Koseki: il record di famiglia giapponese

Il Koseki (戸 籍) o registro di famiglia è un documento che serve a riconoscere le famiglie giapponesi. Questo record deve contenere nascite, decessi, matrimoni e altre informazioni sulla famiglia.

Questo documento aiuta anche a identificare i membri della stessa famiglia e dimostra anche il grado di parentela se qualcuno vuole vivere in Giappone per ottenere un visto di lavoro, ad esempio.

Comprendiamo ora meglio Koseki e l'importanza di questo documento per la popolazione giapponese.

Koseki: il record di famiglia giapponese

struttura del record

La registrazione della famiglia giapponese è conforme alla Legge sulla registrazione della famiglia, (戸 籍 法), articolo 13 e deve contenere le informazioni principali:

  • Cognome e nome di battesimo;
  • Data di nascita;
  • Data di registrazione e cause (matrimonio, morte, adozione, ecc.);
  • Nomi di padre e madre e rapporto con loro;
  • In caso di adozione deve riportare i nomi del padre e della madre adottivi;
  • Se sposato, indicare se la persona è marito o moglie;
  • Se trasferito da un altro Koseki, il vecchio Koseki (succede nei casi di figli che si sposano e non appartengono più alla famiglia Koseki e si fanno da soli);
  • Famiglia registrata (honseki-chi).

Questo documento è solitamente lungo una pagina e man mano che nascono i bambini il numero di pagine aumenta. Ogni modifica apportata al documento deve essere registrata e autenticata a norma di legge.

Koseki: il record di famiglia giapponese

Questo documento fa solo un'eccezione per i membri della Casa Imperiale del Giappone, che non hanno esattamente un koseki, ma un Registro del Lignaggio Imperiale (皇 統 譜, kotofu ). Questa misura è conforme all'articolo 26 della Legge della Casa Imperiale.

Koseki ha la stessa funzione rappresentativa dei certificati di nascita, morte, matrimonio e censimento come qui in Brasile.

L'origine di Koseki

Koseki ebbe i suoi inizi nel VI secolo in Cina, ma funzionava come un censimento chiamato kōgo no nenjaku (庚午 年 籍). Qui in Brasile, è come l'IBGE, responsabile della raccolta di informazioni dalle famiglie per conoscere il profilo delle famiglie brasiliane. 

L'ufficializzazione di Koseki avvenne solo dopo il restauro del periodo Meiji. All'inizio di questo periodo la popolazione era ancora divisa in feudi e questo rendeva più difficile l'organizzazione delle persone.

 Quindi è stato necessario essere più attenti nel censimento per sapere dove si trova il famiglie giapponesi e come vivevano per migliorare anche gli affari commerciali. C'era anche un mix di persone straniere e cittadini giapponesi.

Dopo il 1910 sono state effettuate alcune riforme nel sistema Koseki e nel 2003 è stato accettato che le persone che si identificavano con un genere diverso da quello sul registro potessero fare il cambio di genere nel documento. 

Koseki: il record di famiglia giapponese

Gli stranieri possono avere Koseki?

La risposta è no! Questa registrazione è limitata ai cittadini giapponesi. Quando un nativo sposa qualcuno di un altro paese, ad esempio, può nominare il coniuge sul documento, ma il coniuge non può essere considerato il capofamiglia. 

Dopo le riforme del 2012, anche se uno straniero non può avere un Koseki, può avere un certificato di residenza noto come jumin-hyo (住民票). Questa registrazione era inizialmente riservata ai cittadini giapponesi per fornire servizi pubblici e riscuotere entrate fiscali, ora tutti possono accedervi.

E se qualcuno ha un certo grado di parentela con un giapponese e ha bisogno di un visto di lavoro, può richiedere Koseki per posta.

Può anche capitare che i genitori giapponesi abbiano un figlio all'estero, nel qual caso si possono includere fino a tre mesi di vita. E se una persona ha meno di vent'anni e vive in Giappone da più di cinque anni, può ricevere il cittadinanza giapponese.

Koseki: il record di famiglia giapponese

Curiosità su Koseki

Poiché il Giappone adotta ancora una tradizione patriarcale nel documento, è richiesto un capofamiglia e nella maggior parte dei casi sono uomini. La persona che ottiene il nome in cima alla lista si chiama hitto-sha (筆頭者). 

L'intera famiglia deve essere iscritta con il solo cognome del padre, la regola cambia solo quando i figli formano la propria famiglia. Inizialmente, era una regola per la moglie prendere il cognome del marito, ma dal 2015 alla moglie è permesso mantenere il suo cognome da nubile. Se il marito vuole prendere il cognome della moglie, solitamente perché è un nome di una famiglia importante, può farlo anche lui ma non è comune.

Attualmente un Koseki può avere le informazioni di solo due generazioni per famiglia, cioè di solito una coppia ei loro figli. 

Koseki ha quattro categorie: Koseki Tohon (戸籍謄本), Kotofu (皇統譜), Koseki Shohon (戸籍抄本) e Koseki Joseki Tohon (戸籍除籍謄本). 

 Koseki Tohon è un koseki completo con informazioni di base sui cittadini. Kotofu è il record del lignaggio imperiale. Koseki Shohon è l'informazione individuale di un membro della famiglia e il Koseki Joseki Tohon usato per cambiare i nomi dopo il matrimonio, il divorzio o la morte di un coniuge.

Koseki: il record di famiglia giapponese

Il pregiudizio intorno a Koseki

Fino alla fine degli anni settanta, chiunque poteva avere accesso alle informazioni contenute in Koseki. Pertanto, queste informazioni hanno finito per generare pregiudizi da parte degli appaltatori che hanno richiesto Koseki dai candidati per lavori.

 Se qualcuno fosse discendente da a burakumin (部落民) forse non ha potuto ottenere il lavoro. Questa classe ha subito molti rifiuti in Giappone.

O anche i bambini in età scolare potrebbero subire pregiudizi per essere cresciuti da una madre single.Fu solo nel 1976 che l'accesso ai documenti di famiglia fu limitato.

E c'erano anche persone che usavano Koseki per il crimine! Nel settembre 2010, il governo giapponese ha scoperto che 230.000 anziani non erano stati registrati dai familiari per ricevere le pensioni!

Condividi questo articolo:


Lascia un commento