Gravidanza in Giappone: consigli e curiosità

[ADS] Pubblicità

In questo articolo, esamineremo alcuni suggerimenti, esperienze e curiosità relative alla gravidanza in Giappone. problema di nascita, e la gravidanza è una delle soluzioni per porre fine a questo problema, quindi il governo ha realizzato diversi progetti per incoraggiare la gravidanza in Giappone. Il Giappone permette l'aborto in alcuni casi, e questo finisce per sconvolgere il tasso di natalità del Paese.

Il Giappone ha una cultura tradizionale e rigida, essere un genitore single o uno prima del matrimonio è spesso considerato disonorevole. Molte cose finiscono per far sì che le madri non vogliano avere figli. Uno dei motivi principali è l'occupazione, circa 60% di donne che finiscono per avere figli smettono di lavorare. Un altro grave problema è che 1 donna incinta su 5 finisce per subire discriminazioni all'interno delle aziende. Alcuni addirittura nascondono la loro gravidanza per paura di perdere il lavoro. Altri finiscono per sottoporsi a rischi all'interno del lavoro.

gravidanza in giappone

Doveri delle donne durante la gravidanza

Le donne in Giappone devono sottoporsi ad alcune procedure per avere una buona gravidanza e ricevere sostegno dal governo. Il primo passo è avere un piano di assicurazione sanitaria, qualcosa che è un po' obbligatorio per tutti coloro che vivono in Giappone.Essere regolari e pagare le tasse in modo corretto influenzerà anche i numerosi vantaggi che il governo offre.

Il primo passo per scoprirlo con un test di gravidanza (妊娠検査薬 – Ninshin kensa-yaku) è programmare una visita medica e richiedere il nishin todoke che serve come prova della gravidanza. Con questa prova, devi andare al municipio della tua città o al centro di salute pubblica per continuare il processo.

Non importa se sei straniero, in alcune città del Giappone ricevi tutto l'aiuto nella tua lingua. Le donne possono assentarsi dal lavoro con consulenza medica o visita prenatale. Una donna incinta può prendere 6 settimane di congedo di maternità prima del parto e 8 settimane dopo la nascita del bambino. Questo diritto non si applica a tutte le lavoratrici, dovresti prima assicurarti di avere più dettagli locali. Il datore di lavoro non è tenuto al pagamento della retribuzione durante il congedo di maternità, ma chi ha shakai hoken riceve aiuto dal governo.

gravidanza in giappone

Il governo locale può offrire due esami gratuiti durante la gravidanza, mentre il parto e altri esami non sono coperti dall'assicurazione sanitaria. Tuttavia, se la donna incinta è registrata nel shakai hoken o kokumin hoken, dopo aver pagato il parto e aver partorito, può ricevere un aiuto governativo di 350.000 yen e che può superare i 500.000 yen. Se la donna non è in grado di pagare per il parto, esiste un sistema di aiuto al parto (nyuuin josan seido).

Aiuti e incentivi alla gravidanza in Giappone

Nonostante i problemi, le donne giapponesi vogliono avere un figlio, anche quelle che vivono nel mondo aziendale. Il governo fa la sua parte con una serie di incentivi prima, durante e dopo la gravidanza.

Durante il processo di gravidanza iniziale, la donna riceverà vari materiali per aiutarla durante il periodo di gravidanza. Alcuni libri, quaderni, diari e persino un portachiavi (mataniti maaku) che serve a mostrare che la persona è incinta e quindi ricevere la priorità nei trasporti e in altri luoghi. Ci sono lezioni gratuite che insegnano tutti i dettagli della gravidanza e della cura del bambino.

gravidanza in giappone

Il Giappone è molto preoccupato per la gravidanza, le consultazioni si tengono ogni 2 settimane nel primo e nel terzo trimestre. Ce ne sono più di 15 e la maggior parte con gli ultrasuoni.

Quando si ha il primo figlio, un'infermiera può visitare i genitori per fornire una guida. Fino ai primi 13 mesi del bambino, i genitori hanno diritto a 3 consulti gratuiti. Non dimenticare di eseguire tutte le procedure guidate durante la gravidanza per non perdere alcun beneficio.

Per capire meglio l'incentivo del governo, lasciamo un video del nostro amico Caryn dal canale. Sushi con farfa sotto:

Curiosità sulla gravidanza in Giappone

Non tutti gli ospedali in Giappone forniscono sollievo dal dolore epidurale per un parto. Alcuni credono che il dolore durante il parto faciliterà il legame tra madre e figlio.

I medici giapponesi incoraggiano le donne a prendere frutta, verdura e latte come vitamine piuttosto che suggerire integratori dalle farmacie. Sebbene i medici possano suggerire di assumere acido folico o altre vitamine nel primo trimestre di gravidanza.

In altri paesi, si consiglia alle donne incinte di non mangiare cibi crudi come sushi o tè. Tuttavia, i medici in Giappone consentono alle donne di mangiarlo, infatti alcuni lo considerano parte di una buona alimentazione prenatale.

Solo le madri e i loro bambini possono rimanere in ospedale prima e dopo il parto. Partner e parenti possono recarsi solo durante l'orario di visita.

Ci sono molti altri dettagli sulla gravidanza in Giappone che dovrebbero essere studiati attentamente. Spero che questo articolo ti sia piaciuto, se ricordi qualcosa di interessante che non è stato menzionato nell'articolo, lascia i tuoi commenti qui sotto.

Condividi questo articolo:

5 commenti su “Gravidez no Japão – Dicas e curiosidades”

  1. bem não me proibiram de comer carne crua e não tomei anestesia epidural talvez porque foi parto normal, Mas no caso da carne tem uma relação com uma doença como eu era imune a ela eu podia, frutas também, nunca me passaram suplementos só mesmo acido fólico e ferro porque sou anêmica mesmo direto.