Protagonista che perde i suoi poteri – Qual è l'origine di questo cliché?

[ADS] Pubblicità

Avete notato che in molti anime il protagonista finisce per perdere i suoi poteri? Sapevate che questo fenomeno può avere un'origine culturale? Giusto. In diversi shonen – serie anime e manga rivolte agli adolescenti maschi – possiamo vedere questo cliché concretizzarsi.

Avviso spoiler!

In "Bleach", ad un certo punto della serie, il protagonista Kurosaki Ichigo perde addirittura i suoi poteri Shinigami, mentre in "Hunter x Hunter", il personaggio principale Gon perde le sue abilità "Nen" dopo aver combattuto un'ardua battaglia contro Neferpitou. In molti altri anime e manga, questo schema può essere visto, come nel caso di Naruto, in cui il protagonista della serie perde Kurama (la volpe a nove code).

Dopotutto, perché questo schema si ripete così tanto in queste storie?

In questo articolo cercheremo di capire di più su questo fenomeno comune nella cultura pop. Ricordiamo anche momenti straordinari negli anime in cui il personaggio principale è stato privato dei suoi poteri ed è diventato un normale essere umano.

Protagonista che perde i suoi poteri - qual è l'origine di questo cliché?

Anime in cui il protagonista ha perso i suoi poteri

  • Bleach – Kurosaki Ichigo (perde i suoi poteri spirituali poco prima dell'inizio dell'arco di Fullbringers).
  • Hunter x Hunter – Gon Freecs (perde il Nen dopo la saga di Chimera Ants).
  • Yu Yu Hakusho - Kuwabara (perde il suo potere spirituale dopo l'arco di Sensui).

Se ricordi altri anime in cui si è verificato questo cliché, scrivi nei commenti.

Origine culturale di questo cliché – possibili influenze storiche

L'origine di questo cliché non è nota con certezza. Tuttavia, è possibile suggerire alcune ipotesi per il suo emergere, come il predominio della dicotomia tra il divino e l'umano in storia e nella cultura giapponese, come vedremo di seguito.

In passato si credeva che l'imperatore spettacolo (昭和天皇 – しょうわてんのう, showa tennou), per esempio, possedeva poteri spirituali (per essere un diretto discendente della dea Amaterasu). Dopo la fine della seconda guerra mondiale, l'allora imperatore (che si chiamava Hirohito) dovette parlare via radio affinché la popolazione venisse a vederlo come un normale essere umano, che in quel momento sarebbe stato privato dei suoi poteri spirituali e avrebbe avuto bisogno di trasmettere un messaggio di cessate il fuoco per l'intera popolazione. Nel dopoguerra, gli aspetti umani di Hirohito si intensificarono ancora di più quando i suoi interessi più intimi, come il suo fascino per la biologia marina e gli studi scientifici nei laboratori, furono pubblicizzati dai media.

Un'altra possibile influenza per l'emergere di questo elemento ricorrente nelle storie di fantasia sarebbe nella mitologia giapponese. Varie entità mitologiche e folcloristiche, come il yokai e il kami hanno caratteristiche umane che rafforzano la dicotomia soprannaturale x umana. o kappa, famosa creatura leggendaria che abita i fiumi, perde i suoi poteri quando viene versata dell'acqua sopra la sua testa.

Protagonista che perde i suoi poteri - qual è l'origine di questo cliché?

Inoltre, gli stessi samurai giapponesi, che avevano un'aura mistica che li circondava, persero gradualmente lo status leggendario che avevano e iniziarono a integrare la società civile come "gente comune", soprattutto dopo la proibizione delle spade durante l'era Meiji.

Tutti questi riferimenti storici ci portano a credere che i mangaka tendano a utilizzare caratteristiche e momenti straordinari di leggende, racconti e guerre per reinterpretare e riutilizzare il mito del “potente che diventa mediocre” o del “soprannaturale che diventa umano” nelle tue storie. Questo tratto culturale è così sorprendente che possiamo osservare quando personaggi un tempo molto forti entrano a far parte del gruppo di personaggi comuni. In Naruto e Dragon Ball, i personaggi considerati potenti all'inizio della trama sono relegati al ruolo di normali umani alla fine di entrambe le serie.

Al mito della creazione dell'arcipelago giapponese, Izanagi lancia tre pesche verso le streghe, di conseguenza un tale atto fa perdere loro completamente i poteri.

Altre innumerevoli storie e racconti giapponesi hanno questo dettaglio come una caratteristica importante delle loro trame. Lo psichiatra svizzero Carl Jung ha chiamato questi schemi ripetitivi "archetipi" e credeva che fossero motivati da esperienze delle più diverse civiltà nel corso della storia umana. Queste esperienze sono modellate da archetipi incorporati nell'inconscio collettivo.

Che cosa succede? Ti è piaciuto l'articolo? Quindi metti mi piace, commenta e condividi sui social media.

Condividi questo articolo: