Bunraku – Teatro delle bambole giapponesi

I burattinai Bunraku sono come gli dei incarnati. – JeanLouis Barrault (via Jaq Latine @AODCNews)

Derivato Bunrazuka e noto anche come Ningyō jōruri (人形浄瑠璃), il bunraku non è altro che una specie di teatro con a forte radicamento culturale. La sua attrazione consiste in una rappresentazione teatrale di burattini manipolati da tre burattinai, rendendo così il bunraku l'unico tipo di teatro dei burattini ad utilizzare tre burattinai per dirigere un singolo burattino. 

Bunraku visse al meglio nel XVII secolo, grazie al talento di Chikamatsu e Takemoto Gidayu (1651-1714). Fu Chikamatsu a portare i sentimenti umani nell'atmosfera bunraku (principalmente passione e poi suicidio per amore, essendo considerato uno Sheakspeare giapponese) e anche questioni di valori morali ed etici; mentre Gidayu ha creato il termine Tayu, che è la designazione di coloro che guidano la forma narrativa nel teatro.

A quel tempo, i burattini erano azionati da un singolo manipolatore. Poco dopo, a metà del XVIII secolo, apparvero i burattini con tre manipolatori, che diedero maggiore mobilità e enfasi ai personaggi principali di ogni attrazione teatrale. (Frammento adattato da Wikia.)

Annuncio

Il ruolo di ogni burattinaio

La funzione di ogni burattinaio si distingue nella sua quantità, quindi queste tre funzioni sono:

Burattinaio principale (Omo-zukai):  Inserisce la mano sinistra nel foro dell'anca e tiene l'asta del collo tra il pollice e l'indice, sostenendo così la bambola. Quindi, usa le restanti 3 dita della mano per manipolare i fili che muovono gli occhi, la bocca e il sopracciglio.

La tua mano destra è usata per muovere il braccio destro della bambola. La sua funzione è quella di muovere la testa, sostenere il peso della bambola e muovere il braccio destro. Di solito si presenta con il volto scoperto, indossa zoccoli alti (ghetto) e guanti bianchi.

Annuncio
Hidarizukai

Burattinaio secondario (Hidari-zukai): la sua funzione è di muovere la mano sinistra della bambola osservando la direzione della testa e dell'altro braccio, guidati dall'omo-zukai. Indossa guanti neri, ha il viso coperto e indossa pantofole di paglia (zori).

Burattinaio terziario (Ashi-zukai): è ciò che muove i piedi delle bambole. C'è una regola: le bambole femmine non hanno i piedi, quindi spetta al conduttore creare l'illusione dei movimenti delle gambe e dei piedi, usando l'orlo del loro kimono. Indossa anche pantofole di paglia. Questo è il più laborioso in quanto il burattinaio deve essere coperto mentre si appoggia senza che il pubblico lo veda in ogni momento.

La coordinazione di ogni personaggio dipende in modo vitale dalla perfetta sincronia dei tre burattinai. Agire in questo modo è una tecnica che deriva da anni di pratica e allenamento, seppur valendoh per sottolineare che non ci sono scuole, di per sé, che indottrinano queste tecniche. Nel bunraku si impara osservando e imitando.

Annuncio

Struttura dei burattini

A metà delle dimensioni di un adulto medio, il peso dei burattini si riduce a 10-15 chili. Esistono però pupazzi speciali che raggiungono il peso di 20 chili; ad esempio il burattino “High Luxury Courtesan (Keisei)” e il burattino guerriero, entrambi più pesanti per i loro particolari ornamenti.

C'è anche una differenziazione nel materiale utilizzato in ogni burattino, in base alla raffinatezza necessaria per alcuni personaggi in questione. Vale la pena ricordare che i personaggi maschili hanno il movimento della bocca e delle sopracciglia, mentre i personaggi femminili hanno le palpebre e un uncino in modo che sia possibile agganciare la manica del kimono in situazioni di dolore o tristezza.

Shimesinbunraku

L'accompagnamento sonoro

Una performance vede anche la partecipazione di Tayu: che recita il Joruri, che è una forma poetica simile a un dramma epico, e il musicista di Shamisen che, con lo strumento, fornisce l'accompagnamento musicale per la recitazione e la manipolazione dei burattini.

Annuncio

In modo semplice si può dire che il tipo di racconto narrato da Tayu è un poema epico scritto in modo drammatico e Shamisen segue la narrazione creando un'atmosfera musicale affinché i burattini agiscano secondo la melodia producendo un effetto combinato, simile a uno spettacolo d'opera.

Possiamo sottolineare: Joruri non è solo una canzone con melodia e ritmo perché spiega attraverso la musica, lo svolgersi dello spettacolo. In questo compito, Tayu usa diversi toni di voce per distinguere i ruoli maschili e femminili o per dimostrare le emozioni. È proprio l'interpretazione di Joruri che può differenziare la presentazione dei pezzi.

Bunraku in questi giorni?

Alla fine dell'età dell'oro, dalla metà del XVIII secolo in poi, il bunraku declinò con l'introduzione delle tecniche occidentali nel mondo dell'arte.