Lingua di genere in lingua giapponese

Se studi la lingua giapponese, dovresti sapere che include diverse parole o varianti per una cosa. Molte di queste variazioni sono legate alla cultura, alla gerarchia, alla cortesia e alla formalità. Oggi parleremo del linguaggio di genere. Anche il modo in cui uomini e donne parlano in lingua giapponese tende a cambiare e ad avere le sue variazioni.

Se studi i pronomi giapponesi, noterai che ci sono diversi modi di parlare me e tu separati per genere. Ci sono anche parole, costruzioni e desinenze considerate più maschili o più femminili. È molto evidente che le donne parlano in modo molto diverso dagli uomini in Giappone.

Le parole femminili si chiamano onna kotoba (女言葉) mentre si chiamano abitudini conversazionali femminili Joseigo (女性語). Le parole maschili si chiamano otoko kotoba (男言葉) e la sua conversazione e lingua è danseigo (男性語). C'è anche l'espressione (女/男)らしい per riferirsi al comportamento di genere.

Lingua di genere in lingua giapponese

La differenza tra uomini e donne

Le parole e le desinenze giapponesi che tendono ad essere popolari in ogni genere non sono così importanti da essere imbarazzati a parlare come una ragazza (o viceversa). Ci sono cose oltre alle parole che separano il linguaggio femminile da quello maschile. A volte queste parole e finali finiscono per aiutare in questo.

Le donne tendono a parlare in modo più dolce e sottomesso. Per questo lei sceglierà parole sempre più morbide mentre gli uomini sceglieranno parole più forti, aggressive e dirette. Ricorda che il linguaggio di genere viene utilizzato solo in conversazioni casuali, non solitamente utilizzato per iscritto o conversazioni formali.

Le donne tendono a usare più spesso forme raffinate di grammatica. Sebbene molti anime utilizzino il linguaggio di genere, sempre più donne parlano solo un linguaggio neutro senza queste espressioni femminili. Ci sono molte varianti, eccezioni e regole che devono essere esaminate prima di giungere a qualsiasi conclusione.

Lingua di genere in lingua giapponese

Non devi preoccuparti così tanto della lingua e del genere quando studi il giapponese. Come per il keigo e il linguaggio formale, dovresti lasciare quest'ultimo nei tuoi studi. Di solito stai imparando il modo neutrale di parlare e parlare. Principalmente perché il linguaggio del genere è in continua evoluzione.

Terminazioni e loro generi

Ci sono finali che sono più appropriati per essere pronunciati da un particolare genere. Se esaminiamo in dettaglio l'evoluzione linguistica del Giappone, vedremo che le donne hanno iniziato a creare la propria lingua, mentre gran parte del linguaggio maschile rimane nello schema neutro.

Le desinenze giapponesi spesso mettono l'accento o una forza speciale sulla parola o sul verbo alla fine delle frasi. Le donne usano spesso i seguenti finali:

  • - wa
  • - wa yo
  • - wa ne
  • - no no
  • - no tu
  • - in
  • – da ko to
  • - in
  • - non c'è bisogno
  • – da wa
  • - no tu
  • - tu tu

Gli uomini, d'altra parte, di solito usano i seguenti finali: 

  • - sì
  • - zee
  • - ze
  • だぞ – da zo
  • だな – da na
  • だ – di
  • だね – da ne
  • - in
  • - sa
  • - zo
  • かい - kai

Praticamente tutti gli esempi precedenti erano usati da entrambi i sessi. Alcuni sono ancora un po' neutri e possono essere usati da entrambi, tutto dipende dall'occasione, dalla voce, dalla regione e dall'ultima parola della frase. La maggior parte di questi finali ha acquisito generi dopo l'era Meiji.

Le ragazze tendono a fare più domande senza usare ka (か) o usano espressioni come の e なの. I ragazzi, invece, usano più spesso か nelle domande e solitamente usano anche かい e だい.

Lingua di genere in lingua giapponese

Altri punti del linguaggio di genere

Vediamo alcuni esempi di parole, espressioni e domande in neutro, maschile e femminile. Ti consigliamo di comprendere almeno le basi del giapponese, poiché utilizzeremo solo hiragana e alcuni kanji dell'N5.

Neutro Maschile Femminile
行く 行くよ 行くわよ
日本人 日本人だ 日本人だわ
高いのか? 高いのかい? 高いの?
何? 何だい? 何なの?
僕/俺 あたし

 

I pronomi giapponesi sono separati per genere, ma ironicamente i nomi e le parole giapponesi di solito non hanno genere. C'è, per esempio, la parola gatto e gatto, solo neko. In alcuni rari casi, i giapponesi usano spesso onorifici che possono distinguere un nome neutro da femminile e maschile.

Spero che l'articolo ti sia piaciuto! Apprezziamo i tuoi commenti e la tua condivisione. Ti consigliamo di approfondire questa differenza nella lingua maschile e femminile dal giapponese leggendo gli altri articoli di seguito:

Condividi questo articolo: