Il periodo paleolitico giapponese – Preistoria giapponese

Il periodo paleolitico giapponese è il punto in cui tutto è iniziato. La prima storia giapponese è tradizionalmente divisa in cinque epoche principali: il Paleolitico (c. 50.000 a.C. - c. 12.000 a.C.), Jomon (c.11000 a.C. - 300 a.C.), Yayoi (300 a.C. - 300 d.C.), Kofun (300 d.C. – 552 d.C.) e Yamato (552 d.C. -710 d.C.).

Sebbene la datazione di questi periodi sia complessa e le culture tendano comunque a sovrapporsi, è chiaro che il primo Giappone ha subito profondi cambiamenti in ciascuno di questi importanti periodi.

Il periodo paleolitico giapponese è il periodo di insediamento umano in Giappone che va dal 50.000 aC al 12.000 aC Era il periodo precedente al periodo Jomon. Tuttavia, la data di inizio è dibattuta, con 35.000 aC che è la data più accettata.

Le prime ossa umane sono state scoperte nella città di Hamamatsu, Shizuoka. Secondo la datazione al radiocarbonio, i fossili risalgono a circa 14.000-18000 anni.

Lo sviluppo di strumenti con pietre levigate, emersi successivamente nel periodo neolitico per il resto del mondo, rende questo periodo del Giappone preistorico unico rispetto ad altri periodi preistorici.

Il periodo paleolitico giapponese - Preistoria giapponese

I primi abitanti dell'arcipelago

I primi umani ad abitare nell'arcipelago sarebbero stati i cacciatori dell'età della pietra del nord-est asiatico. Viaggiando in piccole tribù e usando armi con punta di pietra, seguivano le mandrie di animali selvatici attraverso i ponti di terra verso il Giappone formati durante l'era glaciale.

Sebbene molti credano di essere venuti prima, è noto che questi cacciatori arrivarono in Giappone non prima del 35.000 a.C. I manufatti del Paleolitico includono strumenti a lama finemente lavorati simili a quelli della Siberia e dell'Eurasia.

Dal momento che non sono state ancora scoperte ceramiche, d'altra parte, il periodo paleolitico in Giappone è indicato anche come periodo "preceramico" (Sendoki). In questo modo, aiuta a distinguere i suoi abitanti da quelli delle epoche successive.

Il periodo paleolitico giapponese - Preistoria giapponese

Eventi e sviluppo di strumenti

Una massiccia eruzione vulcanica nel sud del Giappone a Kyushu tra circa 24.000 e 22.000 anni fa ha diffuso una cenere distinta, il piroclasto Aira-Tanzawa (AT), in gran parte del paese, datando gli eventi in Giappone come "prima o dopo AT". Nello stesso periodo iniziarono a essere realizzati i primi utensili in pietra.

Da quel momento il sassolino è diventato meno importante. Attrezzi piccoli e ben fatti, soprattutto quelli a forma di coltello, divennero più importanti circa 16.000 anni fa.

I piccoli strumenti di quarzo e ossidiana che predominavano tra circa 16.000 e 13.000 anni fa mostrano una notevole somiglianza con strumenti della stessa età nel nord-est asiatico e in Europa. Gli strumenti nei siti dell'isola di Hokkaido sono quasi identici a quelli dell'Estremo Oriente e della Siberia.

Condividi questo articolo:


6 commenti su “Período Paleolítico do Japão – Pré-história japonesa”

Lascia un commento