Tsunami in Giappone – Il più grande di tutti i tempi

Il Giappone è noto per i suoi numerosi terremoti e tsunami. I terremoti accadono costantemente in Giappone, ma è solo una piccola scossa che non scuote nessuno. Ma nel corso della storia si sono verificati diversi forti terremoti e ha formato grandi tsunami. In questo articolo, conosceremo alcuni degli tsunami che si sono verificati in Giappone.

Hakuho – 684 d.C

Il primo tsunami avvenuto in Giappone è stato il 29 novembre 684 nelle regioni di Nankaido, Shikoku, Kii e Awaji. Il terremoto è stato stimato di magnitudo 8,4 e il bilancio delle vittime è sconosciuto.

Sendai – 869 dC

La regione di Sendai è stata colpita da una grande onda che ha causato inondazioni che si sono estese per oltre 4 km di costa. La città di Tagajo è stata distrutta, con una stima di 1.000 vittime. Il terremoto responsabile si chiama Sanriku.

Nankai – 887 d.C

Il 26 agosto 887 un forte terremoto che colpì Osaka, Shiga, Gifu e Nagano causò uno tsunami che inondò la regione costiera di Osaka, lo tsunami fu osservato anche al largo di Hyuga, Miyazaki.

Kamakura – 1293 d.C

Un terremoto di magnitudo 7.1 ha causato uno tsunami che ha colpito Kamakura, più di 23.000 persone sono morte contando gli incendi causati dal terremoto.

Nankai – 1361 d.C

Il 3 agosto 1361 durante l'era Shohei, un terremoto di magnitudo 8,4 colpì Nankaidō seguito da uno tsunami che colpì Yukiminato e Awa distruggendo più di 1.700 case e annegando più di 60 persone ad Awa.

Nankai – 1498 d.C

Il 20 settembre 1498 si verificò un terremoto di magnitudo 7.5 che provocò uno tsunami. Il porto di Wakayama è stato danneggiato da uno tsunami alto diversi metri. Morirono più di 30.000 persone. L'edificio intorno al grande Buddha di Kamakura (7 m di altezza) è stato spazzato via dallo tsunami.tsunami in giappone

 

Nankaido – 1605 d.C

Il 3 febbraio 1605 un terremoto di magnitudo 8.1 causò uno tsunami di oltre 30 metri di altezza che fu osservato al largo della costa di Boso e sull'isola di Kyushu. Più di 3.600 persone sono annegate nell'area di Shishikui. L'altezza delle onde ha raggiunto i 6-7 metri ad Awa, i 5-6 metri a Kannoura e gli 8-10 metri a Sakihama. In totale, più di 5.000 annegati.

Seikaido-Nankaidō – 1698 d.C

Il 22 dicembre 1698 un grande tsunami colpì Seikaido-Nankaidō.

Hoei – 1707 d.C

Il 28 ottobre 1707, durante l'era Hoei, un terremoto di magnitudo 8,4 provocò uno tsunami alto fino a 10 m che colpì Kochi. Più di 29.000 case sono state distrutte e lavate, causando 30.000 morti. Nella provincia di Tosa 11.170 case sono state lavate e 18.441 persone sono annegate. Circa 700 persone sono state uccise e 603 case sono state spazzate via a Osaka e le onde hanno raggiunto i 20 metri a Tanezaki.

Hokkaido – 1741 d.C

Il 29 agosto 1741, il lato occidentale di Hokkaido fu colpito da uno tsunami associato a un'eruzione vulcanica delle isole Oshima. La causa dello tsunami è una massiccia frana, innescata dall'eruzione. 1467 persone sono state uccise a Hokkaido e 8 ad Aomori.

Isole Yaeyama, Okinawa – 1771 d.C

Un terremoto sottomarino di una magnitudo stimata di 7,4 si è verificato vicino alle isole Yaeyama nell'antico regno di Ryukyu (l'odierna Okinawa) il 4 aprile 1771 intorno alle 8:00. Il terremoto non ha provocato vittime, ma uno tsunami ha ucciso circa 12.000 persone. Si stima che le onde abbiano raggiunto gli 80 metri. Lo tsunami ha avuto anche effetti di lunga durata come epidemie, malaria e ha finito per distruggere e danneggiare i raccolti.

Monte Unzen, Nagasaki, Kyushu – 1792 d.C

L'eruzione del Monte Unzen a Nagasaki ha causato terremoti, valanghe e persino uno tsunami che ha colpito la provincia di Higo e Ariake causando più di 5.000 morti.

tsunami in giappone

Nankai, Tokai e Kyushu – 1854

Il terremoto che ha colpito la costa meridionale di Ansei in Giappone è stato in realtà un insieme di tre terremoti, due di magnitudo 8,4 e un terremoto di 7,4 per diversi giorni.

  • Un terremoto di magnitudo 8,4 il 4 novembre 1854, vicino a quelli che oggi sono Aichi e Shizuoka, produsse tsunami di 4-6 metri;
  • Un altro terremoto di magnitudo 8,4 il 5 novembre a Wakayama. Lo tsunami risultante ha raggiunto un'altezza di 8,4 m. Morirono più di 1.443 persone;
  • Un terremoto di magnitudo 7,4 il 7 novembre 1854 nella prefettura di Ehime e Oita;

Il risultato totale è stato di 80.000-100.000 morti. (Terremoti + Tsunami)

Edo (Tokyo) – 1855 d.C

Un forte terremoto e uno tsunami sono scoppiati a Tokyo causando la morte da 4.500 a 10.000 persone.

Meiji Sanriku – 1896 d.C

Il 15 giugno 1896, intorno alle 19:36, un grande terremoto sottomarino si è verificato al largo della costa di Sanriku, a nord-est di Honshu, questo ha innescato onde di tsunami che hanno colpito la costa circa mezz'ora dopo. Il terremoto non ha ucciso nessuno, ma lo tsunami ha colpito onde di 30 metri e ha ucciso circa 27.000 persone.

tsunami in giappone

Kanto – 1923 d.C

Il Grande Terremoto di Kanto, avvenuto nel Giappone orientale il 1 settembre 1923, e che devastò Tokyo, Yokohama e l'area circostante, provocò tsunami che devastarono la costa di Shonan, la penisola di Boso, le isole Izu e la costa orientale della penisola di Izu . Ad Atami sono state registrate onde che hanno raggiunto i 12 metri. Esempi di danni causati dallo tsunami includono circa 100 persone uccise lungo la spiaggia di Yuigahama a Kamakura e circa 50 persone a Enoshima. Tuttavia, gli tsunami hanno rappresentato solo una piccola parte del bilancio delle vittime finali di oltre 100.000, la maggior parte dei quali sono stati uccisi nel fuoco.

Showa Sanriku – 1933 d.C

Il 3 marzo 1933, la costa di Sanriku, a nord-est di Honshu, causò un terremoto di magnitudo 8,1 che distrusse quasi 5.000 case e uccise 3.068 persone, la stragrande maggioranza a causa delle onde dello tsunami. La prefettura di Iwate ha perso 42% della sua popolazione e 98% dei suoi edifici. Taro è ora protetto da un imponente muro dello tsunami, alto attualmente 10 metri e lungo oltre 2 chilometri.

Tonankai – 1944 d.C

1.223 persone sono state uccise dall'onda causata da un terremoto di 8.0 il 7 dicembre 1944, a circa 20 km dalla penisola di Shima.

Nankaido – 1946 d.C

Il terremoto di Nankai del 21 dicembre 1946 ha avuto una magnitudo di 8,4 alle 4:19 (ora locale). Ha causato un'ondata che ha preso 1.451 case e causato 1.500 morti.

Niigata – 1964 d.C

Morirono 28 persone e interi edifici furono distrutti dalla liquefazione. Lo tsunami ha distrutto il porto di Niigata.

Okushiri, Hokkaido – 1993 dC

Un devastante tsunami ha colpito la costa di Hokkaido a seguito di un terremoto di magnitudo 7,8 a 130 km al largo il 12 luglio 1993. In pochi minuti, l'Agenzia meteorologica giapponese ha emesso un avviso di tsunami, trasmesso da NHK in inglese e giapponese. Tuttavia, era troppo tardi per Okushiri, una piccola isola vicino all'epicentro, dove alcune onde hanno raggiunto i 30 metri e si sono abbattute entro due-cinque minuti dal terremoto. Nonostante fosse circondato dalle barriere dello tsunami, Aonae, un piccolo villaggio, è stato devastato nell'ora successiva da 13 onde alte oltre due metri che sono arrivate da varie direzioni. Delle 250 persone uccise a causa del terremoto, 197 sono state vittime dello tsunami che ha colpito Okushiri, le onde hanno causato morti anche al largo delle coste di Hokkaido.

Tsunami in Giappone – Tohoku – 2011 AD

L'11 marzo 2011, lungo la costa del Pacifico del Giappone, un terremoto di magnitudo 9.0 ha prodotto uno tsunami alto 10 metri lungo la costa nord-orientale del Giappone.L'onda ha causato una vasta devastazione, con un conteggio ufficiale di 18.550 persone uccise. Il più grande tsunami registrato a Miyako, Iwate, ha raggiunto un'altezza totale di 40,5 metri. Inoltre, l'onda ha causato diverse esplosioni nella centrale nucleare di Fukushima. Allerte tsunami sono state emesse in tutta la costa del Pacifico.

tsunami in giappone


Per quanto devastante, non possiamo avere paura, l'imprevisto può accadere ovunque. Senza contare che nel corso della storia del Giappone, tutte queste morti causate non si avvicinano nemmeno alle morti causate dalla violenza e dall'incoscienza nel traffico in Brasile.

Condividi questo articolo: