Kabuki – Il bizzarro teatro giapponese

Kabuki è una forma di teatro tradizionale giapponese noto per le sue rappresentazioni, i costumi e la scenografia altamente stilizzati. Il nome Kabuki  (歌舞伎) significa cantare (ka) (歌), danza (bu) (舞) e abilità (ki) (伎), così kabuki è “l'arte di cantare e ballare”.

 tuttavia, questi ideogrammi hanno un doppio significato. Si ritiene, infatti, che il kabuki derivare dal verbo kabuku, che significa qualcosa di “fuori dal comune”, da qui il significato di teatro “d'avanguardia” o teatro “bizzarro”. 

Origine del Kabuki

La sua origine remota risale al XVII secolo, quando i temi religiosi venivano parodiati con danze sensuali. oh Kabuki è stato avviato da una donna conosciuta come Izumo no Okuni che ha guadagnato importanza per le sue esibizioni innovative. Si crede che fosse una Miko (sacerdotessa). I primi anni della vita di Kabuki furono dominati dalle prestazioni delle donne. Ma il fascino erotico di alcune commedie Kabuki, la sfacciata prostituzione di alcune attrici, resero lo stile un affronto alla moralità della società dell'epoca, che portava il nome di yûjyo kabuki (kabuki delle prostitute). Le esibizioni divennero molto selvagge, causando la messa al bando di Kabuki dallo Shogun nel 1629.

Kabukis2

Per aggirare il divieto, lo spettacolo è stato poi messo in scena da giovani uomini che hanno interpretato ruoli femminili. Contemporaneamente, il teatro kabuki è diventato uno spettacolo popolare che unisce realismo e formalismo, musica e danza, mimo, messa in scena e costumi, implicando una costante integrazione tra gli attori e il pubblico. Nel tempo la tradizione degli uomini che interpretano ruoli femminili è diventata una delle caratteristiche distintive del Kabuki.

Ma la stessa storia si ripete, i ragazzi in kimono vestiti da donne, sono diventati un successo. Causando un fascino irresistibile per il pubblico di ammiratori maschili e costituendo preludi all'omosessualità e alla prostituzione. Ancora una volta il governo ha vietato ai ragazzini di salire sul palco, ora gli uomini adulti hanno dovuto continuare questo bizzarro teatro.

Anni d'oro

Il periodo dal 1673 al 1841 è spesso definito come gli anni d'oro di Kabuki. Divenne la forma predominante di intrattenimento in Giappone durante questo periodo. Gli spettacoli iniziarono a essere fatti ogni giorno, i mercanti approfittarono di questo teatro per trarre profitto da cibo e bevande, le conversazioni ruotarono attorno al Kabuki, gli artisti realizzarono i loro dipinti e rappresentazioni di questo stile d'arte. Sono stati davvero anni d'oro per Kabuki.

Immagini Kabuki

il declino

Alla fine del XIX secolo, Kabuki iniziò a perdere la sua fama, a causa dell'occidentalizzazione dell'epoca. Meiji. Durante la seconda guerra mondiale, il kabuki fu usato come strumento di propaganda nazionalista. Dopo la guerra, gli americani vietarono il kabuki, probabilmente perché suscitava desideri omosessuali.

Ma nel tempo Kabuki ha ricominciato a guadagnare fama, apparendo nei media, nei film, come parte della cultura tradizionale giapponese. Oggi è possibile trovare alcuni pezzi in alcune parti del Giappone, attirando principalmente turisti curiosi…

Di seguito lasceremo alcuni video per farvi vedere questo bizzarro teatro. Sei tu? Cosa ne pensi di questo teatro bizzarro?

Il video qui sotto mostra una danza.

https://www.youtube.com/watch?v=4JjLuh4Ns7s

Il video qui sotto mostra una presentazione.

Il video qui sotto mostra la preparazione degli artisti e una performance moderna a Roppongi.

Condividi questo articolo: