Energia nucleare in Giappone: fatti e curiosità

Ciao a tutti, tutto bene? Quasi tutti hanno sentito dire che il Giappone dipende dalle centrali nucleari. E in questo articolo commenterò un po' di più sull'energia nucleare e sul rapporto che il Giappone ha con questo tipo di generazione di energia, che è una delle più pericolose in questo ambiente.

Un esempio della sua pericolosità è il grande incidente di Fukushima avvenuto dopo lo tsunami del 2011. Dopo le varie precauzioni e misure di protezione, i rischi di radiazioni colpiscono ancora incredibilmente il luogo dell'incidente, tanto che alcune parti sono ancora totalmente isolate. In ogni caso, parlerò della questione con più calma durante l'articolo.

Il Giappone e la sua industria energetica

Il primo reattore nucleare commerciale del Giappone è entrato in funzione nel 1966 e l'energia nucleare è stata una priorità strategica nazionale dal 1973. Ciò è stato messo in discussione dopo l'incidente di Fukushima nel 2011, ma è stato confermato. Dopotutto, non è una situazione che può essere risolta semplicemente volendo e facendo.

Entro il 2011, il Giappone ha generato circa 30% di elettricità dai suoi reattori e si prevede che aumenterà fino ad almeno 40% entro il 2017. La prospettiva attuale è di due terzi di quella da una flotta esaurita.

Oggi sono operativi 42 reattori. I primi due sono stati riavviati ad agosto e ottobre 2015, con altri sette riavviati da allora. 17 reattori sono attualmente in fase di riavvio dell'approvazione. Questo ci lascia con una pesante domanda sul perché lo stiano facendo, anche dopo l'incidente nucleare del 2011.

Anche se è l'unico paese ad aver subito gli effetti devastanti delle armi nucleari, il Giappone ha adottato l'uso pacifico della tecnologia nucleare per generare una quantità sostanziale della sua elettricità.

Tuttavia, dopo lo tsunami che ha ucciso 19.000 persone e causato l'incidente nucleare di Fukushima, che pur non avendo mietuto vittime legali, ha lasciato un enorme trauma alla salute mentale e fisica delle persone di quella zona e un sentimento di dolore in tutto il Giappone e molti persone in tutto il mondo.

E anche con questo, il sentimento pubblico è cambiato radicalmente, tanto che ci sono state diffuse proteste pubbliche che chiedevano l'abbandono dell'energia nucleare. L'equilibrio tra questo sentimento populista e la continua fornitura di elettricità affidabile e conveniente è oggetto di dibattito politico.

Energia nucleare in Giappone - Fatti e curiosità

La situazione energetica del Giappone

La scarsità di minerali ed energia del Giappone ha avuto una forte influenza sulla sua politica e sulla sua storia nel XX secolo. Attualmente dipende dalle importazioni per oltre 90% del suo fabbisogno di energia primaria. Che è estremamente poco per un paese delle dimensioni del Giappone.

Quando si riprese dai danni della seconda guerra mondiale e crebbe la sua base industriale in un tempo relativamente breve, aveva bisogno di importazioni di combustibili fossili, in particolare petrolio dal Medio Oriente. Questa fragilità geografica e delle materie prime è diventata instabile a causa dello shock petrolifero del 1973.

A quel tempo il Giappone aveva già un'industria nucleare in crescita, con cinque reattori in funzione. La rivalutazione della politica energetica interna ha portato a misure per diversificare, in particolare, un importante programma di costruzione nucleare. Grande importanza è stata data alla riduzione della dipendenza del paese dalle importazioni di petrolio.

Tuttavia, dopo l'incidente di Fukushima nell'ottobre 2011, il governo ha cercato di ridurre il ruolo dell'energia nucleare, ma non è stato sufficiente per soddisfare la popolazione, il che ha comportato la perdita delle posizioni della maggior parte dei politici nelle elezioni.

Governo dopo l'incidente di Fukushima

Il nuovo governo ha adottato nel 2014 il 4° Piano Energetico di Base, con una progressione di 20 anni e affermando che l'energia nucleare è una fonte di energia di base a carica base e che sarebbe comunque utilizzata in sicurezza per ottenere un approvvigionamento energetico per le vostre esigenze. Oltre ad essere una misura preventiva contro il riscaldamento globale.

Nel 2015, il governo ha dichiarato che intendeva che le fonti di carico di base fornissero 60% di energia entro il 2030, un terzo di questa sarebbe stata l'energia nucleare. L'analisi dell'Earth's Innovative Technology Research Institute ha stimato che i costi energetici sarebbero ridotti di 20 miliardi di dollari USA all'anno rispetto allo stato attuale.

Allo stesso tempo, è stato riferito che 43 progetti di energia a carbone erano pianificati o erano in corso. Come la rinascita dell'energia a carbone con una crescita del consumo di 20%, le importazioni di GNL del Giappone sono cresciute da circa US $ 20 miliardi nel 2010 a US $ 70 miliardi nel 2013.

sviluppo del programma nucleare

Per non lasciare vuoti i dettagli, ho messo solo un riepilogo generale finora della situazione in Giappone in relazione all'argomento, ma d'ora in poi approfondirò le questioni e le discuterò meglio in modo più completo ma lo farò cerca di mantenere lo stesso livello di facilità di comprensione.

Il programma di ricerca nucleare è iniziato nel 1954. La Legge sull'energia atomica di base, che limita rigorosamente l'uso della tecnologia nucleare a scopi pacifici, è stata approvata nel 1955. Questa legge ha promosso tre principi - metodi democratici, gestione indipendente e trasparenza - che sono il fondamento di attività di ricerca nucleare.

L'inaugurazione della Commissione per l'energia atomica (JAEC) nel 1956 ha contribuito allo sviluppo e all'uso dell'energia nucleare, e con questo sono state create molte altre istituzioni sull'argomento poco dopo.

Energia nucleare in Giappone - Fatti e curiosità

I primi passi del Giappone per l'energia nucleare

Il primo reattore a produrre elettricità in Giappone è stato un prototipo di reattore ad acqua bollente: il Japan Power Demonstration Reactor (JPDR), che ha funzionato dal 1963 al 1976 e ha fornito una grande quantità di informazioni per i successivi reattori commerciali. Penso che questo rappresenti una partecipazione speciale nella storia del Giappone.

Il Giappone ha importato il suo primo reattore nucleare commerciale dal Regno Unito, il Tokai 1, un reattore Magnox raffreddato a gas da 160 MWe costruito da GEC. Ha iniziato ad operare nel luglio 1966 e ha continuato fino al marzo 1998.

Al completamento di questa unità, sono stati costruiti solo reattori ad acqua leggera (LWR) che utilizzano uranio arricchito, sia reattori ad acqua bollente (BWR) che reattori ad acqua pressurizzata (PWR). Già nel 1970, i primi tre di questi reattori furono completati e iniziarono l'operazione commerciale.

Presto le aziende giapponesi avevano già acquisito la capacità di costruire queste unità, poiché acquistavano progetti dagli Stati Uniti e ricevevano la licenza per gestire i passaggi successivi. Aziende come Hitachi Co Ltd, Toshiba Co Ltd e Mitsubishi Heavy Industry Co Ltd hanno sviluppato la capacità di progettare e costruire da sole LWR.

Misure per migliorare l'energia nucleare in Giappone

Poiché le tecnologie sono in costante progresso, i reattori dovevano migliorare perché mancavano in diversi aspetti e necessitavano di revisioni costanti per il loro funzionamento. Presto il governo giapponese si adoperò per aiutare a sviluppare e migliorare questa tecnologia che era diventata molto importante per il paese.

E nel 1975, il programma di miglioramento e standardizzazione LWR è stato lanciato dal Ministero del commercio internazionale e dell'industria (MITI) e dall'industria dell'energia nucleare. Ha cercato di standardizzare i progetti LWR in tre fasi, fino al 1985.

Nelle fasi 1 e 2, i progetti BWR e PWR esistenti dovrebbero essere modificati per migliorarne il funzionamento e la manutenzione. La terza fase del programma prevedeva l'aumento delle dimensioni del reattore a 1300-1400 MWe e importanti modifiche progettuali. Questi sarebbero l'Advanced BWR (ABWR) e l'Advanced PWR (APWR).

Centri di ricerca sull'energia nucleare in Giappone

Con lo stesso obiettivo della creazione del programma, il governo giapponese ha anche creato alcuni centri di ricerca per aiutare in questo settore. Il che dimostra l'interesse che aveva nel portare avanti questa tecnologia e anche l'importanza che l'energia nucleare stava guadagnando nel paese.

Uno dei principali centri di ricerca e ciclo del combustibile fino alla fine degli anni '90 era il Power Reactor e la Nuclear Fuel Development Corporation, meglio conosciuta come PNC. Le loro attività andavano dall'esplorazione dell'uranio in Australia allo smaltimento di rifiuti ad alto livello.

Ma dopo due incidenti e la risposta insoddisfacente del PNC, il governo nel 1998 ha ricostituito il PNC come il più completo Nuclear Cycle Development Institute (JNC) del Giappone, il cui scopo era quello di concentrarsi sullo sviluppo di reattori a rigenerazione rapida, reattori di ritrattamento e combustibile ad alta combustione tra gli altri.

Ma presto c'è stata una fusione di JNC e JAERI nel 2005, che è stata responsabile della creazione dell'Agenzia giapponese per l'energia atomica (JAEA), che ora è un'importante organizzazione integrata di ricerca e sviluppo nucleare. Ruolo che svolge fino ai giorni nostri.

Energia nucleare in Giappone - Fatti e curiosità

Cambiamenti nella politica energetica

A causa dell'incidente di Fukushima, il governo è stato costretto a cessare gran parte di due attività che coinvolgono l'energia nucleare, questo a causa della pressione della popolazione stessa e anche di pressioni esterne perché questo incidente, insieme alla tragedia avvenuta nel paese dopo la terremoto che è accaduto è diventato notizia in tutto il mondo.

Per questi e molti altri motivi, il governo ha dovuto apportare diverse modifiche affinché il paese non soffrisse di una crisi energetica di dimensioni gigantesche. E alcuni di loro li spiegherò d'ora in poi.

Luglio 2011, il Consiglio per l'energia e l'ambiente (Enecan o CEE) è stato creato dall'Ufficio dell'Ufficio del Partito Democratico del Giappone (DPJ) come parte dell'Unità di politica nazionale per guidare il futuro energetico del Giappone fino al 2050.

Questo organismo aveva lo scopo di aiutare la Politica Nazionale a concentrarsi sulla futura dipendenza dall'energia nucleare. E la sua prima raccomandazione è stata che il contributo dell'energia nucleare all'elettricità sia diretto a 0%, 15% o 20-25% a medio termine.

La Commissione per l'energia atomica (JAEC) e il Consiglio centrale per l'ambiente sembravano essere sotto il comando di Enecan nel 2011 e nel 2012 sono stati ripristinati al loro stato precedente. Nel frattempo, grandi aziende giapponesi come Mitsui e Mitsubishi hanno iniziato a investire pesantemente nella capacità di produzione di GNL.

eventi recenti

Nel giugno 2015 è stato approvato il Piano per la produzione di energia elettrica del governo fino al 2030. Questo era nucleare su 20-22% nel 2030, rinnovabili 22-24%, LNG 27% e carbone 26%. L'obiettivo è ridurre le emissioni di CO2 di 21,9% entro il 2030 dal livello del 2013 e migliorare il tasso di autosufficienza energetica a 24,3% da 6,3% nel 2012.

Nel luglio dello stesso anno, il governo ha approvato il Libro bianco sull'energia per l'anno fiscale 2014. Ha mostrato che la percentuale di energia proveniente dai combustibili fossili è cresciuta da 62% a 88% in quattro anni.

Ha inoltre mostrato che l'aumento del costo del carburante dovuto alle interruzioni nucleari è stato di 2,3 miliardi di JPY nel 2011, di 3,1 miliardi di JPY nel 2012 e di 3,6 trilioni di JPY nel 2013 (fino a marzo 2014). La spesa energetica domestica è aumentata in media di 13,7% nei quattro anni.

Nel luglio 2017, il governo ha approvato la bozza del Concetto di base sull'uso dell'energia nucleare, sviluppata in due anni dalla JAEC, compresa la consultazione pubblica. Descrive otto attività prioritarie per raggiungere gli obiettivi fondamentali per l'uso sicuro dell'energia nucleare, promuovendone i benefici.

Energia nucleare in Giappone: fatti e curiosità

La mia opinione

Onestamente non credo che le centrali nucleari siano un pericolo per la società. Sarei molto più critico nei confronti dei paesi che usano l'energia nucleare come un modo per dimostrare potere, così come la Russia o gli Stati Uniti e i loro arsenali atomici al solo scopo di servire come armi da guerra.

Nonostante il Giappone di solito non sia negligente quando si tratta di infrastrutture e sicurezza, sviluppa sempre tecnologie per soddisfare le proprie esigenze, sia nelle infrastrutture commerciali, urbane, domestiche o industriali. Cercano sempre di migliorare, a differenza dei paesi negligenti che pensano solo a fare soldi.

Inoltre, non è che il Giappone sia ricco di risorse naturali come il Brasile, anzi, le risorse sono estremamente limitate tanto quanto le sue pianure. Per chi non lo sapesse, il Giappone è un paese prevalentemente montuoso, il che spiega la sua necessità di spazio poiché le pianure sono scarse.

Le opinioni divergono su questo argomento, lascia la tua nei commenti e vediamo se non siamo d'accordo o siamo d'accordo. Ma prima ricorda che l'incidente è avvenuto solo a causa del gigantesco tsunami che ha colpito il Giappone in quel momento, uccidendo migliaia di persone. E il terremoto non è stato la causa dei danni arrecati alle unità dell'impianto.

Bene, questo è tutto per questo articolo. Se hai domande, suggerimenti, critiche o cose del genere, lascia il tuo commento. Inoltre, grazie a te, mio caro lettore, per aver letto questo articolo finora e fino al prossimo.

fonte di ricerca;

Condividi questo articolo: