Nori – Tutto sulle famose alghe usate nel sushi

le alghe nemmeno io [海苔] è molto usato nei cibi giapponesi. Il suo uso quotidiano è di tale importanza nella cultura giapponese e nell'aggiungere sapore ai piatti in cui viene utilizzato. Nonostante ciò, è poco conosciuta in tutto il mondo.

Compone piatti popolari come hossomaki e uramaki rolls, sushi, onigiri (polpette di riso), come condimenti negli obentôs, oltre ai temaki molto apprezzati in Brasile.

I nori sono semplicemente foglie sottili e secche, ottenute dal processo di disidratazione delle alghe commestibili della specie. porfira (Alghe Rosse).

Se vuoi imparare a preparare il tuo sushi e magari anche diventare un sushiman, ti consigliamo di fare clic qui e conoscere il programma Sushibilidade.

Se vuoi conoscere alcune curiosità sul sushi, abbiamo anche il video qui sotto:

Origine dell'Alga Nori

Il termine nemmeno io, era precedentemente usato genericamente e riferito alle alghe in generale, comprese hijiki. L'alga ha una storia che risale all'VIII secolo. Nel Codice Taihō c'erano già le tasse sulle alghe emanate nel 701.

La popolazione locale è stata attribuita al lavoro di essiccazione delle alghe nella prefettura di Hitachi Fudoki (721-721). Mentre si parlava della raccolta degli stessi nella provincia di Izumo Fudoko (713-733).

Questo dimostra che il nori è un alimento che esiste da molti secoli. In Utsubo Monogatari, scritto intorno al 987, le alghe erano riconosciute come un alimento comune e quotidiano.

oh nemmeno io fu consumato a lungo sotto forma di pasta, ma acquisì una forma in fogli intorno al 1750 ad Asakusa grazie al metodo di fabbricazione della carta.

La parola 'nemmeno io' è apparso per la prima volta in una pubblicazione inglese su "Trav di CP Thunberg", pubblicato nel 1796. Fu citato come "Awa nori", probabilmente riferito a quello che oggi viene chiamato 'aonori'.

Nori - tutto sulle famose alghe usate nel sushi

Il declino di Nori

Nori andò in grande declino dopo la seconda guerra mondiale, così come molti cibi. La causa di ciò era la mancanza di conoscenza dei popoli rimanenti.

Le alghe subiscono un ciclo in tre fasi per la loro coltivazione e questo metodo tradizionale non era noto a molti. Ma lo scenario è cambiato con la conoscenza del lavoro di uno psicologo britannico, "Kathleen Mary Drew-Baker", che ha ricercato la porfiria ombelicale.

Cresciuta in Galles, che raccoglieva anche alghe come in Giappone, i giapponesi, conoscendo la loro ricerca, applicarono nuovi processi artificiali per la semina e la coltivazione delle piante, rinascendo l'industria della produzione di alghe.

Nori - tutto sulle famose alghe usate nel sushi

Kathleen Baker è stata acclamata come la "Madre del mare" in Giappone, con una statua eretta in sua memoria. È ancora venerata come la salvatrice dell'industria giapponese del nori.

Non c'è un'origine certa, ma come abbiamo visto, le alghe sono state utilizzate per molti anni dai giapponesi, che oggi le usano in molti modi e quotidianamente nella loro vita quotidiana.

Com'è la produzione di Nori?

La produzione del nori utilizza una tecnica agricola avanzata. Per essere realizzati in piccolo e grande"fattorie” in riva al mare, il tutto utilizzando reti sospese sulla superficie dell'acqua, questi luoghi sono proprio dove cresce l'alga Porphyra.

È sorprendente la velocità con cui crescono, circa 45 giorni fino al primo raccolto. Una singola piantagione può produrre molti raccolti, in piccoli intervalli di soli 10 giorni.

Nori - tutto sulle famose alghe usate nel sushi

Oltre all'avanzata tecnica di coltivazione, la raccolta si avvale anche di raccoglitrici meccaniche adatte al processo. Dopo il processo di raccolta, le alghe raccolte passano attraverso un altro processo per generare foglie sottili e secche, di circa 18×20 cm, del peso di soli 3 grammi.

La maggior parte delle alghe viene prodotta in Giappone e anche in Cina, che ne produce circa 1 terzo. In Giappone, la produzione principale avviene in una regione chiamata Ariake Bay, sull'isola di Kyushu.

Inoltre, la produzione di alghe guida anche l'industria marina e del lavoro in Giappone.Le alghe prodotte rappresentano oltre 98% della produzione marina in Giappone dal 1984. Inoltre, la coltivazione di Porphyra impiega più di 16.800 lavoratori.

i benefici per la salute di nori

Le alghe hanno molti benefici, grazie alle sue ricche proprietà in proteine, calcio, ferro, vitamina A, B e C, oltre a contenere quasi il doppio di proteine di alcune carni.

Ha un'ottima fonte di iodio per il funzionamento della ghiandola tiroidea. Sono ricchi di caroteni e possono avere un effetto protettivo contro la mutazione di alcune cellule tumorali.

Nori - tutto sulle famose alghe usate nel sushi

L'alga Nori è ottima anche per chi è in procinto di perdere peso, grazie ai suoi bassi livelli di grassi e calorie, oltre al suo alto contenuto di fibre, che fa bene alla digestione. Tutti i benefici delle alghe si attivano solo con un'alimentazione frequente delle alghe.

Se ne consiglia il consumo perché aiuta anche nella cura di malattie come l'anemia e le malattie cardiovascolari, in quanto è efficace nel ridurre il colesterolo, oltre a prevenire l'arteriosclerosi e l'ipertensione, in quanto rafforza le pareti delle arterie.

Un altro punto positivo è contribuire alla salute del sistema endocrino e nervoso, con conseguente capelli forti e sani, pelle liscia e tolleranza allo stress.

Nori - tutto sulle famose alghe usate nel sushi

Ci sono una serie di fattori che definiscono la qualità delle alghe. Uno di questi è il fatto che hanno una crescita ideale negli oceani. Perché vivono in abbondanza dei nutrienti che offre il mare. 

Le correnti sottomarine rilasciano anche loro sostanze nutritive e agiscono per espellere i residui delle piante. Di conseguenza, le alghe marine concentrano più minerali che raramente si trovano nelle piante terrestri.

Precauzioni quando si ottiene il Nori

In Giappone esistono grandi quantità di alghe che vengono coltivate con metodi e lavorazioni improprie, che possono compromettere la qualità delle alghe, oltre a provocare la perdita di nutrienti per l'azione naturale del mare.

Per avere un'alga di buona origine, è necessario che sia coltivata nel suo habitat naturale, essendo raccolta in oceani profondi, privi di inquinamento.

Oltre, naturalmente, alla vendita di buoni metodi per il suo completamento. Pertanto, assicurati sempre che le alghe che acquisti o consumi in un ristorante siano una buona fonte.

Se vuoi comprare nori in Brasile, ti consigliamo di andare su negozio konbini cliccando qui. Puoi trovare diversi tipi di nori al miglior prezzo.

Condividi questo articolo: