Tutto su chikan, molestie sessuali in Giappone

[ADS] Pubblicità

Chikan (痴漢, チカン, o ちかん) è il termine usato per riferirsi alle molestie sessuali in Giappone, può significare ambé in portoghese "aggressori o molestatori di treni". Questo crimine è praticato in tutto il mondo, ma ogni paese ha le punizioni appropriate per un tale crimine. Solitamente questo viene commesso in luoghi sovraffollati, come i trasporti pubblici, principalmente al mattino e alla sera (orari di maggiore affluenza nelle stazioni).

Sovraffollamento, solitudine e paura: questi i tratti ideali che i molestatori cercano per trovare vittime. I casi di abuso commessi da chikan sono perseguiti dalla polizia ai sensi dell'articolo 176 del codice penale come "oscenità forzata" (強制わいせつ). Secondo il dipartimento di polizia metropolitana di Tokyo, solo nel 2017 sono stati segnalati circa 1.750 casi di abusi e molestie. I dati mostrano anche che la metà di questi casi si è verificata sui treni, mentre 20% si è verificata nelle stazioni ferroviarie. 

Le persone approfittano della situazione per toccare sessualmente gli altri. La parola "chikan" in giapponese descrive atti che violano varie leggi. L'espressione corrispondente usata per riferirsi alle donne che praticano il chikan è chijo.

Oh chikan è comune per essere rappresentato nella pornografia giapponese. Le parole 'frotteurismo' o 'toqueiroismo' sono usate per definire questi desideri secondo quanto viene usato nella psicologia clinica. Sebbene le donne siano le più vulnerabili al chikan, succede a entrambi i sessi ed è praticato da uomini e donne.

Il chikan può essere eseguito ovunque. Sfortunatamente, è necessaria una maggiore attenzione negli ambienti affollati e nei luoghi più isolati poiché i maltrattatori traggono vantaggio da queste situazioni. Un esempio di ciò è nei parcheggi per biciclette, dove il molestatore attende che la vittima si chini per sbloccare il lucchetto della bicicletta e cogliere l'occasione per palpeggiarla da dietro.

Chikan - Tutto su chikan, molestie sessuali in Giappone

pratica chikan

Chikan non significa solo toccare in modo inappropriato un'altra persona, ma anche mostrare le proprie parti intime, ad esempio, senza permesso. il crimine viene commesso principalmente nelle città di Tokyo, Osaka, Kanagawa, Saitama e kobe (grandi città che hanno treni e metropolitane). Di queste, Saitama è la città con il maggior numero di record di chikan.

Altri tattiche usate dai molestatori sono: costringere la vittima a prendere le parti intime dei criminali; scattare foto sotto la gonna/vestito; siediti accanto a te e fai finta di dormire per divertirti; mostrare o dire cose oscene; tagliare i vestiti o aprire bottoni. La realtà che permea il chikan non è molto diversa che in altri paesi. Ebbene, purtroppo molte persone (soprattutto donne) hanno paura di denunciare per paura. La paura li fa paralizzare e non agire per combattere la fine di questo orrendo crimine, questo genera sempre più casi di chikan.

I molestatori cercano luoghi molto specifici in modo da poter compiere atti osceni, ad esempio, se la persona in metropolitana è più vicina alla porta d'ingresso, sono più a rischio di subire chikan perché è un posto difficile da evitare.

I molestatori prendono anche l'abitudine di "studiare" la vittima. Cominciano ad osservare ancor prima di salire sul treno e tendono ad avvicinarsi a persone dall'aspetto più fragile, timide e sole perché hanno meno probabilità di dire qualcosa che le faccia scoprire. ragazze in età scolare sono i più vulnerabili ai molestatori. Purtroppo capita anche che i molestatori pratichino il chikan con le stesse vittime perché sono sicuri che non lo diranno. E poiché la maggior parte ha una routine con gli stessi orari, è più favorevole per i criminali sapere il momento giusto per attaccare.

Chikan - Tutto su chikan, molestie sessuali in Giappone

Misure per combattere il chikan

Piace è un crimine le autorità giapponesi hanno preso provvedimenti per combattere questa pratica detestabile assegnando carrozze per sole donne nelle metropolitane. L'azione è iniziata nel 2002, nelle città più trafficate del Giappone durante le ore di punta. Ma una tale misura divide l'opinione in quanto uomini e donne sono soggetti a chikan nelle metropolitane.

Nel Kansai, le compagnie ferroviarie di Osaka e Kobe gestiscono solo vagoni femminili tutto il giorno per tutta la settimana che fanno anche il servizio pubblicitario con manifesti vicino alla metropolitana che avvertono del crimine di chikan.

Nessuno merita di vivere le situazioni così come sono, ma purtroppo se succede, devi fare di tutto affinché la situazione non si ripeta e tu non ne debba soffrire. Di' ad alta voce: "Watashi ni sawaruna!" (Non toccarmi!) è un modo per attirare l'attenzione, far fermare la persona e chiedere aiuto. Altre opzioni sono: utilizzare carri rivolti solo alle donne, evitare percorsi specifici, camminare con un campanello di sicurezza, tra gli altri modi.

È triste dover scrivere modi per scrivere un testo per evitare di essere molestato in Giappone o ovunque, così come modi per agire in queste situazioni quando la cosa giusta era non avere preoccupazioni come queste!

E per te, come è possibile cercare di alleviare questa situazione chikan? Hai mai sentito parlare di quel termine prima?

Condividi questo articolo: