Tenji - La facilità del Braille in giapponese

[ADS] Pubblicità

Tenji [点字] è la parola giapponese per Braille, l'alfabeto utilizzato da persone con disabilità visive che utilizza un rilievo di 6 punti per rappresentare le lettere e consentire alle persone di leggerle.

La parola giapponese Tenji [点字] è letteralmente una combinazione di ideogrammi di punti e lettere, quindi è letteralmente un alfabeto di punti.

Consigliamo di leggere:

L'uso del Braille in Giappone

In Giappone, il Braille è ampiamente utilizzato come strumento di accessibilità per le persone con disabilità visive, consentendo loro di leggere e scrivere in modo indipendente.

È comune trovare cartelli ed etichette con informazioni in Braille in aree pubbliche come bagni e ascensori, rendendo questi spazi accessibili a tutti.

Inoltre, sono disponibili stampanti e monitor Braille specifici per uso personale, che consentono alle persone ipovedenti di accedere alle informazioni e comunicare in modo efficiente.

Servizi igienici in stile occidentale in Giappone

Il Giappone ha anche una legge sul diritto d'autore che consente la riproduzione di opere pubblicate in Braille, anche durante il periodo di protezione del diritto d'autore. Questo è sorprendente, in quanto consente a tutte le persone di avere accesso alle informazioni e di poter comunicare in modo indipendente e inclusivo, senza dipendere dagli autori per creare il contenuto.

Inoltre, nelle strade del Giappone, i suoni vengono emessi nei semafori in modo che i non vedenti possano identificare il segnale aperto e chiuso. Ogni piano è coperto di strisce gialle.

Contenitori per shampoo, confezioni di carta, registri di carte prepagate, moduli e molti altri oggetti dal Giappone sono creati pensando alle persone ipovedenti.

Cecità in Giappone, scrittura braille alla stazione di Osaka

Blocco giallo per le strade del Giappone

Hai visto quei blocchi gialli sui marciapiedi e nelle stazioni ferroviarie in Giappone? Questi blocchi sono usati dai non vedenti per percorrere i loro sentieri in sicurezza.

Il primo pad Braille è stato installato in Giappone, inventato da Seiichi Miyake nel 1965 e sviluppato il 18 marzo 1967 all'attuale intersezione della Route 250 Haraojima Route a Naka-ku, Okayama.

Esistono due tipi di blocchi Braille, un blocco allineato con linee rette (blocco lineare) che indica la direzione di marcia e un blocco di avvertenza a forma di punto (blocco dotale) che indica la posizione di luoghi pericolosi e installazioni guidate.

Blindway nella stazione della metropolitana

Braille in lingua giapponese

La scrittura braille in lingua giapponese segue la struttura a 6 punti come la maggior parte dei paesi. I punti sono numerati da 1 a 6, con i tre punti a sinistra numerati da 1 a 3 e i tre punti a destra numerati da 4 a 6.

I punti presenti sono rappresentati da “●” ei punti assenti da “○”. È importante notare che questo è il modo in cui viene letto e che, quando si scrive con l'ausilio di dispositivi come una macchina da scrivere braille, l'ordine dei punti viene invertito a causa della tecnica di pressione dei punti sul retro del foglio.

La lingua giapponese è tradizionalmente composta da 3 alfabeti, essendo hiragana, katakana e kanji. In braille questo è semplificato, l'hiragana e il katakana sono uguali e non ci sono kanji.

In sostanza, il Braille in giapponese è quello che sognano molti stranieri e giapponesi, avere un alfabeto composto solo da lettere sillabiche senza ideogrammi, ma sappiamo che gli ideogrammi sono importanti per comprendere la grammatica e le parole con pronunce simili.

Consigliamo di leggere: Perché i giapponesi usano gli ideogrammi (Kanji) nella loro lingua?

Tenji - la facilità del braille giapponese

Com'è il suono Dakuten e contratto in Braille?

A differenza del giapponese tradizionale, quando una lettera deve contenere dakuten o handakuten (バパ), prima della lettera giapponese viene utilizzata una struttura con un punto nel numero 5 per dakuten e 6 per handakuten.

Consigliamo di leggere: Dakuten e handakuten – Citazioni giapponesi

Lo stesso accade con il suono contratto (きゃ) , che è segnato al punto numero 4. La differenza sta nella lettera, che generalmente rappresenterà il suono del piccolo kana, per esempio: [きゅ] si usa [く] eきゃ si usa [か].

Il dakuten può essere mescolato con il suono contratto, quindi nel tasto precedente possiamo segnare i punti 4 e 5 seguiti da [か] per rappresentare [ぎゃ]. Non so se hai capito, ma per semplificare, lasciamo le immagini qui sotto:

Tenji - la facilità del braille giapponese
Tenji - la facilità del braille giapponese
Tenji - la facilità del braille giapponese

Comunicazione Braille utilizzando le dita

Il sistema di comunicazione noto come “hand scoring system” o “finger scoring system” è un modo utilizzato dalle persone non vedenti e sorde per comunicare.

Utilizza sei dita (pollice, indice, medio, anulare, mignolo) per rappresentare i sei puntini del sistema Braille. Questo sistema è stato creato da Reiko Fukushima nel 1981 ed è stato presentato in inglese alla 4a conferenza mondiale di Helen Keller, tenutasi a Stoccolma nel 1989.

Il sistema di punteggio manuale segue le regole Braille ma è stato adattato per l'uso conversazionale. Ad esempio, non utilizza spazi tra le parole, non utilizza segni di punteggiatura come il punto e virgola, utilizza la punteggiatura fonetica, inizia con il nome della persona che comunica e utilizza abbreviazioni per parole comuni.

Il sistema di punteggiatura manuale è più veloce e preciso di altre forme di comunicazione come la scrittura a mano o il sistema di comunicazione manuale, e può essere facilmente appreso anche da chi già conosce il Braille.

Condividi questo articolo: