Yonsei: discendente giapponese di quarta generazione

[ADS] Pubblicità

Tutto è iniziato all'inizio del XX secolo, quando il Giappone era sovrappopolato dopo aver trascorso circa 200 anni completamente isolato dal resto del mondo. Con la fine di questo periodo il Giappone iniziò a modernizzarsi e questo causò la disoccupazione di migliaia di contadini che a sua volta causò problemi economici e sociali, così il governo giapponese decise di favorire l'emigrazione dei suoi abitanti attraverso accordi con altri paesi come USA, Perù, Messico e Brasile. I primi giapponesi in Brasile arrivarono intorno al 1908, con una media di 783 lavoratori per i raccolti, nel 1973 il numero di Nikkei in Brasile era vicino a 200.000.

Nikkei (giapponesi e discendenti che vivono fuori dal Giappone). Il Brasile è attualmente il Paese con la più alta concentrazione di Nikkei, con circa 1,6 milioni di essi.

• Issei – giapponese venuto in Brasile – prima generazione;
• Nissei – Figlio di giapponesi – seconda generazione;
• Sansei – Nipote di giapponese – terza generazione;
• Yonsei – pronipote di giapponese – quarta generazione;

visto Yonsei

Nel 1980 il Giappone aveva bisogno di manodopera e così iniziarono a essere create leggi per facilitare l'ingresso di lavoratori stranieri nel paese. Nel 1990 è stata modificata la "legge sul controllo dell'immigrazione", che ha permesso a Nikkei fino alla terza generazione (sanseis) e ai loro coniugi di entrare nel paese e svolgere qualsiasi attività retribuita con un Visa di soggiorno relativamente lungo. Per gli Yonsei è più complicato in quanto possono andare in Giappone solo se sono minorenni (dopo i 16 anni è più difficile per Yonsei ottenere il visto) e sono accompagnati dai genitori.

visto di lavoro per yonseis

Quello che molti Yonsei vogliono e hanno potuto dimostrarlo alle autorità giapponesi è il diritto a un visto di lavoro allo stesso modo che hanno la seconda e la terza generazione. Attualmente ciò non avviene, in quanto gli Yonsei possono ottenere solo visti per persone a carico, ma con il crescente bisogno di lavoro, tra l'altro, il governo giapponese ha portato al parlamento del Paese, che è stato analizzando la proposta. Tuttavia, l'aspettativa iniziale è quella di rilasciare il visto vacanza-lavoro.

visto vacanza-lavoro

Questo tipo di visto consente al richiedente di rimanere per un certo periodo di tempo nel paese, mentre è possibile studiare e persino trovare un lavoro per aiutare con le spese. Il visto per vacanza lavoro viene concesso attraverso un accordo reciproco tra due Paesi per favorire i viaggi e lo scambio di esperienze tra i propri cittadini. Ma questo tipo di visto ha alcune restrizioni come:

• Limite di età del richiedente (di solito dai 18 ai 35 anni);
• Limite orario di lavoro (ES: contratto di 3 mesi, con 20 ore settimanali);
• Il richiedente deve avere abbastanza soldi per mantenersi (mentre cerca un lavoro);
• Il richiedente deve avere una qualche forma di assicurazione sanitaria o di viaggio durante il periodo di soggiorno (a meno che il paese non la copra);

Questi sono solo esempi di come funziona generalmente il visto Working Holiday.

Visto Working Holiday per Yonseis

Il deputato giapponese Jiro Kawasaki del partito PLD (Partito Liberal Democratico) fa parte della commissione che si occupa della mancanza di lavoro e dell'incentivo ad entrare nel mercato del lavoro. Guarda cosa ha detto il vice dello Yonsei a Silvia Kikuchi di Alternativa Online:

“Siamo partiti con una proposta immediata di Working Holiday e con la condizione che impariamo il giapponese, vogliamo aumentare il numero di Yonsei. Siamo in attesa. Con il sistema Working Holiday, le persone vengono e rimangono un anno in Giappone per poter lavorare, proprio come i borsisti. Ma abbiamo pensato di estendere la durata a tre anni solo per Nikkei. Prima di tutto, siamo felici che arrivino i Nikkei, ma la nostra preoccupazione principale è l'educazione dei bambini. Working Holiday non durerà così a lungo. "

Silvia ha chiesto: -Forse un anno?

La risposta del deputato: -Sì!

L'aspettativa è che entro un anno (l'intervista è andata in onda il 16/06/2017) verrà rilasciato il visto per Yonseis, che inizialmente sarà per Working Holiday.

Come vince il Giappone con l'arrivo degli Yonsei

Il Giappone soffre, tra gli altri problemi, dell'invecchiamento della popolazione e della mancanza di manodopera. Con l'arrivo degli Yonsei, la mancanza di manodopera può essere facilmente risolta, e con la proposta del governo giapponese di offrire (sarà più un requisito, forse anche obbligatorio) l'insegnamento della lingua giapponese, questa manodopera può arrivare a qualificarsi, come il governo giapponese vuole una maggiore integrazione degli immigrati nella società giapponese in modo che i problemi che ora affliggono il popolo giapponese possano essere risolti una volta per tutte. In altre parole, lo Yonsei potrebbe finire per essere un grande aiuto per il Giappone e anche per il Brasile, poiché il rapporto tra i due paesi tende a rafforzarsi ea incoraggiarsi sempre di più.

Articolo presentato da Matheus Takeda

Condividi questo articolo: