Struttura SOV – Come creare frasi in giapponese

[ADS] Pubblicità

Ti sei mai chiesto come creare frasi in giapponese? Conosci la struttura della frase in giapponese SOV? La struttura delle frasi giapponesi è difficile?

La grammatica giapponese, in pratica, è semplice. Ma è totalmente diverso e opposto dal portoghese, e questo ha molto confuso il nostro apprendimento. L'ordine delle frasi, la coniugazione dei verbi, tutto, sebbene semplice, è diverso.

Se cerchiamo in Internet la grammatica e la struttura del giapponese, parleranno tutti di particelle e verbi, ma nessuno spiegherà in dettaglio l'ordine di ciascuna delle frasi, in particolare quelle di grandi dimensioni. Il nostro obiettivo è spiegare tutto sulla struttura delle frasi giapponesi.

Struttura SOV giapponese (soggetto + oggetto + verbo)

Per prima cosa dobbiamo capire come funziona la grammatica giapponese e la struttura delle sue frasi. A differenza del portoghese, il verbo finisce quasi sempre alla fine della frase. Questa struttura è chiamata SOV.

SOV è quando la maggior parte delle frasi nella lingua segue l'ordine di: soggetto + oggetto + verbo. Vedere la seguente frase di esempio di seguito:

La frase di esempio è: I bambini hanno mangiato la mela

子供はリンゴを食べた kodomo wa ringo guai tavoletta
  • Soggetto: Bambino (kodomo);
  • Oggetto: Mela (ringo);
  • Verbo: mangiarono (tabeta);

Nella frase che abbiamo appena visto, la mela è l'oggetto e appare prima del passato ate. L'immagine qui sotto mostra qualcosa in più sulla struttura grammaticale giapponese:

L'ordine naturale e la struttura delle frasi in giapponese

Frasi con Desu「です」

Ora parleremo un po' della struttura di alcune frasi senza verbo, che hanno solo “desu”. Ad alcuni piace chiamare "desu" un verbo, ma altri no, quindi rimarrò neutrale.

Kanaお名前はケビンですこれはです
Romajionama wakebindesukore wa tesorodesu
LetteraleNomeKevinÈquestoprenotareÈ
StrutturaSostanzialeDescrizioneverbopronominalesostantivo/oggettoverbo
portogheseIl mio nomeÈKevinQuesto èun prenotare 

La struttura può essere utilizzata anche con altri verbi.

Come posso identificare il soggetto, il verbo e l'oggetto?

A volte puoi sentirti perso, chiedendo cosa definisco soggetto, oggetto e verbo? La tabella seguente ti aiuterà a decidere:

CategoriaDefinizioneEsempi
Sostanzialepersona, luogo, cosa o ideaKirigaya, montagna, bastone, linguistica
AggettivoDescrive un sostantivorosso felice caldo
Verboun'azione o uno stato dell'esseremangia, contempla, vivi, abbi paura
determinantearticoli e termini similia / a, il, questo, quello, alcuni, tutti,

Esistono molte altre categorie di parole come: pronomi, avverbi, preposizioni, congiunzioni e altri. Non approfondiremo queste parole in questo articolo.

La flessibilità delle frasi giapponesi

Il giapponese è molto più flessibile. Qualsiasi cosa a sinistra del verbo può essere riorganizzata senza cambiare il significato di base della frase, anche se ovviamente c'è ancora un ordine preferito. Com'è possibile? Grazie alle particelle che serve a identificare ogni parte della frase.

In giapponese, l'ordine delle parole giapponesi in una frase non è importante come alcune lingue. Questo grazie all'esistenza di particelle che non ordinano le parole, ma determinano come ogni parte della frase si relaziona al verbo.

Forse non hai capito l'immagine, ma in fondo tutto inizia con il argomento/soggetto e finisce con verbo. Tra questi 2 si collocano tutte le informazioni della frase, utilizzando avverbi, aggettivi, nomi, oggetti, luoghi, ecc. Non esiste un ordine in cui vengono inserite le informazioni per una determinata frase. Ma in alcune parole c'è un ordine naturale che ha più senso e dà più enfasi alla frase.

Cosa vuol dire che non c'è ordine nelle frasi?

Vedere il seguente esempio: Lunedì, Yamada ha visto Yumi alla stazione dei treni

Per questo abbiamo i seguenti elementi:

  • Argomento della frase: Yamada
  • Oggetto della frase: Yumi
  • Volta: lunedì
  • Posizione, al centro: Stazione ferroviaria
  • Verbo: visto (vedi)

Questa frase può essere scritta in modi diversi e ordini diversi come:

  • Yamada wa getsuyoubi ni Yumi wo eki de mimashita.
    • 山田は月曜日に由美を駅で見ました。
  • Yamada wa getsuyoubi ni eki de Yumi wo mimashita.
    • 山田は月曜日に駅で由美を見ました。
  • Yamada wa Yumi wo getsuyoubi ni eki de mimashita.
    • 山田は由美を月曜日に駅で見ました。
  • Getsuyoubi ni Yamada wa Yumi wo eki de mimashita.
    • 月曜日に山田は由美を駅で見ました。

Indipendentemente dall'ordine in cui sono state scritte queste frasi sopra, entrambe esprimono la stessa sensazione che Yamada abbia visto Yumi alla stazione dei treni lunedì.

Naturalmente, ci sono ordini naturali che sono più comunemente usati. Le frasi temporali tendono ad apparire vicino all'inizio della frase, quindi la terza opzione è solitamente la meno preferibile. Vale la pena ricordare che il tempo può e di solito appare prima dell'argomento o dell'argomento.

Rendere le frasi giapponesi più naturali

Una regola fondamentale che si applica a tutte le frasi giapponesi è che "le informazioni nuove o importanti devono apparire per ultime nella frase". Può sembrare difficile pensare a informazioni nuove e importanti prima di parlare, questa è un'abitudine che va acquisita con il tempo. Principalmente perché l'azione centrale (verbo) della frase arriva alla fine e tutto ciò che descrive la frase arriva nel mezzo.

Quando parliamo in portoghese, la maggior parte delle volte le informazioni importanti vengono prima e poi gli altri dettagli non importanti completano la frase. Come per esempio: Lunedì ho pranzato al parco. Il giapponese invece fa il contrario dicendo: Io + lunedì + al parco = ho pranzato!

  • 私は月曜日に公園で昼ご飯を食べました。
  • watashi wa getsuyoubi ni koen di hiru gohan wo tabemashita;
  • Me wa lunedì no parco in il pranzo guai Ho mangiato;

Cioè, la persona che esegue l'azione viene menzionata per prima, ma poi l'ordine naturale è di solito i dettagli come data> ambiente> oggetto> verbo. Cioè, se pronunci sempre le tue frasi esprimendo i dettagli dall'esterno fino a quando non arrivi all'azione, sarà più naturale. Potrebbe essere facile per te ordinare queste frasi ricordando le particelle, che seguono wa > ni > de > wo.

L'ordine naturale e la struttura delle frasi in giapponese

Nell'immagine sopra abbiamo un'idea della struttura naturale delle frasi giapponesi. Possiamo pensare ad esempi come:

  • Kevin + Ieri + Scuola + Bus + spiaggia + Go
  • Ieri Kevin ha preso l'autobus da/per la scuola per andare in spiaggia;
  • ケビンは昨日に学校からバスで海に行きました。
  • kebin wa kinou ni gakkou kara basu di umi ni ikimashita;

entrare nei dettagli

Naturalmente, queste regole si applicano solo alle frasi con:

  • Azioni che si svolgono in un unico luogo;
  • Azioni che si verificano in un movimento da un luogo all'altro;
  • Azioni che comportano un movimento di un oggetto;

Ricorda che altre informazioni possono essere applicate a queste frasi come:

  • Partecipanti (a);
  • Origine (kara);
  • Ora di inizio (kara);
  • Tempo finale (fatto);
  • Soggetto (ga);

Esprimere frasi giapponesi con parole nel loro ordine naturale richiede tempo e pratica! Quindi esercitati il più possibile! Spero che questa guida ti abbia aiutato a ottenere una comprensione di base di questo argomento!

Frasi con 2 oggetti

Molti verbi possono prendere più di un oggetto e alcuni non ne hanno. Quando c'è un solo oggetto, di solito è a oggetto diretto. E quando sono due, l'altro è uno oggetto indiretto (destinazione diretta dell'oggetto).

先生は授業の後で生徒に成績を出した。
L'insegnantedopo scuolaper gli studentigradiconsegnare
soggettoaggiuntooggetto indirettooggetto direttoverbo

Ordine delle parole con la particella の

Ora che sappiamo qualcosa sull'ordine delle frasi, e com'è l'ordine delle parole? Come posso usare un aggettivo e dire che qualcosa mi appartiene nell'ordine corretto?

Probabilmente hai familiarità con la particella の (no). Ti sei mai chiesto l'ordine delle parole quando si dice che qualcosa appartiene a un altro?

La particella の non è complicata. Potresti tenere a mente che il possesso è invertito: ケビンの車 (Auto di Kevin). Ma cosa succede quando la frase è grande? Vedi l'esempio qui sotto:

Kana私の赤い日本の
RomajiWatashi accesoakainihon inkuruma
LetteralmenteMiorossoGiapponeMacchina
portogheseMiomacchinagiapponeserosso

avanzando un po'

Abbiamo già imparato le basi della frase giapponese o della struttura della frase, ma che ne dici di un po' di più? Vedi la frase qui sotto:

Kanaケビンさんは金曜日にお店で本を買いました
Romajikebinsan waKin'yōbi nila mise ditesorokaimashite
LetteralmenteKevinvenerdìnegozioprenotarecomprato
Strutturasoggettotempoluogooggettoverbo
portogheseKevincompratoun libronel negoziovenerdì

Presta molta attenzione all'ordine di ciascun oggetto nella frase, il soggetto viene sempre per primo nelle frasi giapponesi e questo può creare confusione durante l'apprendimento. Soprattutto se non conosciamo l'ordine preferenziale di tempo, luogo, oggetto, ecc.

Come nella maggior parte dei casi, la frase iniziava con il soggetto seguito dalla particella は che indica l'argomento. Quando la frase ha un "tempo", viene dopo che il tema è seguito dalla particella に. Quando il tempo è qualcosa di più aperto come il pomeriggio e la sera, la particella non è necessaria.

Il luogo viene dopo il tempo. Il segnaposto è で (de), ma anche に (ni) è usato molto spesso. La particella で viene utilizzata maggiormente quando l'oggetto è fermo e la に quando è in movimento. L'oggetto è posto prima del verbo. Usare la particella を per indicare l'azione del verbo.

Ricordando che non c'è ordine, in quanto il giapponese è molto flessibile. Ma c'è la preferenza e la raccomandazione su come parlare e scrivere il tuo giapponese per essere più facile da capire e più bello.

Riassumendo - Strutture grammaticali

Naturalmente, ci sono molte cose che non studiamo nella struttura grammaticale giapponese, come l'omissione di parole nella frase e molte altre strutture. Infine, lascerò alcune strutture di seguito in modo che tu possa approfondire e capire di più sull'ordine e la struttura delle frasi giapponesi:

1soggettooggettoverbo   
2oggettosoggettoverbo   
3argomentosoggettooggettoverbo  
4argomentotempocompagnoluogooggettoverbo
5argomentodirezioneLocaleverbo  
6soggettotempoposizionare/implementareoggetto indirettooggetto direttoverbo
7soggettotempoLocaleverbo esistenziale  
8soggettotempofonterottadestinoverbo di movimento
9tempotrasporto / accompagnatoreluogoverbo  
10tempopersona / luogosostanzialeverbo  

Non dimenticare le particelle che accompagnano gli oggetti nelle frasi:

argomento
tempo
partner / persona
luogo
oggetto, percorso
sostanziale
possesso
soggettoは/が
fonteから
destinoo へ
oggetto indiretto

Spero che questo articolo ti abbia aiutato a capire

Condividi questo articolo: