Xbox in Giappone, fallimento o puro disinteresse?

[ADS] Pubblicità

Non è un segreto che in storia dei videogiochi diverse aziende hanno attraversato momenti difficili quando hanno cercato di affermarsi in un nuovo mercato, ma uno dei casi più notevoli di resistenza interna in un mercato dei videogiochi è senza dubbio quello del mercato giapponese, il marchio Xbox, un marchio che, nonostante la sua relativo successo mondiale, mai avuto buoni risultati nel mercato giapponese.

E nonostante questo "fallimento" sia ben noto, questa storia è molto sconosciuta e molto comunemente fraintesa, principalmente dal comunità di gioco online, che crea molti meme e lo usano costantemente per dire che declassano la piattaforma, ma diamo un'occhiata a quella storia e ti mostriamo cosa ha reso il marchio Xbox così in Giappone.

Un inizio difficile per Xbox in Giappone

Il marchio Xbox ha avuto un inizio molto difficile in Giappone molto prima ancora che fosse rilasciato, sì, è vero, anche prima che la console fosse rilasciata, gli sviluppatori sapevano che competere nel mercato giapponese era essenziale per garantire che gli sviluppatori giapponesi sviluppassero giochi per la console e contribuire a rendere popolare la console nel paese (che all'epoca era uno dei più grandi mercati per le console domestiche).

Xbox in Giappone, fallimento o puro disinteresse?

Ma anche con alcune partnership e anche la partecipazione di Bill Gates a molti eventi e nella promozione della console per gli sviluppatori, il marketing non ha funzionato, motivo? oltre a non convincere i giocatori giapponesi, c'era molta concorrenza da parte di Nintendo e Sony, che erano molto più alleati con gli sviluppatori e avevano già più dominio e popolarità sul mercato.

Ma nonostante tutte queste difficoltà, la console ottenne un piccolo successo, con circa 450.000 unità vendute in Giappone (numero abbastanza diverso dai suoi concorrenti nel paese) anche se la console aveva ancora alcune esclusive (come Dead or Alive 3 e Metal Wolf Chaos ).

Nuove generazioni e più problemi

Con la nuova console dell'azienda in procinto di essere lanciata, Microsoft ha utilizzato una strategia molto simile a quella utilizzata con l'Xbox originale, tuttavia, questa volta ha puntato molto più in alto, con giochi più esclusivi come Lost Odyssey, Blue Dragon e giochi di maggiore appeal al pubblico giapponese, oltre al marketing più aggressivo, ma la storia si è solo ripetuta, e ancora una volta la console non ha venduto come previsto (circa 1,6 milioni di unità in Giappone, una frazione delle sue oltre 89,5 milioni di unità nel mondo), questo senza un dubbio ha fatto ripensare a Microsoft le sue strategie e lasciare un po' da parte il mercato giapponese, non solo perché si trattava di un investimento senza ritorno, ma anche per via della crescita delle console portatili (area dominata da nintendo) e dei giochi mobile nel mondo. paese, che ha influenzato non solo la Xbox 360, ma anche tutte le vendite di console domestiche nel paese che ha registrato cali drastici delle vendite.

Xbox in Giappone, fallimento o puro disinteresse?

E al lancio dell'ottava generazione di console, Xbox One viene lanciata in Giappone (quasi 1 anno dopo rispetto al resto del mondo), e ha un tragico lancio con solo 1.639 unità vendute e con meno di 70.000 unità vendute a data (mentre la Xbox One S è già stata venduta come lettore Blu-ray), questa volta il problema non è stato solo con la mancanza di popolarità, ma anche con un marketing inesistente e poco o nessun investimento in contenuti, e in un mercato dominato da giochi mobili e console portatili, che ha solo smorzato l'interesse dei giocatori.

Tutta colpa di Microsoft o del mercato giapponese?

In un certo senso entrambe le parti hanno un peso in questa domanda, poiché vediamo chiaramente che nonostante tutti gli investimenti, l'azienda ha dimenticato di fornire ciò che i giapponesi volevano all'inizio, i giochi giapponesi, e anche quando se ne sono accorti con la Xbox 360 e hanno investito molti soldi nella produzione di più giochi e nel marketing per la diffusione di questi giochi, è stato mal ricevuto, cioè, anche quando è stato più dedicato, è stato ignorato dal mercato e ha finito per fallire nelle realizzazioni dei giocatori giapponesi , che ora sono sempre più

Ma oltre a ciò, devi ricordare che il marchio Xbox non è stato il primo a fallire nel paese, con molti altri che non hanno nemmeno avuto una possibilità, questo è tipico in un paese in cui i prodotti nazionali sono più apprezzati, non perché siano necessariamente migliori , ma per il semplice fatto che questa è la cultura del popolo giapponese, ma ciò non significa che non sia possibile, perché aziende come McDonald`s e Apple hanno un relativo successo.

Xbox in Giappone, fallimento o puro disinteresse?

C'è ancora speranza per Xbox in Giappone?

Dal lancio di Xbox One in Giappone la situazione non sembra cambiare, ma da quando Phil Spencer, direttore della divisione Xbox ha fatto delle visite in Giappone e con il lancio di Xbox One X le cose sono migliorate, con sempre più più giochi giapponesi che compaiono sulla console e più partnership commerciali (come la commercializzazione in esclusiva di giochi come Dragon Ball Super e Code Vein), il che fa pensare che forse nel prossimo futuro Microsoft proverà qualcosa di nuovo in terre nipponiche, ma che , lo dirà solo il futuro!

E tu, pensi che Xbox possa ancora avere successo in Giappone?Credi che sia da biasimare per il disinteresse del mercato giapponese? Cosa pensi che risolverebbe questo? またね!

Infine, lasciamo l'opinione di Velberan su questo argomento...

Condividi questo articolo: