Castello di Himeji – Storia e curiosità

Godendo dal 1993 dello status di Patrimonio Culturale e Storico dell'Umanità dall'Unesco, il Castello di Himeji è un gioiello dell'architettura giapponese, ricco di particolarità e di una storia molto interessante.

Situato in quella che oggi è la città di Himeji nella prefettura di Hyogo, a 50 km a ovest di Osaka e a 650 km da Tokyo, il castello di Himeji iniziò a essere costruito come forte nel 1333 da Norimura Akamatsu, all'epoca governatore della regione. Harima.

Nel 1346, Sadanori Akamatsu eresse un piccolo edificio simile a un castello. Questo “embrione” del castello, tutto in legno, era molto diverso dall'attuale castello, ma durò 230 anni.

castello di himeji - storia e curiosità

Nel 1580, il Giappone stava attraversando una guerra civile e due grandi "daimyô" (signori feudali) si contendevano la supremazia e il controllo del Giappone, dividendo il paese tra coloro che sostenevano Nobunaga Oda o Ieyasu Tokugawa.

Castello di Himeji – Guerra Civile

Hideyoshi Toyotomi, uno dei capi militari del clan di Nobunaga Oda, rilevò il castello ed eseguì il primo di una serie di importanti lavori di ristrutturazione, finalizzati alla costruzione di un castello “moderno” di 3 piani.

La morte di Oda nel 1582 e quella di Toyotomi nel 1598 lasciarono aperta la strada alle ambizioni di Tokugawa, che dopo aver vinto la battaglia di Sekigahara nel 1600, prese il potere in Giappone. , uno dei suoi generali e genero, le province di Harima , Bizen e Awaji, che divenne così il nuovo signore del castello di Himeji.

Come durante la guerra civile, il castello di Himeji era stato danneggiato e poiché la sua posizione era importante per la difesa del governo dello shogunato Tokugawa, Ikeda si dedicò alla ricostruzione del castello, che assunse la forma che mantiene oggi.

Nella ricostruzione, Ikeda ha impiantato nel castello di Himeji dettagli che hanno modernizzato e migliorato le caratteristiche architettoniche e difensive, che hanno reso il complesso del castello un modello esemplare della costruzione giapponese del periodo.

Sulla parte più alta e centrale di una collina, fu costruito un enorme basamento a forma di trapezio composto da muri in pietra con pendenze che vanno dai 30 ai 40 gradi per servire come base per un castello di 7 piani, chiamato "daitenshukaku".

Questo basamento, oltre a rendere difficile la salita agli invasori, consentiva il corretto orientamento delle acque piovane, prevenendo l'erosione del suolo e proteggendo la struttura più alta dagli effetti di un eventuale terremoto, poiché le fondamenta in legno poste sulla base sono malleabili.

castello di himeji - storia e curiosità

L'Airone Bianco DEL CASTELLO Himeji

Il soprannome di "Airone bianco" deriva non solo dagli elementi decorativi del castello, con la sua grondaia aggraziata e curva, ma soprattutto dalle sue pareti ricoperte di muratura bianca.

Come altri castelli del suo tempo, Himeji era realizzato in legno, ma la finitura in muratura, oltre a dargli un aspetto bianco, aumentava lo spessore delle mura e modernizzava il castello rendendolo resistente agli attacchi con armi da fuoco.

Poiché l'uso delle armi da fuoco in battaglia iniziò nel 1549, gli edifici precedenti dovevano essere adattati. Si stima che ci fossero 5.000 piccoli castelli in Giappone nel 14° secolo, ma tutti usavano solo le recinzioni e il fossato come mezzo di difesa, che divenne vulnerabile con l'emergere delle armi da fuoco.

castello di himeji - storia e curiosità

Intorno al castello stesso, un reticolo di viottoli pieni di gradini, murati e tortuosi e con numerose porte e torri, formano un lungo labirinto dove ancora oggi i visitatori si perdono. L'intera area, infine, è cinta da un muro e da un fossato esterno, con un unico passaggio per entrare o uscire dal complesso.

Il complesso del castello di Himeji

IL enorme distanza da coprire dall'ingresso al complesso, le spesse mura e le piccole finestre del castello, delle porte e delle torri rivelano la preoccupazione per le armi da fuoco “moderne” dell'epoca. Fino alla metà del sec. XVI, i giapponesi usavano un tipo di fucile primitivo, il cui diametro della canna ricorda gli attuali bazooka e la cui attivazione dipendeva dall'accensione di uno stoppino, come nei vecchi cannoni.

In breve, era un'arma pesante, scomoda, dispendiosa in termini di tempo e a corto raggio. La situazione sarebbe cambiata nel tempo, con l'introduzione del moschettone (la “nonna” dell'odierno sistema di granigliatura del fucile, con grilletto e cane), che ha reso le armi giapponesi più efficienti e con una maggiore gittata.

Aperture quadrate leggermente più grandi in cima alle pareti inclinate in pietra e alla base dell'edificio principale venivano utilizzate per lanciare pietre a chiunque cercasse di arrampicarsi dall'esterno. Inoltre, in tutto il complesso furono costruiti diversi passaggi segreti, che in caso di attacco consentivano al feudatario, alla sua famiglia, ai servi e ai soldati di vivere con viveri e armi immagazzinate per un lungo periodo.

castello di himeji - storia e curiosità

contando sulla fortuna

Ma è stata la fortuna a dare a Himeji la sua caratteristica più preziosa, ovvero il suo stato di conservazione. Nonostante il Castello sia stato ricostruito da Ikeda con il più puro scopo difensivo, fatto sta che da allora non è mai stato danneggiato da atti bellici, nemmeno durante il periodo. Seconda guerra mondiale.

La ricostruzione del Castello durò nove anni, dal 1601 al 1609, e si stima che mobilitò 50.000 lavoratori, per un costo stimato oggi di oltre 2 miliardi di dollari.

Un edificio unico nel suo genere al mondo e con un grado di conservazione che ci permette di vivere uno stile di vita di 400 anni fa oggi, il Castello di Himeji è all'altezza del titolo di Patrimonio dell'Umanità.

Condividi questo articolo: