Significato Kamaitachi - La donnola Yokai giapponese

Kamaitachi è uno yōkai giapponese e può anche riferirsi agli strani eventi provocati da questa creatura. Sembrano camminare in vortici di polvere e tagliano le persone usando chiodi su entrambe le mani che sono come falci. Si riceverebbe una ferita acuta e indolore.

Inoltre, sono spesso associati alle donnole. Ricordando che le donnole, o Itachi, non sono molto visti in Giappone.Qui sul sito abbiamo un buon articolo che parla di questi animali, vale la pena dare un'occhiata.

Tra le altre cose, parleremo principalmente di Kamaiachi come Yokai. Dopotutto, un fenomeno della natura non è una cosa molto interessante da associare alla cultura. Per questo motivo, impariamo un po' di Kamaiachi nella cultura giapponese.

Kamaiachi e le sue origini

Kamaitachi era inizialmente pensato come un tipo di derivato della parola "kamae tachi", che significa spada posturale. Tuttavia, a causa di alcuni fatti accaduti, è stato riutilizzato e descritto come una donnola yokai.

Ben presto, kamaiachi si affermò come lo yokai che è oggi. In un certo libro viene menzionato che i bambini della proprietà chiamati Kagaya in Viene da erano avvolti da un vortice. Poi, sulla superficie della sua schiena, rimasero i passi di una bestia. Nel libro era scritto che questa era la prova di un "kamae tachi".

Significato Kamaiachi - la donnola yokai giapponese

Così il kamaitachi divenne noto come un animale con la pelliccia come un riccio e un grido come un cane. Avendo la capacità di volare in aria con le ali, si dice che attacchino le persone con arti simili a una falce o un rasoio.

Leggende su Kamaiachi

Una cosa che sappiamo bene è come si diffondono le voci. Le leggende sono quasi la stessa cosa, quindi ci sono anche dei cambiamenti. Il che porta alla creazione di più versioni della stessa creatura. Quindi, presentiamo alcune versioni di kamaiachi.

I venti diabolici che tagliano fuori le persone sono menzionati nelle regioni di Chūbu, Kinki e in altre regioni. Ci sono molte leggende ambientate nelle regioni innevate, e ci sono alcune regioni che chiamano i vortici "kamaiachi". In tempi di vento freddo e in altri momenti, sono anche uno strano evento in cui qualcuno potrebbe cadere e avere un infortunio alla gamba.

Significato Kamaiachi - la donnola yokai giapponese

Nell'area del distretto di Yoshio della prefettura di Nara, abbiamo un'altra versione. Si dice che quando qualcuno viene morso da un kamaiachi cade e riceve una grossa ferita. Ma dalla ferita non esce sangue, anche se c'è una grande apertura nella carne. Inoltre, Kamaiachi è invisibile all'occhio umano.

A Hida, nel bacino del fiume Niu, si dice che nelle leggende Kamaitachi sia una compagnia di 3 dei malvagi. Poiché il primo dio avrebbe abbattuto la persona, il dio successivo avrebbe tagliato con una lama e il terzo dio avrebbe messo una medicina. Quindi, la ferita non avrebbe sanguinamento o dolore. Ci sono anche regioni che pensano a questi tre dei come padre, figlio e fratello.

Kamaiachi negli scritti antichi

Nel periodo Edo abbiamo il saggio “Sōzan Chomon Kishū” di Miyoshi Shōzan. In esso cita un guerriero feudale di Owari. Nel saggio si dice che le ferite di un kamaiachi non provocano inizialmente dolore o sanguinamento.

Tuttavia, dopo qualche tempo, la ferita porta dolore intenso e grandi quantità di sanguinamento. E sono così gravi che a volte anche le ossa possono essere viste dall'apertura della ferita. Arrivare al punto di essere in pericolo di vita.

Leggi anche il nostro articolo che parla di 15 Yokais giapponesi, miti e leggende. 

Nel saggio si afferma anche che un kamaiachi non può saltare più in alto di circa 1 shaku, circa 30 centimetri. Dopotutto, le ferite vengono spesso ricevute nella parte inferiore del corpo.

Abbiamo molti altri riferimenti, ma non ci sono quasi differenze, quindi ignoriamo gli altri. Ma puoi sentirti libero di commentare qualsiasi caratteristica o riferimento che conosci.

Inoltre, puoi benissimo chiedere, suggerire qualcosa o qualcosa del genere nei commenti. Inoltre, condividere e mettere mi piace alla pagina del sito sui social, aiuta molto nella diffusione. Altrimenti, grazie per aver letto l'articolo finora, fino al prossimo.

Condividi questo articolo: