Romaji - La romanizzazione della lingua giapponese

Oggi parliamo un po' di romaji, che è un sistema di scrittura utilizzato per trascrivere la lettura delle parole giapponesi nell'alfabeto latino/romano, rendendo possibile la lettura a persone che non conoscono il giapponese.

(ローマ字) significa letteralmente "lettera romana", così chiamiamo la traslitterazione della lingua giapponese. Questa romanizzazione è presente dove ci sono messaggi rivolti agli stranieri, come segnali stradali, passaporti, dizionari e libri di testo per studenti di lingue.

Interessante la parola può essere scritto in modi diversi, poiché esistono diversi tipi di romanizzazione giapponese. Puoi trovare roumaji, romaji, ro-maji o rōmaji (con accento). Non c'é giusto o sbagliato!

Romaji - la romanizzazione della lingua giapponese

L'origine della romanizzazione giapponese - Romaji

La prima romanizzazione ebbe origine dall'ortografia della lingua portoghese e fu creata nel 1548 da un cattolico di nome Yajiro. Questo sistema è stato creato in modo che i missionari potessero predicare e insegnare senza dover imparare a leggere il giapponese. C'è una grande somiglianza tra le sillabe giapponesi con le sillabe portoghesi, rendendo questo lavoro molto più facile.

Nell'era Meiji, alcuni studiosi giapponesi hanno cercato di abolire il sistema di scrittura giapponese e utilizzare solo rōmaji. Diversi testi giapponesi furono pubblicati interamente in rōmaji, ma l'idea si estinse presto, probabilmente a causa delle molte parole di uguale pronuncia o di una sola sillaba. Kanji è un elemento molto necessario in giapponese e non può mai rimanere inutilizzato.

Rōmaji rende la vita più facile a molti che non capiscono il giapponese. Vediamo l'esempio di una frase romanizzata:

Tabella reattiva: Scorri la tabella lateralmente con il dito >>
giapponese 俺の妹がこんなに可愛いわけがない
TraduzioneNon è possibile che mia sorella possa essere così carina
RoumajiMinha irmãzinha não pode ser tão fofa.
Rmaji Minha irmã mais nova não pode ser tão fofa assim

Come avrai notato, ci sono 2 modi diversi per scrivere "rōmaji" o "roumaji", entrambi sono corretti, tutto dipende dal tipo o dal sistema di romanizzazione che usi. Il sistema di romanizzazione può utilizzare una vocale, un macron o un accento per romanizzare le vocali lunghe. Incontriamo alcuni tipi di Rmaji.

DIVERSI TIPI DI ROMAJI - ROMANIZZAZIONE

Nel corso della storia giapponese, sono state create diverse versioni della romanizzazione, tra cui:

Sistema Hepburn (ヘボン式 / hebon-shiki) - Sistema Hepburn (ヘボン式 / hebon-shiki) - Il sistema Hepburn è stato creato da James Curtis Hepburn (1815-1911). Un missionario americano di Filadelfia che arrivò in Giappone nel 1859 e compilò il primo dizionario giapponese-inglese. Il sistema Hepburn è ora il sistema di romanizzazione più utilizzato.

Sistema Kunrei (訓令式 / kunreishiki) - Sistema Kunrei (訓令式 / kunreishiki) - Il sistema Kunrei è stato emanato dal governo giapponese nel corso del 1930. Una versione rivista è stata rilasciata nel 1954. Vedi sotto per le differenze tra le romanizzazioni Kuntei e Hepburn:

Tabella reattiva: Scorri la tabella lateralmente con il dito >>
Hepburn si ti, tu, hu, zi, sya, syu, syo, tya, tyu, ty, zya, zyu, zyo
Kunrei shi, chi, tsu, fu, ji, sha, shu, sho, cha, chu, cho, ja, ju, jo

JSL - JSL è un sistema di romanizzazione basato sulla fonetica giapponese. È scritto come sentito e non ha accenti o trattini. La differenza con Hepburn è che JSL usa le vocali invece degli accenti per rappresentare le vocali lunghe.

Le vocali lunghe si pronunciano allungando la vocale. Parole come 東京 (Tokyo) e ローマ字 (rōmaji) hanno vocali lunghe, guarda come sono romanizzate in ogni sistema:

Romaji - la romanizzazione della lingua giapponese
Tabella reattiva: Scorri la tabella lateralmente con il dito >>
JSL oo otoukyou o takeyooro-maji
Hepburnā, ē, ī, ō, ūtōkyōrōmaji
Kunreiâ, ê, î, ô, ûtôkyôromania

Nihon-shiki (日本式 / nipponshiki) - Stile giapponese È un sistema poco utilizzato ed è stato creato da Tanakadate Aikitsu nel 1881.

Tabella reattiva: Scorri la tabella lateralmente con il dito >>
Nihonda di du de do dya dyu dyo
Kunreida zi zu da do zya zyu zyo
Hepburnda ji zu de do ja ju jo

Vale la pena usare la romanità per studiare il giapponese?

La romanizzazione della lingua giapponese può fare più male che bene. A partire dal fatto che esistono diversi tipi di romaji, che fanno persino litigare le persone per conoscere il modo giusto di scrivere.

Altri cambiamenti si verificano quando si romanizza una parola o un nome di una persona di origine straniera, parole che hanno il "L" ma che in giapponese si scrivono con "R" può essere facilmente romanizzato con "l".

Molti si chiedono, perché i giapponesi non usano semplicemente romaji? Il motivo principale sono le parole omonimi e omofoni, ce ne sono migliaia in giapponese. Come saprai quale dei kami [紙,神,髪] é "carta" e ci sono diverse parole con la stessa ortografia e pronuncia.

Romaji - la romanizzazione della lingua giapponese

L'uso costante di rōmaji ostacolerà solo il tuo apprendimento. Se conosci già hiragana e katakana, stai il più lontano possibile da rōmaji. Se hai bisogno di convertire un testo in rōmaji, incollalo nel traduttore di Google o in qualche convertitore.

Se conosci già le basi della lingua giapponese come l'hiragana e il katakana, ti consigliamo vivamente di stare lontano dalla romanizzazione. Ma per coloro che non si sono ancora immersi nella lingua giapponese, le nostre lettere romane hanno dei vantaggi, uno di questi è la loro facilità di lettura e lo spazio tra le parole che non esiste nel giapponese standard. 

Con Romaji puoi imparare cose di base senza problemi come:

  • Fare domande di base quotidiane;
  • Complimenti;
  • Imparare e cantare canzoni giapponesi;
  • I numeri;
  • Le ore, i giorni e i mesi;
  • fare acquisti;
  • Chiedere indicazioni;
  • Alloggiare in un hotel.
  • Condividere con persone che non sanno giapponese;
  • Tra gli altri...

È necessario utilizzare la romanizzazione per imparare da zero hiragana e katakana.

Ci sono problemi e difficoltà nello studiare usando solo la romanizzazione a lungo termine. Alcuni di questi problemi sono:

  • Parole molto simili;
  • Mancaza di suoni diversi in giapponese;
  • Parole scritte in kanji.
  • Parole scritte con una sola sillaba o fonema.
  • Differenti tipi di romaji.
  • Mancanza di materiale romanizzato;

Oltre a Romaji, c'è un altro facilitatore per coloro che hanno già imparato hiragana e katakana chiamato Furigana. Consigliamo di leggere il articolo su furigana cliccando qui.

L'articolo è ancora a metà, ma raccomandiamo anche di leggere:

Video su Romaji

Infine, di seguito lasceremo alcuni video sulla romanizzazione che possono aiutarti a capire di più sull'argomento. A cominciare da un video realizzato dal sensei del nostro corso di giapponese da Suki Desu e poi da Luiz Rafael che è un altro Sensei che stimo molto, divulgo e seguo con piacere.

Leggi altri articoli dal nostro sito web

Grazie per aver letto! Ma saremmo felici se dai un'occhiata agli altri articoli qui sotto:

Legga i nostri articoli più popolari:

Conosci questo Anime?