Scala Hirajoshi: la scala pentatonica delle canzoni giapponesi

In canzoni giapponesi sono molto belli. I testi, la melodia, l'intonazione, tutti tendono ad essere in armonia in modo che la canzone diventi piacevole per le orecchie.

Per gli estranei, capire la causa della qualità della musica prodotta dal Giappone è un compito complicato. D'altra parte, musicisti e studenti di musica devono aver sentito parlare, almeno una volta, della famosa scala pentatonica giapponese.

Chiamata anche scala Hirajoshi, la scala pentatonica giapponese è la scala tipica di canzoni e colonne sonore che vediamo negli anime e nella cultura musicale giapponese in generale.

In questo articolo vedremo cos'è la scala pentatonica giapponese e come si differenzia dalle altre strutture musicali.

- scala hirajoshi: la scala pentatonica delle canzoni giapponesi

Cosa significa "Hirajoshi"?

Il termine Hirajoshi, scritto in giapponese come 平調子 (ひらぢょうし, Hirajoushi), è composto dal kanji平 (ひら, hira) che significa calmo, tranquillo, armonico e dalla parola 調子 (ちょうし, Choushi) che significa altezza, condizione, melodia, tono. Mettendo insieme i due significati, abbiamo che l'espressione Hirajoshi ha il significato di “melodia armonica” o “melodia calma”.

Nella maggior parte degli stili musicali, ma soprattutto in roccia, al pop e nel jazz, i giapponesi usano solitamente questo schema, considerando che la musica giapponese ha solitamente come obiettivo finale l'armonia tra ciascuno dei suoni, in modo che il primo suono si colleghi al secondo e così via, in modo che la canzone diventi piacevole, morbida e trasmetta una sensazione di benessere all'ascoltatore.

Evidentemente, questo tipo di pattern non è presente in tutte le musiche orientali, ma in buona parte di esse lo è.

squame esotiche

Nel campo della teoria musicale, sappiamo che una scala è costituita da un raggruppamento di note e intervalli sonori, che di solito sono espressi su un foglio in modo che possano essere riprodotti dagli strumenti. Esistono diversi modelli e classificazioni di scale musicali, che possono essere suddivise in: diatoniche (5 toni e 2 semitoni), artificiali (cromatiche, con 12 semitoni) ed esotiche (cinese, hirajoshi, nord-orientale, orientale, araba).

L'attributo alt di questa immagine è vuoto. Il nome del file è vlcsnap-2013-07-24-17h42m28s52-4. jpg

In generale, le scale esotiche sono scale con variazioni di gradi o che utilizzano intervalli musicali più piccoli, cioè la distanza tra due note è piccola rispetto ad altri modi di costruzione.

La scala hirajoshi e le scale pentatoniche

In generale, ci sono due tipi di scale pentatoniche, che hanno questo nome perché contengono 5 toni (o note), che sono: la scala pentatonica maggiore e la scala pentatonica minore.

La scala pentatonica probabilmente ha avuto origine nell'est (più precisamente in Cina) ed è il tipo di scala più comune nella musica giapponese.

Nota: non entrerò nei dettagli sulla strutturazione delle note o sulle suddivisioni più specifiche. In questo articolo, l'obiettivo iniziale è solo quello di presentare l'argomento al grande pubblico.

Musica giapponese vs musica occidentale

Come abbiamo detto, la musica orientale è caratterizzata dall'armonia tra ogni tono. Pertanto, la scala hirajoshi e le altre scale pentatoniche sono le principali guide per il musicista in questo processo compositivo.

In questo senso si può notare che, mentre la musica giapponese è composta da 5 toni, la musica occidentale (americana, inglese, tra gli altri) ha solitamente la caratteristica diatonica, cioè strutturata in 7 note (da cui un'altra possibile nomenclatura per essa sarebbe scala eptatonica), essendo 5 intervalli di toni e 2 di semitoni. Questo sistema è costituito dal classico set “Dó, Ré, Mi, Fá, Sol, Lá, Sí”, che abbiamo imparato a scuola.

Un altro fattore molto caratteristico del suono giapponese e che lo differenzia da quello occidentale, ovvero i sillabari (hiragana e katakana), esercita una grande influenza sull'armonia dei testi musicali, considerando che alcune sillabe vengono rimosse o modificate nelle canzoni per evitare la cacofonia.

- scala hirajoshi: la scala pentatonica delle canzoni giapponesi
Scala Hirajoshi: la scala pentatonica delle canzoni giapponesi

Infine, ti consigliamo di ascoltare tutti i tipi di canzoni, perché così potrai comprendere più facilmente le differenze e le peculiarità di ognuna di esse.

Che cosa succede? Ti è piaciuto l'articolo? Metti mi piace, commenta e condividi con i tuoi amici!

Condividi questo articolo: