5 folli e strane leggende metropolitane giapponesi

Il Giappone è un paese pieno di leggende, mitologie e superstizioni. In questo articolo abbiamo selezionato 5 leggende metropolitane giapponesi completamente strane e folli. Ti consigliamo di leggere anche il nostro articolo su Mostri, miti e leggende giapponesi che è anche piuttosto bizzarro. 

1932 Pantaloni antincendio e donne

Il 16 dicembre 1932, il grande magazzino Shirokiya di otto piani prese fuoco a Tokyo, uccidendo 14 persone. Ci sono voci che le donne locali che erano vestite in kimono sono stati costretti a salire sul tetto e si sono rifiutati di saltare nelle reti di sicurezza dei vigili del fuoco per paura di essere scoperti. Questo perché le donne di solito non indossano biancheria intima quando indossano il gi.

Annuncio

Si ritiene che dopo l'incidente, la direzione del negozio abbia ordinato a tutte le commesse di indossare biancheria intima insieme al kimono, e questa pratica si è diffusa lentamente in tutto il Giappone.Anche se la leggenda è forte e appare nei libri, questo non è mai stato dimostrato.

5 stravaganti e strane leggende metropolitane giapponesi - kimono con sorriso giapponese

Annuncio

La maledizione della stanza rossa

La leggenda era basata su un'animazione flash (swf) dell'orrore. Viene visualizzato un pop-up su Internet e una registrazione chiederà "Ti piace la stanza rossa?" Anche se chiudi il popup, continuerà a riapparire fino a quando la registrazione non avrà terminato di porre la domanda. Poco dopo, lo spettatore verrà ucciso e la sua stanza sarà dipinta di rosso con il suo stesso sangue.

La leggenda metropolitana ha guadagnato notorietà dopo aver scoperto che la studentessa di 11 anni che ha ucciso un dodicenne (Sasebo Slashing) aveva salvato l'animazione Flash nei segnalibri del suo computer.

Maledetto Kleenex Commercial

Nel 1986, Kleenex ha pubblicato tre spot pubblicitari esclusivi per il Giappone.Come puoi vedere dall'annuncio sopra, molti spettatori hanno trovato questo annuncio inquietante. A causa di queste pubblicità, le maledizioni iniziarono a diffondersi.

Annuncio

Le voci iniziavano dicendo che la canzone "It's a Fine Day" era una maledizione tedesca (nonostante fosse cantata in inglese) e portava i membri del team ad affrontare morti premature. L'incidente più grande è avvenuto con l'attrice protagonista degli annunci, Keiko Matsuzaka. Sarebbe morta, o sarebbe stata istituzionalizzata, o avrebbe dato alla luce un figlio del diavolo. Niente di tutto questo è successo davvero.

Leggende metropolitane giapponesi pazze e strane

La maledizione del colonnello Sanders

Secondo i fan della squadra di baseball Tigri Hanshin, il colonnello Levigatrici KFC è stata la ragione principale per cui la squadra non ha vinto il campionato nel 1985!

Annuncio

Questo perché dopo la prima vittoria della squadra in un campionato, i fan hanno gettato una statua del colonnello Sanders nel fiume Dōtonbori a Osaka. Da allora la squadra non è riuscita a vincere nessun altro campionato. I fan credono che la maledizione finirà quando verrà recuperata la statua originale. Fino ad oggi non hanno trovato né la mano né gli occhiali del colonnello Sanders.

Leggende metropolitane giapponesi pazze e strane

Tunnel Kiyotaki

Questo tunnel è stato costruito nel 1927. È lungo 444 m (4 è un numero maledetto in Giappone, simile al numero 13 per la maggior parte degli occidentali). Kyiotaki è, secondo le leggende, maledetta da tutti gli operai che morirono durante la costruzione, a causa delle terribili condizioni di lavoro dell'epoca, che li costringevano a lavorare come schiavi, e da tutti coloro che morirono nel tunnel, vittime di incidenti causati .dagli spiriti dei lavoratori.

Si dice che i fantasmi possano essere visti nel tunnel di notte e che possano persino possedere la tua auto e causare un incidente. Si dice anche che ci sia uno specchio in questo tunnel e che se ci guardi dentro e vedi un fantasma, morirai di una morte orribile. La lunghezza del tunnel può variare anche a seconda dell'ora e del periodo in cui lo stai misurando (notte o giorno).

Annuncio