Escort e prostituzione in Giappone

Sai come funziona la prostituzione in Giappone? Come trovare accompagnatori? La prostituzione in Giappone è vietata? In questo articolo vedremo alcune curiosità e informazioni sulla prostituzione e la sua storia in Giappone.

Escort e prostituzione in giappone - corso nihongo

La prostituzione è vietata in Giappone?

Dal 1956 esiste una legge che proibisce la prostituzione in Giappone, ma le persone trovano scappatoie, scappatoie e interpretazioni nelle leggi che consentono all'industria del sesso di prosperare nel paese, generando più di 2,3 trilioni all'anno.

Il Giappone definisce la prostituzione come un rapporto sessuale con un individuo sconosciuto in cambio di un pagamento. Per ovviare a questo, aziende e bordelli offrono massaggi sessuali e altri servizi che non prevedono il sesso come pretesto.

hostess

Ecco perché è comune in Giappone avere posti dove paghi per parlare con una donna, paghi per fare il bagno o ballare. Ci sono bar dove si paga solo per sentire il seno delle donne giapponesi, altri locali offrono servizi insoliti.

Naturalmente, la maggior parte dei saloni di massaggio ufficiali offre un servizio completo al buio. Anche perché non c'è modo di controllarlo bene. Centinaia di luoghi sospetti circondano i quartieri di Tokyo e di altre città.

La storia della prostituzione in Giappone

L'industria del sesso in giapponese si chiama fuzoku [風俗] che può essere letteralmente tradotto in stile [風] volgare [俗] o semplicemente come modi, costumi e moratoria pubblica. Quella parola racchiude esattamente qualsiasi servizio indecente.

attenzione che la parola fuzoku ha anche significati estranei alla prostituzione o al sesso. Un'altra parola che può riferirsi anche all'industria del sesso è mizu sobai [水商売] e anche la parola che si riferisce alla prostituzione vietata dalla legge baishunfu [売春].

Escort e prostituzione in giappone

A differenza di quanto pensano alcune persone, il le geishe non hanno niente a che fare con la prostituzione. In realtà, diventare una geisha era un modo per le donne di avere un lavoro dignitoso e non dedicarsi alla prostituzione, che all'epoca era molto forte.

Le donne in Giappone hanno vissuto in schiavitù per molti anni. La prostituzione in Giappone è diventata popolare tra cinesi, coreani, europei, africani e altri stranieri che comprano ragazze giapponesi e le rendono schiave del sesso sulle loro barche.

Già nel periodo Edo, lo shogunato Tokugawa limitava la prostituzione alle aree chiamate yuukaku [遊廓] il più scarso è Yoshiwara a Tokyo, Shinmachi a Osaka e Shimabara a Kyoto. Le puttane sono state chiamate yujo [遊女].

Escort e prostituzione in giappone - banner

L'inganno della prostituzione in Giappone

Uno dei più grandi inganni è che molte delle prostitute che lavorano in Giappone non sono giapponesi legittimi. Nel solo 2003, è stato riferito che più di 150.000 donne non giapponesi sono coinvolte nella prostituzione in Giappone.

Molte aziende e saloni di massaggi assumono cinesi, coreani, filippini e tailandesi per lavorare in questi luoghi. Si scopre che molti stranieri vengono coinvolti con una donna asiatica pensando che sia giapponese.

Escort e prostituzione in giappone

Poiché la prostituzione è ufficialmente vietata in Giappone, molte industrie usano gli impulsi sessuali per vendere cose alternative che non alimentano l'appetito ma diventano feroci come il hostess dove paghi per parlare con le ragazze.

Giocattoli erotici, video erotici e animati, striscioni provocatori, praticamente si fa molto per compensare la superficie della prostituzione del paese e la falsa purezza che i giapponesi vogliono presentare. Alcuni addirittura pagano semplicemente per farsi pulire le orecchie con un batuffolo di cotone da una donna giovane e carina.

Altri finiscono per assuefarsi agli Snack bar, locali dove abili cameriere giovani usano le labbra per sedurre i clienti e far loro spendere sempre più soldi nella falsa speranza di passare una serata con loro.

Escort e prostituzione in giappone - banner draw

Prostituzione nelle sale massaggi

Le sale massaggi hanno abbastanza successo in Giappone: alcuni giapponesi lavorano molto e hanno bisogno di un posto dove rilassarsi, sia all'interno di un onsen che in una sala massaggi specializzata. Ci sono diversi stabilimenti di massaggi in giro per il Giappone, alcuni unisex, altri esclusivamente per donne, ecc.

Alcuni di questi centri di massaggio possono offrire il famoso "massaggio sessuale" che consiste in un massaggio che può includere i genitali di entrambi i soggetti coinvolti. Di solito questo servizio viene solitamente prenotato su Internet in un hotel.

Se visiti quartieri come Kabukichou potresti trovare uomini sospettosi che ti invitano in questi luoghi. Di solito fanno pagare 10.000 yen per il massaggio erotico e probabilmente hanno i loro stabilimenti.

Escort e prostituzione in giappone

Difficilmente un centro massaggi pubblicizzerà liberamente questi servizi, ma si può dire dal prezzo e dai manifesti provocatori. Sebbene il massaggio erotico non sia proibito dalla legge sulla prostituzione, molte industrie lo usano per vendere sesso di nascosto.

Di solito, quando assumi una ragazza per fare un massaggio erotico, probabilmente può accettare di fare sesso se paghi un costo aggiuntivo. Può anche addebitare importi specifici per ogni cosa diversa che desideri. Probabilmente spenderai facilmente oltre 20.000 yen per questi servizi.

Hai mai pensato di imparare il coreano? Clicca qui e scopri un corso di coreano.

Come trovare escort in Giappone?

Come già accennato, puoi facilmente trovare appuntamenti senza sesso solo per avere qualcuno con cui parlare. Se vuoi trovare un compagno per fare sesso, la cosa più semplice sarebbe andare nei quartieri a luci rosse e nei centri massaggi.

Il modo migliore per trovare un appuntamento è cercare in Internet i siti che presentano queste ragazze e fissare un appuntamento con loro. Puoi anche utilizzare Google Maps e cercare [風俗店] (fuuzokuten) per trovare i luoghi desiderati.

Escort e prostituzione in giappone

Fai attenzione agli estranei che offrono questi servizi per strada, specialmente in quartieri come Kabukichou. Non ho intenzione di consigliare un posto specifico, perché odio questo tipo di pratica, scrivo solo per curare le persone curiose.

Spero che l'articolo ti sia piaciuto. Se ti è piaciuto, condividilo e lascia i tuoi commenti. Fai molta attenzione a dove vai in Giappone, molti sono membri della yakuza o potresti finire in prigione (molto raro).