Kamon – I cappotti del clan giapponese

Kamon fa riferimento a uno stemma utilizzato in Giappone per indicare le proprie origini; cioè, il lignaggio, l'ascendenza e lo status di una famiglia dai tempi antichi. Viene anche chiamato semplicemente mondokoro [紋所 ], monshou [紋章] o mon [紋].

Ci sono più di 20.000 kamons stemmi in Giappone. stemmi di famiglia. Kamon è una cultura e una tradizione uniche che puoi trovare solo in Giappone.

Cosa significa Kamon?

La parola Kamon [家紋] significa "casa" [] e "emblema" []. I Kamon sono i simboli araldici giapponesi o gli emblemi dei clan (famiglia). oh mon ha una funzione simile agli stemmi dell'araldica europea.

Si stima che ci siano più di duemila emblemi di famiglia derivati dallo standard Kamon. I motivi Kamon sono generalmente forme geometriche circolari. Possono anche avere elementi naturali come animali, piante, fiori, alberi, oggetti e altro.

Elementi celesti come la luna e le stelle o religiosi come il svastica buddista sono anche ispirazioni per gli emblemi. Attraverso kamon è stato possibile distinguere l'origine, la storia e lo status sociale di una famiglia giapponese.

Oggi il termine "Kamon" è anche usato per indicare le origini di una persona. Dal lignaggio familiare, linea di sangue, ascendenza e stato ai tempi antichi. 

Origine e storia di Kamon in Giappone

Si ritiene che gli emblemi siano emersi nel Periodo Asuka sotto influenza straniera. Al Periodo Heian la nobiltà iniziò a mettere il proprio stemma sui carri trainati da buoi e passeggiava per le strade, mostrando il proprio stemma. In seguito divenne popolare tra i nobili e furono creati diversi stemmi.

Gli stemmi dei guerrieri samurai furono creati più tardi di quelli della nobiltà nel tardo periodo Heian, quando il conflitto tra il clan Heiji e il clan Genji divenne più violento. Gli stemmi furono presto usati per identificare nemici e alleati.

Gli emblemi erano esposti su bandiere chiamate sashimono [指物] che venivano portati sulla schiena dei soldati. Sui cavalli di alcuni soldati di cavalleria portava una bandiera detta umajirushi [馬印].

Nel corso dei secoli, il kamon si distinguevano ancora di più, esibendosi anche in abiti tradizionali. Mon erano solitamente attaccati alla parte posteriore e anteriore delle spalle e sotto la colla sul retro.

Kamon – gli stemmi dei clan giapponesi

L'uso di Kamon tra i samurai e la nobiltà

oh kamon è un esempio della cultura del Giappone stesso, che è stata utilizzata fino ad oggi. Uno kamon è stato creato per rappresentare l'identità di una famiglia, rivelando chiaramente il cognome del suo proprietario.

Più tardi, i samurai e la nobiltà fecero uso di questi stemmi. Ogni gruppo è costituito da uno stemma rappresentativo e dalle sue varianti. Alla fine si diffusero e furono usati in tombe, mobili e navi.

Era naturale che gli stemmi fossero posti sulle armi come katana e kacchu. Tuttavia, sebbene non vi fossero limitazioni, l'uso illimitato di stemmi di altre famiglie spesso causava attriti.

Soprattutto quando si indossa il cappotto di una classe superiore, come un daimyo o shogun creato più attrito. Pertanto, c'era una regola non detta per evitare il più possibile di usare lo stemma che era già indossato dal clan o dalla famiglia dell'alta classe.

Kamon – gli stemmi dei clan giapponesi

Curiosità su Kamon in Giappone

Fino ad oggi, Kamon è utilizzato in diversi luoghi della società giapponese. I loghi Mitsubishi e Yamaha provengono da un Kamon, così come molte altre aziende alimentari e di altri prodotti hanno i loro loghi basati su un Kamon.

Esistono kamon unici per alcune persone e un singolo kamon può essere utilizzato da diverse famiglie con lo stesso cognome. Oggi questi stemmi si trovano anche sulle bandiere delle città e delle province giapponesi.

Forse questo è un fattore chiave di bandiera giapponese essere un semplice cerchio rosso.

Puoi trovare gli stemmi e gli emblemi della tua famiglia per cognome e altre caratteristiche regionali utilizzando siti Web specializzati come kisetsumimiyori.com e myoji-yurai.net.

Kamon
samurai clan kamon

Condividi questo articolo: