Kurombo, un termine razzista in giapponese

Kurombo (クロンボ) è un sostantivo in giapponese che si riferisce a una persona di colore, può anche significare scuro. Questo termine è usato come insulto razziale contro i neri in Giappone. Se il razzismo è qualcosa di presente nella nostra società che è “misto”, figuriamoci in un luogo composto da una popolazione autoctona di 98%. I dati del 2020 mostrano che gli stranieri rappresentano solo 1,7% della popolazione giapponese. Le persone che vivono in Giappone dicono che il razzismo non è più palese. Ma situazioni come queste non impediscono ai neri di avere accesso a questa cultura.

Il mito diffuso in tutta la nazione è quello dell'omogeneità etnico-razziale, ovvero per “essere giapponesi” è necessario avere un fenotipo giallo con occhi obliqui e pelle più chiara. Se qualcun altro è nato in Giappone e ha discendenza giapponese ma non è nello "standard", non sarà valido. Quindi questo fa sì che le minoranze vengano escluse come i giapponesi neri e indigeno Ainu.

Rappresenta una porzione della popolazione chiamata “hafu”, espressione giapponese che deriva dalla parola inglese “metà”, che significa metà, meticcio. L'espressione si riferisce a figli di matrimoni misti, tra stranieri e giapponesi considerati “autoctoni”.

- kurombo, termine razzista in giapponese

modello nero giapponese

Ariana Miyamoto (宮本・エリアナ・磨美子) è una modella giapponese che afferma di essere stata chiamata kurombo in modo dispregiativo. È stata eletta Miss Giappone 2015 e nello stesso anno è stata nella Top 10 del concorso Miss Universo. Miyamoto ha una madre giapponese e un padre afroamericano, quindi non può essere considerata nativa. Il padre della modella ha incontrato sua madre mentre era di stanza in una base della Marina degli Stati Uniti a Sasebo. Quando Ariana aveva solo 1 anno i suoi genitori si separarono.

Durante la sua infanzia ha frequentato la scuola elementare in Giappone e all'età di 13 anni si è trasferita negli Stati Uniti con il padre. Anni dopo è tornata a Giappone dove ha finito il liceo e anche dove ha ottenuto i suoi primi lavori, anche come barista. Nel 2015, Miyamoto ha vinto il titolo di Miss Nagasaki e ha rappresentato la sua prefettura nel concorso di Miss Universo Giappone. Nello stesso anno, ha rilasciato “dichiarazioni che dimostrano che il discriminazione l'ha resa ancora più motivata e il dibattito è andato oltre la questione del razzismo: ha messo in discussione l'egemonia della società giapponese”, secondo un servizio pubblicato da BBC News.

- kurombo, termine razzista in giapponese
Foto: riproduzione

L'ex signorina ha parlato più volte in interviste del pregiudizio (kurombo) che ha subito fin dall'infanzia. Ha riferito in interviste che a scuola, quando era più piccola, gli insegnanti chiedevano ai bambini di tenersi per mano, ma evitavano di tenerla a causa della sua pelle nera. Secondo lei, c'erano persino studenti che evitavano di nuotare nella sua stessa piscina. Con il passare degli anni la situazione ha continuato a peggiorare e a causa del tono della sua pelle e della consistenza dei capelli è stata costantemente chiamata kurombo dai compagni di classe e persino dai genitori.

Anche dopo aver vinto il concorso di bellezza, il razzismo non si è fermato. Dice di aver ricevuto critiche, anche dai media online, affermando di non avere l'aspetto tipico giapponese per ottenere una tale nomination. Prima di Miyamoto, la prima posizione del Giappone in questo concorso era stata nel 2007, quando la concorrente Riyo Mori ha vinto il titolo di Miss Universo 2007.

tennista giapponese nero

Un altro riferimento giapponese che non è considerato nativo solo a causa del colore della sua pelle e delle caratteristiche diverse dalla maggior parte dei giapponesi è la tennista Naomi Osaka. Oggi è considerata una delle più grandi atlete, ma questo non le ha impedito di soffrire di essere chiamata kurombo. Lei è originario di Osaka ed è nata il 16 ottobre 1997. È figlia di madre giapponese e padre haitiano.

Nel 2018, Naomi è diventata la prima donna giapponese a vincere un torneo del Grande Slam in singolo, sconfiggendo l'americana Serena Williams nella finale degli US Open di quell'anno. L'anno successivo vinse gli Australian Open, diventando la prima asiatica a raggiungere la prima posizione nella classifica WTA.

Osaka vive e studia negli Stati Uniti da quando aveva tre anni, quindi, oltre al colore della sua pelle, ha anche il Identità giapponese interrogata perché è emigrata negli Stati Uniti in giovane età. È diventata famosa all'età di sedici anni quando ha sconfitto l'ex campionessa degli US Open Samantha Stosur al suo debutto nel WTA Tour allo Stanford Classic 2014. Due anni dopo, ha raggiunto la sua prima finale WTA al Pan Pacific Open 2016 in Giappone per sfondare in cima posto 50 della classifica WTA. Osaka ha fatto la sua svolta ai vertici del tennis femminile nel 2018 quando ha vinto il suo primo titolo WTA all'Indian Wells Open. Alla fine dell'anno, ha sconfitto Serena Williams, 23 volte campionessa del Grande Slam, nella finale degli US Open, diventando la prima giocatrice giapponese a vincere un titolo del Grande Slam in singolo.

- kurombo, termine razzista in giapponese
Foto: riproduzione

Cosa ne pensi di queste meravigliose donne giapponesi che sono arrivate per infrangere gli standard imposti dal Giappone? Li ho appena trovati iconici! Conosci più neri giapponesi che hanno fatto la differenza?

Condividi questo articolo: