Tomoe Gozen – La storia del guerriero samurai

Una delle figure più iconiche e sorprendenti della cultura giapponese sono i samurai. Guerrieri impavidi e coraggiosi, che hanno come arma principale la katana. Sono sempre ritratti in film, giochi, anime e manga. Proprio qui sul sito, abbiamo già diversi articoli sui samurai come quelli di Itsuo Okada e Yasuke.

Ogni volta che sentiamo parlare di samurai ci viene subito in mente una figura maschile. E in effetti, nella maggior parte delle società del passato, compresi i giapponesi, erano gli uomini che diventavano combattenti e combattevano nelle guerre. Ma ci sono molti record nel corso della storia di donne che sono riuscite a distinguersi in ambienti dominati dagli uomini.

Nel Giappone feudale dei samurai, c'erano donne guerriere, una delle più conosciute è la Tomoe Gozen (巴御前). Era persino comune per le donne nel Giappone feudale ricevere addestramento marziale. Molti furono persino addestrati all'uso di spade, arco e frecce. Ma questo addestramento era fondamentalmente di natura difensiva, al fine di proteggere le loro case, in caso di attacco nemico.

Tomoe gozen - la storia del guerriero samurai
Annuncio

Ma Tomoe Gozen, a differenza della maggior parte delle donne del suo tempo, ha concentrato le sue abilità sull'uso offensivo, combattendo in prima linea. Quindi conosciamo un po 'di più su questo personaggio senza paura.

La leggenda di Tomoe Gozen

tomoe gozen era un guerriero giapponese che visse tra il 1157 e il 1247. E fu durante la guerra di Genpei che Tomoe Gozen si distinse e ottenne fama come guerriero. Era anche abile nell'arte di naguinata (長刀) dove hai imparato a manipolare un'arma che è sostanzialmente simile a una lancia, ma con una lama ricurva in punta.

Interessante che Tomoe sia menzionato solo in un racconto della fine del XII secolo chiamato Il racconto dell'Heike. Oltre a questo lavoro, non ci sono altri documenti scritti sulla vita di Tomoe. Questo porta alcuni a trattare questo guerriero come un personaggio immaginario.

Tale lavoro descrive Tomoe in questo modo.” Era bellissima, aveva lunghi capelli neri e pelle chiara. Inoltre, era un cavaliere senza paura, che né il cavallo più feroce né il più duro potevano sgomentare. Con tale destrezza maneggiava la spada e con reverenza che era all'altezza di mille guerrieri, e adatto a incontrare dio o diavolo...”

Annuncio
Tomoe gozen - la storia del guerriero samurai

Era molto abile con entrambe le spade, arco e frecce e naguinata, oltre ad essere una combattente completa. Circa due anni dopo aver iniziato la sua carriera di guerriera, era già a capo di eserciti con più di 1000 uomini.

Tomoe è stato ritratto nell'opera come un subordinato di un grande samurai di nome Minamoto Yoshinaka. Alcuni ipotizzano che entrambi fossero sposati o avessero una sorta di relazione romantica. Yoshinaka era un potente generale e nel 1192 divenne il sovrano feudale del Giappone.

Annuncio

la battaglia di awazu

Alcuni hanno cercato di resuscitare il potere di Yoshinaka, ma insieme al suo esercito di cui Tomoe faceva parte, è stato difeso. Ma tutto è cambiato nella battaglia di Awazu, dove Minamoto Yoshinaka è stato sfidato da uno dei suoi cugini di nome Minamoto Yoshitsune.

L'esercito di Yoshitsune era molto più numeroso, il che lasciò Tomoe e i suoi commilitoni in una posizione di svantaggio. Questo porta alla sconfitta del marito di Tomoe. Da lì, ci sono diversi "fini" di questa storia.

Tomoe gozen - la storia del guerriero samurai

Alcuni dicono che Yoshinaka ordina a Tomoe di fuggire dal campo di battaglia, poiché sarebbe un po' vergognoso morire con una donna. Tomoe, pur non volendo scappare, finisce per accontentarsi della richiesta del marito. Ma prima di fuggire decapita uno dei guerrieri nemici e si reca nelle province orientali.

Annuncio

Altri dicono che morì con il marito in quella battaglia, rifiutandosi di lasciarlo. Altri ancora dicono che è sopravvissuta a questa battaglia e ha persino sposato una delle sue rivali. E ancora alcuni sostengono che sia rimasto in vita ma abbia deciso di cambiare vita facendosi suora.

Indipendentemente dalla fine di questa storia, Tomoe è ancora vista e riconosciuta come una donna coraggiosa, forte e coraggiosa. Lasciando una bella eredità che le donne possono fare molto, anche in un ambiente totalmente sfavorevole.

Cosa ne pensi del nostro articolo? Lascialo nei commenti e condividilo con gli amici. Infine, lascio un video qui sotto: