Riferimenti giapponesi in Star Wars

È decisamente impossibile che qualcuno abbia mai visto o sentito parlare Guerre stellari, perché questo è uno dei franchise più grandi (se non il più grande) della storia del cinema, ed è stato o fa ancora parte della vita di molti fan della saga. Ma lo sapevi che in Star Wars puoi trovare molti riferimenti al Giappone o alla cultura giapponese?

Star Wars, infatti, si riferisce a vari popoli e culture in giro per il mondo, oltre a tempi diversi, ma i più evidenti sono quelli che citano la cultura giapponese. Uno dei principali è il caratteristico elmo di Dart Fener, realizzato secondo le caratteristiche originarie del kabuto, elmo utilizzato dai samurai.

Questo è uno degli esempi più notevoli di elementi della saga ispirati alla cultura giapponese. Ci sono ancora diversi altri personaggi, nomi e vestiti del franchise legati al Giappone, e in questo articolo vi presenteremo i principali riferimenti al Giappone contenuti in Star Wars.

Consigliamo anche di leggere il nostro articolo su Frasi di Star Wars in giapponese.

Darth Vader e il samurai

Cominciamo con il personaggio più famoso della saga, che è ricca di riferimenti ai samurai, Darth Vader. Durante la creazione dell'aspetto del personaggio, il regista George Lucas e il direttore artistico Ralph McQuarrie hanno avuto una conversazione su come sarebbe stato il cattivo.

Ispirandosi ai samurai giapponesi, decisero che oltre al suddetto elmo, avrebbe indossato anche una maschera ispirata a una specie di maschera di metallo chiamata menpo. Queste maschere di metallo potevano essere indossate solo dai guerrieri più rispettati del Giappone e sono state modellate a immagine di demoni, bestie feroci e fantasmi.

Inoltre, indossa anche un tipo di mantello, simile a quelli usati dai samurai per ingannare i nemici durante il combattimento, rendendo impossibile per l'avversario poter vedere il movimento delle gambe del suo samurai, rendendo difficile prevedere gli attacchi.

Riferimenti giapponesi in Star Wars

le arti marziali

Ora parlando del arti marziali utilizzato nel film, osserviamo ancora la presenza dei samurai, perché i jedi sono abbastanza simili ai samurai sotto diversi aspetti, come, ad esempio, la totale obbedienza al loro maestro e il legame quasi religioso che avevano con l'arma usata in battaglie. Ma, in aggiunta, possiamo notare che l'arte marziale usata dai jedi è la stessa usata dai samurai.

Stiamo parlando della tecnica di Shinakoi, l'arte marziale usata in Star Wars e dai samurai. Questa arte marziale ha raggiunto il suo apice in Giappone tra il Kamakura roblox Muromachi ed è stato utilizzato da samurai per il miglioramento spirituale e mentale, che era molto importante per la formazione del carattere del guerriero. Tratti molto importanti per un jedi.

Chiunque pratichi il kendo può riprodurre i movimenti dei personaggi nel film. Una somiglianza, ad esempio, è il fatto che Lord Vader sferra molti dei suoi colpi da una posizione chiamata hasso (una posizione in cui la spada è posizionata vicino alla testa). Altre mosse sono usate anche da Qui-Gon Jinn, Obi-Wan, Luke e Qui-Gon Jinn come chudan, jodan, gedan e waki. Anche il modo in cui si impugna la sciabola è simile alla descrizione dell'arte marziale giapponese.

Riferimenti giapponesi in Star Wars
lotta di kendo

Regina Amidala

L'influenza del Giappone su La minaccia del Fantasma influenzò notevolmente l'aspetto dei personaggi, in particolare quello della regina Amidala (interpretata da Natalie Portman) - che sarebbe poi diventata la moglie di Anakin e la madre della principessa Leia e di Luke Skywalker.

La scelta del tuo vestito - un kimono grigio – non è stato un caso, in quanto il costume aiuta molto a rendere l'incontro tra la regina Amidala e il senatore Palpatine (interpretato da Ian McDiarmid) una cerimonia davvero speciale. Con l'aiuto di questo vestito, la regina Amidala dà l'immagine di una regina sovrana.

Il capo del team di truccatori di questo film, Paul Engelen, ha commentato l'aspetto del personaggio: “Abbiamo combinato molte influenze per comporre il look della regina. Prevale lo sguardo orientale: la base bianca, la bocca rossa, l'acconciatura elaborata” che ricorda a Geisha.

Star Wars - Riferimenti giapponesi in Star Wars
Riferimenti giapponesi in Star Wars

L'artigo è ancora a metà, ma consigliamo di aprirlo per leggere quanto segue in seguito:

Darth Maul

L'ultimo personaggio della nostra lista promette di lasciare una legione di fan in tutto il mondo, ovviamente non poteva mancare Darth Maul (Ray Park). Questo personaggio è già un successo, anche prima del debutto in Giappone era facile trovare magliette, bambole e cose varie a lui legate.

Ma il segreto di questo successo è molto più nell'aspetto che nell'atteggiamento del cattivo. L'incredibile “tatuaggio” nero e rosso, insieme alle varie corna che gli circondano la testa, aiutano molto a far sembrare Maul il diavolo in persona. E in Giappone, il diavolo ha la faccia maschere oni.

Le maschere Oni hanno la loro origine in un'antica leggenda giapponese secondo cui le persone che morivano senza un adeguato rituale funebre diventavano un demone.

Questa parola serviva anche a legittimare le persone che non erano praticanti del buddismo o che commettevano il peccato di gola. Chiunque lo facesse cadrebbe immediatamente nell'inferno della fame, e diventerebbe un gaki, cioè a oni di fame.

Star Wars - Riferimenti giapponesi in Star Wars

Leggi altri articoli dal nostro sito web

Grazie per aver letto! Ma saremmo felici se dai un'occhiata agli altri articoli qui sotto:

Legga i nostri articoli più popolari:

Conosci questo Anime?