori - otome kei - moda shironuri

fata kei

Fairy Kei è uno stile che soddisferà chiunque ami le cose carine, specialmente quelle che dicono "Aaaaawn, che Kawaii...", perché la moda è fatta principalmente di cose carine come i colori pastello, il rosa fluorescente, le palline a "polka dots" e tanto di nostalgia, Fairy Kei è uno stile ispirato al pop carino degli anni '80!

Il sito Style Arena racconta che l'inizio della moda è avvenuto intorno al 2007, quando Sebastian Masudea, fondatore del negozio "6% DOKI DOKI" ha deciso e ha iniziato a produrre collezioni basate su espressioni come: "sensazionale e adorabile", "non solo carino ma anche felice" e"sensazione di irrealtà", sensazionale e adorabile, non solo carino, ma anche felice, sentendo la non realtà.

Altri negozi hanno iniziato a investire nella moda, formando così Fairy Kei. L'origine del nome non è nota con certezza, ma è chiaro che il nome è dovuto al fatto che gli abiti sono delicati e lucidi, in fondo Estilo Fada è un nome all'altezza della moda.

Festa di culto Kei

Qualcosa che accade di frequente nella moda giapponese è che il nome della moda sia stato ispirato da un marchio, come la moda Dolly Kei, per esempio. Naturalmente, nel tempo, la moda creerà la propria estetica, ottenendo così il riconoscimento.

Nel caso di Cult Party Kei, anche il nome è stato preso dal negozio Virgin Mary, che in precedenza si chiamava Cult Party. Il concetto e il focus del marchio è "Eternal Girl che crea il mondo", "L'eterna ragazza che crea il suo mondo".

Cult Party Kei è un po' più recente di altre mode, come Mori Girl e Dolly Kei, e a volte viene confuso con questi stili, ma una delle differenze principali è che Cult Party è più orientato alla cultura pop, mentre gli altri sono più vintage -orientate.

I vestiti tendono ad avere un aspetto più leggero e sintetico, con una sorta di negozio dell'usato, e la maggior parte dei negozi che rappresentano la moda hanno questo formato.

Sono sempre gradite anche personalizzazioni sui pezzi per renderli originali e unici. Il mix di accessori Lolita e Fairy Kei insieme ad accessori pop assortiti arricchiscono lo stile.

Stili giapponesi - harajuku - lolita - visual kei - decorare - gyaru - fata kei - festa di culto kei - seifuku keidolly kei - ragazza mori - otome kei - moda shironuri

Seifuku Kei

Lo stile della moda è proprio al centro delle divise scolastiche giapponesi, per noi brasiliani questa ammirazione per le divise scolastiche può sembrare abbastanza insolita, questo perché qui non abbiamo questa usanza.

La cosa più curiosa è sapere come questa moda sia diventata popolare tra gli studenti.

L'uniforme scolastica giapponese è uno dei simboli del Paese ed è riconosciuta ovunque nel mondo. Tuttavia, non è sempre di gusto per gli studenti, per noi non è difficile capire perché, ecco perché molti sentono l'impulso di aggiornare la propria divisa, o sentono il desiderio di averne una molto più carina.

Inoltre, nel tempo, alcune scuole si stanno allontanando dal concetto che le uniformi sono obbligatorie, quindi la moda ha un'influenza su coloro che non devono indossarle, ma che vogliono provare a indossarle. Viene anche da quegli ex studenti a cui mancano i giorni di scuola.

Stili giapponesi - harajuku - lolita - visual kei - decorare - gyaru - fata kei - festa di culto kei - seifuku keidolly kei - ragazza mori - otome kei - moda shironuri

dolly kei

Dolly Kei è uscito a metà del 2010. Come lo stile Lolita, Dolly Kei ha un pizzico di moda da negozio dell'usato, con un po' di attenzione ai film vintage e fantasy. Uno dei negozi di riferimento per la moda è il negozio Grimoire, creato da Naoaki Tobe e Hitomi Nomura.

Come per i disegni, sono necessari i riferimenti. I principali riferimenti alla moda sono nei film e nei libri, come Alice nel Paese delle Meraviglie, Harry Potter e Narnia. Il focus è anche su abiti tipici folk, gitani, con tanto di ricami, pellicce, materiali pesanti come pelle e camoscio. L'importante è portare un ricordo tipico di un'epoca europea più medievale e rustica.

E, naturalmente, la cultura giapponese riesce a dare un tocco unico e accattivante allo stile, mantenendo una certa armonia. A differenza di alcune mode, Dolly Kei porta un certo ricordo alla cultura dell'Europa orientale. Dolly Kei è uno stile che gioca con i diversi strati e trame disponibili.

Japan Style Guide – visual kei, decorare, harajuku

Mori ragazza

Lo stile Mori Girl è nuovo, la moda è stata creata per coloro che pensavano come il creatore di Mori Girl, Choco. Choco ha diffuso il suo pensiero attraverso una community che ha creato su Mixi (equivalente al nostro Orkut, ma giapponese). Il pensiero di Choco era quello di “una ragazza fuori dal bosco”.

La moda porta il desiderio di abiti comodi che dimostrino romanticismo e uno stile country. Forse per allontanarsi dalla realtà della grande città.

Questa moda è anche per chi ha uno stile di vita più solitario, a chi piace leggere libri ea chi piace prendere caffè e tè con molta tranquillità.

La moda ha fatto pensare a tante altre ragazze, diffondendosi per le strade di Tokyo. Come molte altre mode, Mori Girl non era molto indietro e ha avuto la sua popolarità al livello di avere le proprie riviste, marchi di abbigliamento ed eventi.

Influenzato da altre mode, lo stile Mori porta abiti floreali larghi. Altri accessori, come strati di cappotti, gilet, sciarpe, cappelli in maglia e/o in felpa, calzini e scarpe assortite. I colori sono solitamente usati in combinazione con la natura per mantenere la messa a fuoco più attraente. I tessuti sono i migliori fatti a mano, con trame leggere e delicate.

Pur avendo la parola "Girl" nel nome, anche i ragazzi sono interessati alla moda. Come sempre, ambientarsi nello stile, indossando pantaloni stile sarouel, gilet, cappotti, sciarpe, cappelli fatti a mano e dreadlocks tra i capelli. Ricorda che non è necessario essere così rigidi nella moda.

In una comunità di Mori Girls, una ragazza ha detto: "Non devi avere così tanta paura di commettere errori". Questo perché è una moda naturale, in cui la natura è parte, e l'ideale è avere uno stile che non si discosti da standard estremi.

Stili giapponesi - harajuku - lolita - visual kei - decorare - gyaru - fata kei - festa di culto kei - seifuku keidolly kei - ragazza mori - otome kei - moda shironuri

otome kei

Otome Kei è uno stile più casual e riservato, che allude agli abiti degli anni 60. Otome Kei è uno stile casual estremamente femminile e delicato. Attualmente possiede alcuni marchi come MILK, Axes Femme e Temple Cute.

La moda, in termini di stile, ricorda la cultura kawaii giapponese, essendo simile allo stile Lolita, ma non confondete i due, in quanto l'otome kei ha colori allegri e colorati, così come il sottogenere Sweet Lolita.

La forma non deve necessariamente essere accentuata. Avere anche degli abiti che stanno sotto il seno, con accessori discreti, che si abbinano ai vestiti che indossi. Anche i capelli sono essenziali, così come i berretti, i cappelli, i diademi, i nastri… Ricordatevi di mantenere l'armonia.

Alcuni confondono la moda Otome Kei con il sottostile Casual Lolita, poiché i due sembrano simili a prima vista. Otome Kei, quindi, è uno stile molto più informale rispetto a Casual Lolita, seppur ben coordinato.

Casual Lolita è infatti più formale, in quanto richiede pezzi realizzati per la moda Lolita, in diverse combinazioni o in modi più esclusivi e unici.

Stili giapponesi - harajuku - lolita - visual kei - decorare - gyaru - fata kei - festa di culto kei - seifuku keidolly kei - ragazza mori - otome kei - moda shironuri

Metamorfosi Alternativa – Moda Shironuri

È una sottocultura estetica. Apparso per le strade di Harajuku, nel 2012 è diventato popolare, guadagnando nuovi seguaci. Una scultura vivente, come una tela bianca, le espressioni facciali sono completamente nascoste e puoi “ridisegnarle”.

Shironuri [白塗り] è uno stile di trucco giapponese, con origini tradizionali nel trucco degli artisti Maiko e Geisha e nel teatro Kabuki. Il termine stesso significa letteralmente "dipinto di bianco”.

La sua caratteristica principale sono le ciglia lunghissime e l'uso di Circle Lens che completano l'outfit. Alcuni cristalli si possono trovare intorno agli zigomi, molto sottili.

Dall'era Meiji (1868-1912) le arti giapponesi sono state influenzate dalle Belle Arti occidentali. Attualmente con la globalizzazione e le nuove tecnologie, le arti giapponesi hanno iniziato una nuova trasformazione: hanno preso tutto il loro bagaglio culturale e si sono reinventate, plasmandosi da influenze straniere.

Stili giapponesi - harajuku - lolita - visual kei - decorare - gyaru - fata kei - festa di culto kei - seifuku keidolly kei - ragazza mori - otome kei - moda shironuri

Le sue influenze di moda sono: Vintage Fashion, Kawaii, Gothic, Horror, Nature, Anime, Decora, Masquerade, Rave Culture, Cyber e molte altre fonti.

Lo stile Shironuri è diventato molto democratico, non c'è una regola (ad eccezione dei volti dipinti di bianco e delicatamente adornati) e continuamente reinventato, il dipinto fa riferimento a diversi contesti artistici: Tu sei il creatore della tua arte.

Il nero è il colore più classico nei capelli del Shironuri, ed è il tono naturale della maggior parte della popolazione giapponese, tuttavia, i toni colorati e appariscenti che danno un contrasto elevato sono abbastanza comuni. Di solito indossano parrucche molto piene, lisce o ricce. Di solito sono lunghi.

Minori