Tengu – Il grande naso delle montagne

[ADS] Pubblicità

tengu [天狗] sono creature leggendarie che si dice siano un dio o un mostro secondo le credenze popolari giapponesi. In questo articolo parleremo un po' di queste peculiari creature del folklore giapponese che si vedono spesso in film, giochi e anime.

Secondo i rapporti, Tengo è visto vestito da Yamabushi, ha la faccia rossa, il naso alto, ha le ali per volare. È comunemente considerato un mostro che guida le persone al mago ed è anche chiamato Gaiho-sama.

Gli Yamabushi sono monaci della religione Suugendo che abitano le montagne.

L'origine del tengu

originariamente la parola Tiangu significava una meteora che segnalava un evento malvagio in Cina. Una palla di fuoco che entra nell'atmosfera e atterra vicino alla superficie terrestre spesso esplode in aria ed emette un forte rumore.

Questo fenomeno celeste è stato paragonato a un cane che ruggisce e corre verso il cielo. Shiji cinese, così come i libri di Han e Jin, contengono articoli sul Tiangu. I Tiangu erano temuti come la stella malvagia che portò il disastro dal cielo sulla terra.

Nel buddismo, la parola "tiangu" non è originariamente menzionata nei Tre Zangles del Sutra. Tuttavia, in Shobho Nenjojo-Jing, volume 19, si dice: “Sempre si dice che “Sempre il gas spettrale è in aumento.

Nel febbraio 637, nel 9° anno del regno dell'imperatore Seumei, un'enorme stella emise un fragoroso ruggito e corse da est a ovest nel cielo capitale. La gente diceva che era il suono di una meteora o di una mina.

Tengu - il naso delle montagne

Quindi il saggio monaco, Min Min Min, che tornò dalla dinastia Tang dalla Cina al Giappone, disse: “Non è una meteora. Disse: "Non è una meteora ma un tengu". Si è ripetuto più volte dicendo che il suo latrato è come un tuono.

erano chiamati Tengu no Nihonshoki (Cronache del Giappone) in periodo di Asuka, ma dopo di ciò, non c'era traccia di loro che fossero chiamati con quel nome e la visione cinese della creatura non ha messo radici in Giappone.

Dal tempo dell'imperatore Seumei fino alla metà del periodo Heian, il suo personaggio non compare in nessun documento scritto. Nel periodo Heian (794-1192), i Tengu riapparvero in Giappone e furono trasformati in yokai (mostri).

Tengu - il naso delle montagne

La creazione di Tengu

Tutto è iniziato quando il buddismo esoterico è stato introdotto in Giappone da Kukai ed Enchin. Gli Yamabushi si sono reincarnati dopo la loro morte come arroganti ed egoisti che volevano realizzare un profitto, e la religione Tengu è stata considerata da alcuni come un tipo del mondo magico.

D'altra parte, la gente delle pianure temeva le montagne come un mondo diverso e chiamava gli strani fenomeni che si verificavano lì lavoro Tengu. Da questo, le persone tendono a considerarlo il dio della montagna.

Ci sono ancora alcune aree in cui la gente chiama ancora "Gubin", "uomo della montagna" o "dio della montagna", riferendosi a vari tipi di Tengu. Oggi la parola [天狗] significa letteralmente cane del paradiso.

Tengu - il naso delle montagne
tengu si è rotto il naso

Caratteristiche di Tengu

I loro tratti comuni oggi sono naso alto e lungo, viso arrossato, vestiti come sacerdoti di montagna, indossano un geta con un dente e volano liberi e disordinati, sono stati interpretati fin dal Medioevo.

In effetti, la forma di Tengu a quei tempi non era costante, principalmente sotto forma di monaci, ma occasionalmente sotto forma di bambini o demoni. Erano anche spesso portati all'immagine di un campanile mentre volavano in aria.

Tengu è considerato l'autorità dell'orgoglio e il naso alto è considerato un simbolo di questo. Se dici "Diventerò un Tengu", significa che sei orgoglioso di te stesso. In generale, sono desiderosi di insegnare.

Nel Medioevo, oltre ai sei sentieri del buddismo, c'era anche il sentiero Tengu, che doveva essere l'inferno di Mugen, dove non potevano cadere nell'inferno perché avevano studiato il sentiero buddista e non potevano andare in paradiso perché si occupavano della Legge del Male.

Tengu - il naso delle montagne

Tipi di Tengu

Come accennato, esistono diversi tipi e forme di Tengu. L'aspetto generale è una faccia rossa e un naso grande, e si dice che abbiano le ali e volino in aria. Ci sono anche tipi che sembrano essere umanoidi o corvi.

Varianti di tengu regionali più oscure includono il Guhin (Guest Dog), che ha aspetti arborei o canini, il Kawatengu che vive sott'acqua e può creare False Fiamma, e il Shibatengu, che è essenzialmente Kappa con un altro nome.

Nel corso della storia ha acquisito nomi e caratteristiche differenti, c'è Kara, Kotobo e Hatengo. Esiste persino una versione femminile chiamata Onnatengu o Mutengu. Di seguito vedremo i principali:

Tengu - il naso delle montagne

Ootengo o Daitengu

Ci sono diverse teorie, ma si dice come un mostro o un dio che ha lati buoni e cattivi, un prete buddista e un apprendista con un potere eccellente che diventa un tengu dopo la sua morte. Pertanto, si dice che abbia un potere maggiore rispetto agli altri Tengu.

Questi sono i tipi di tengu in cui siamo abituati a vedere Maschere del festival giapponese. Rapivano le persone e le tormentavano, ma insegnavano anche le loro abilità. Molti umani li cercavano per ottenere poteri.

Karasutengo o Kotengo

Voi karasu tengu (烏天狗) ha un corpo umanoide, ma la testa di un corvo. È vestito da monaco di montagna ed è in grado di volare a volontà, chiamato anche piccolo [小天狗] o blu [青天狗].

Prende il nome da un corvo, ma molti di loro sono ricoperti di piume simili a quelle dei rapaci. Eccellevano nell'arte della spada e si dice che il Karasu Tengu del Monte Kurama abbia insegnato a un giovane Ushiwakamaru come usare una spada.

Eccellevano anche nel potere divino e si dice che scendessero nella capitale e si infuriassero l'uno contro l'altro. Con il tempo i tengu nelle sembianze di un corvo caddero nell'oblio, diventando sempre più popolari quelli con il naso rosso.

Tengu - il naso delle montagne

Konoha Tengu

Voi konoha tengu (木の葉天狗) hanno sembianze umane, ma sono dotati di ali e lunghi nasi. A volte venivano raffigurati mentre portavano una piuma. Era comune vedere maschere che rappresentavano il suo volto ai festival.

Il suo nome è stato trovato in varie pubblicazioni, inclusi saggi e storie di fantasmi del periodo Edo, chiamato anche Sakai-tori. Ci sono poche informazioni su questo tipo di tengu, ma è stato descritto in diverse scritture antiche.

Nel libro "Kokusatojindan" del periodo Kanpo [1741-1744] lo descrive come un grande uccello, le sue ali ricordano un Tobi, lungo circa 20 piedi, e quando avverte il segno di una persona, fugge immediatamente.

tengu come un dio

Tengu è generalmente visto come un semi-umano o un mostro, ma abbiamo menzionato nell'articolo che può anche essere considerato un dio. Il famoso Ootengo è oggetto di culto come dio montano, è segnalato in molte montagne del Giappone.

I Tengu erano spesso raffigurati come uccelli luminosi e venivano anche chiamati Matsumyo-maru e Ma-yen. Questo è il motivo per cui l'imperatore Sutokujo, che divenne uno spirito malvagio, è raffigurato come il re dei Tengu.

Il rapporto con il divinità della montagna è anche molto vicino, e si dice che ci siano sempre Tengu nelle montagne sacre (quindi sono Yamabushi), e ci sono molte aree dove gli dei della montagna sono loro, ma soprannominati Daiba.

Ancora oggi, è visto nel folklore Mogami-gun della prefettura di Yamagata come un vecchio con i capelli bianchi. In diverse regioni del Giappone le persone hanno diverse prospettive di un Tengu, alcuni li considerano un dio.

Il dio Sarutahiko menzionato in Kojiki e Nihon Shoki viene spesso scambiato per un Tengo a causa del suo lungo naso. Anche nei festival Sarutahiko è raffigurato con la faccia di un tengu.

Si dice anche che Tengu sia un cambiamento rispetto a uno degli otto membri che proteggono la legge buddista, Karo Raten. Un uccello gigante che appare nella mitologia indiana e si dice che abbia ali dorate che sputano fiamme e si nutrono draghi.

Tengu - il naso delle montagne

Leggende e fantasie Tengu

Visti come demoni di montagna, i Tengu erano anche imbroglioni, che facevano cose come yokai, ingannavano le persone sulle montagne con la musica, lanciavano pietre contro le case e spaventavano le persone sotto forma di fantasmi.

Tutto ciò che era misterioso e inspiegabile veniva attribuito ai Tengu. Alcuni avevano persino persone che manifestavano abilità come scrivere kanji. Molte leggende nel corso della storia sono emerse raccontando le feste Tengu.

In alcune leggende i Tengu causavano la cecità usando le ali, rapivano bambini, lanciavano persone dal cielo, ma ci sono anche leggende secondo cui sono gentili, protettivi e aiutano le persone. Sono anche associati alle arti marziali, citati come i creatori di arti segrete come l'arte del Ninja.

I tengu sono visti in modi diversi, oggi sono spesso riportati in anime, manga e giochi. Se vuoi saperne di più sull'aspetto di queste creature nelle opere popolari, puoi consultare siti come Truppe TV.

Condividi questo articolo: