Il miracolo economico giapponese: come è successo?

Un periodo molto importante nella storia giapponese è stato il dopoguerra. In questo periodo, dopo la fine della seconda guerra mondiale, avvenne quello che gli storici chiamano il miracolo economico giapponese. Così descritto dal fatto che l'economia giapponese ha attraversato un grande boom economico, portando a risultati straordinari nei numeri dell'economia.

Durante questo boom economico, il Giappone è diventato la seconda economia più grande del mondo (dopo gli Stati Uniti). Tuttavia, negli anni '90, il demografia Il Giappone iniziò a ristagnare e la forza lavoro non si stava più espandendo come nei decenni precedenti, sebbene la produttività dei lavoratori rimanesse elevata.

Questo miracolo economico è avvenuto principalmente a causa dell'interventismo economico del governo giapponese e altrove a causa dell'aiuto e dell'assistenza degli Stati Uniti attraverso il Piano Marshall. Ma diversi altri fattori hanno influenzato il periodo del miracolo economico giapponese, e ti spiego cosa è successo veramente.

Il miracolo economico giapponese: come è successo?

Introduzione al miracolo economico del Giappone

Il miracolo economico giapponese è fondamentalmente una designazione per la crescita dell'economia giapponese in un certo periodo. Questo periodo comprende la fine della seconda guerra mondiale e la fine della guerra fredda, in cifre, tra il 1945 e il 1991.

Questo miracolo economico può essere suddiviso in quattro fasi. Sono recupero, grattacielo, a aumento costante e a vita bassa. Questi verranno spiegati separatamente più avanti nel testo, quindi sii paziente.

Innanzitutto, devo evidenziare le caratteristiche dell'economia giapponese che l'hanno distinta negli anni del “miracolo economico”. Queste caratteristiche sono:

  • La cooperazione di produttori, fornitori, distributori e banche in gruppi strettamente collegati, che furono chiamati keiretsu;
  • I potenti sindacati e shuntō;
  • Buoni rapporti con i burocrati del governo e impiego garantito a vita (shūshin koyō) nelle grandi aziende;
  • Operai di fabbrica altamente sindacalizzati;

Oltre a queste caratteristiche, dopo la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti stabilirono una presenza significativa in Giappone per ostacolare l'espansione dell'influenza sovietica nel Pacifico. Al contrario, gli Stati Uniti erano anche preoccupati per la crescita economica del Giappone.

Perché erano preoccupati? perché c'era il rischio che una popolazione giapponese infelice e povera si convertisse al comunismo e, così facendo, si assicurasse che l'Unione Sovietica controllasse il Pacifico. Cioè, tutto ciò che gli Stati Uniti volevano evitare. Ma comunque, spiegheremo più approfonditamente durante l'articolo.

Il miracolo economico giapponese: come è successo?

Il dopoguerra in Giappone

Come sappiamo, il Giappone è stato umiliato nella seconda guerra mondiale. Come questo? È servito come bersaglio di fuoco per le due bombe atomiche che hanno dimostrato al mondo la spaventosa potenza militare degli Stati Uniti in quel momento.

E nonostante sia stato pesantemente distrutto dai bombardamenti nucleari di Hiroshima e Nagasaki e da altri attacchi aerei alleati contro il Giappone, il Giappone è riuscito a riprendersi. Raggiungere il rango di seconda economia più grande del mondo negli anni '60, ad eccezione dell'Unione Sovietica.

Il governo giapponese ha contribuito al miracolo economico giapponese a modo suo e nel miglior modo possibile. Cioè, stimolando la crescita del settore privato, prima istituendo regolamenti e protezionismo che gestissero efficacemente le crisi economiche. Dopo questi passaggi, concentrandosi sull'espansione del commercio.

Tuttavia, tre decenni dopo il Giappone ha attraversato la cosiddetta "recessione della crescita". Ciò è dovuto, tra l'altro, all'imposizione da parte degli Stati Uniti di politiche di protezione economica opprimendo la produzione giapponese e costringendo lo yen ad apprezzarsi. E questo apprezzamento ha lasciato il paese in una significativa recessione economica negli anni '80.

Nel tentativo di alleviare l'influenza della recessione, il Giappone ha imposto una serie di politiche economiche e finanziarie per stimolare la domanda interna. Tuttavia, l'economia della bolla che si è verificata alla fine degli anni '80 e all'inizio degli anni '90 e la successiva politica deflazionistica hanno distrutto l'economia giapponese.

E dopo questa politica, l'economia giapponese è entrata in un periodo di bassa crescita che continua ancora oggi.

Il miracolo economico giapponese: come è successo?

La fase di recupero del Giappone

Ora, come promesso, spieghiamo ciascuna delle quattro fasi di questo miracolo. Ma è degno di nota chiedersi che, se ci guardiamo, in generale tutti i paesi hanno sperimentato un certo livello di crescita industriale nel dopoguerra.

Ma è un dato di fatto che i paesi che hanno mostrato un calo significativo della produzione industriale a causa dei danni della guerra, come il Giappone, hanno avuto una ripresa più rapida. E il primo motivo per cui il Giappone si è ripreso rapidamente è stata la buona ed efficace riforma economica del governo.

Una delle principali riforme economiche è stata l'adozione della "Modalità di produzione inclinata". La "Modalità di produzione inclinata" si riferisce alla produzione inclinata che si concentra soprattutto sulla produzione di materia prima. Inoltre, per stimolare la produzione, il governo giapponese ha sostenuto l'assunzione di manodopera, soprattutto femminile.

La seconda ragione per la ripresa fu la guerra di Corea. Questa guerra ebbe luogo nella penisola coreana e gli Stati Uniti finirono per partecipare alla guerra, fornendo così un'opportunità per l'economia giapponese.

Ciò è dovuto al fatto che la penisola coreana è lontana dal territorio degli Stati Uniti, quindi la logistica è diventata un grosso problema. Tuttavia, come uno dei maggiori sostenitori degli Stati Uniti in Asia, il Giappone si è distinto, supportando le operazioni logistiche e guadagnando anche dalla produzione di armi da fuoco.

I massicci ordini di armi da fuoco e altri materiali dagli Stati Uniti stimolarono notevolmente l'economia giapponese. Ciò ha permesso al Giappone di riprendersi dalla distruzione in tempo di guerra e ha fornito al Giappone le basi per la successiva fase di forte crescita.

Il miracolo economico giapponese: come è successo?

Alta fase di crescita in Giappone

Dopo aver ottenuto il sostegno degli Stati Uniti e aver realizzato la riforma economica interna, il Giappone è riuscito a crescere dagli anni '50 agli anni '70. Inoltre, il Giappone ha anche completato il suo processo di industrializzazione. Ed è diventato uno dei primi paesi industrializzati in Asia.

Le ragioni per cui il Giappone ha completato la sua industrializzazione sono complicate. Ma la caratteristica principale di questo periodo è l'influenza delle politiche di governo del governo di Hayato Ikeda. Fatto che spiegheremo più avanti.

Nel 1968, il Japanese Economics Book affermava che l'economia giapponese continuò a crescere vigorosamente dopo una pausa nell'autunno del 1965. Le parole "aumento", "crescita" e "aumento" riempirono i riassunti degli annuari dal 1967 al 1971.

Aumento dei consumi in Giappone

Durante il periodo della ricostruzione e prima della crisi petrolifera del 1973, il Giappone riuscì a completare il suo processo di industrializzazione. Pertanto, ha ottenuto miglioramenti significativi negli standard di vita e ha assistito a un significativo aumento dei consumi. Ad esempio, il consumo medio mensile delle famiglie urbane è raddoppiato nel periodo compreso tra il 1955 e il 1970.

Inoltre, anche le proporzioni dei consumi in Giappone stavano cambiando. Il consumo per le necessità quotidiane come cibo e vestiti è diminuito. Al contrario, sono aumentati i consumi di attività ricreative, di intrattenimento e di beni. Questo aumento dei consumi ha stimolato la crescita del PIL incoraggiando la produzione.

Il miracolo economico giapponese: come è successo?

Influenza delle politiche del governo giapponese

Sotto il primo ministro Ikeda, ex ministro del MITI, il governo giapponese ha avviato un ambizioso “raddoppio del reddito”. Ha abbassato i tassi di interesse e le tasse per i giocatori privati per motivare la spesa.

Il primo ministro Hayato Ikeda ha seguito una politica di pesante industrializzazione. Questa politica ha portato all'emergere di "prestiti eccessivi" (una pratica che continua ancora oggi), in cui la Banca del Giappone concede prestiti alle banche cittadine, che a loro volta concedono prestiti a conglomerati industriali.

Poiché all'epoca in Giappone c'era una carenza di capitale, i conglomerati industriali presero in prestito oltre la loro capacità di rimborsare. In tal modo le banche della città si indebitarono con la Banca del Giappone, conferendo alla Banca nazionale del Giappone il pieno controllo sulle banche locali dipendenti.

Di questo passo il sistema di prestiti eccessivi, combinato con l'allentamento delle leggi antitrust da parte del governo, ha portato a una rinascita del keiretsu che rispecchiava i conglomerati di guerra, o zaibatsu.

E al centro del successo del keiretsu c'erano le banche della città, che emettevano prestiti generosamente, formalizzando partecipazioni incrociate in vari settori. Il keiretsu ha incoraggiato l'integrazione orizzontale e verticale, bloccando le aziende straniere.

L'amministrazione Ikeda ha anche istituito la Exchange Allocation Policy, ovvero un sistema di controlli sulle importazioni volto a prevenire l'inondazione di merci straniere nei mercati giapponesi.

Il MITI (Ministero del Commercio Internazionale e dell'Industria) ha utilizzato questa politica per stimolare l'economia. Promuovendo così le esportazioni, gestendo gli investimenti e monitorando la capacità produttiva.

Il miracolo economico giapponese: come è successo?

Altre misure del governo adottate

Oltre alle altre misure già menzionate, il governo ha apportato diversi altri aggiustamenti che hanno spianato la strada al successo del Giappone.Una di queste misure è stata possibile solo grazie alla flessibilità finanziaria che era stata creata. Questa misura è stata la rapida espansione degli investimenti del governo nelle infrastrutture del Giappone.

Il governo Ikeda ha anche ampliato gli investimenti del governo nel settore delle comunicazioni precedentemente trascurato. Inoltre, questo governo era responsabile dell'adesione all'intervento del governo e alla regolamentazione dell'economia. Quindi il suo governo ha spinto per la liberalizzazione del commercio.

Già nell'aprile 1960, le importazioni commerciali erano state liberalizzate a 41% rispetto a 22% nel 1956. Ikeda prevedeva di liberalizzare il commercio a 80% in tre anni. Tuttavia, i loro piani incontrarono una forte opposizione. È un dato di fatto che nessun governo può essere pienamente accettato, altrimenti sarebbe una dittatura.

Tuttavia, questo stesso governo ha anche istituito diverse agenzie alleate per la distribuzione di aiuti esteri per mostrare la volontà del Giappone di partecipare all'ordine internazionale e promuovere le esportazioni.

La creazione di queste agenzie non solo ha svolto il ruolo di una piccola sovvenzione alle organizzazioni internazionali. Ha anche dissipato alcuni timori dell'opinione pubblica sulla liberalizzazione del commercio.

Altri meriti di Ikeda sono stati:

  • l'integrazione economica globale del Giappone, con l'adesione al GATT nel 1955;
  • Entrato a far parte del FMI e dell'OCSE nel 1964;
  • Quando Ikeda lasciò l'incarico, il PIL stava crescendo a un tasso fenomenale del 13,9 percento;

Il miracolo economico giapponese: come è successo?

Fase di crescita stabile in Giappone

Nel 1973, il primo shock del prezzo del petrolio colpì il Giappone a causa della crisi petrolifera del 1973. Questa crisi fu travolgente. Dove il prezzo del petrolio è passato da 3 dollari al barile a più di 13 dollari al barile.

Come effetto diretto di questo fenomeno, la produzione industriale giapponese è diminuita nel 201TP1Q. Per la capacità di offerta non è riuscita a rispondere alla rapida espansione della domanda. Inoltre, l'aumento degli investimenti in attrezzature ha spesso avuto risultati indesiderati.

A scapito, il secondo shock petrolifero del 1978 e del 1979 peggiorò ulteriormente la situazione. Di conseguenza, il prezzo del petrolio è tornato a salire da 13 dollari al barile a 39,5 dollari al barile. Tuttavia, il Giappone è stato in grado di resistere all'impatto. Ed è riuscito a passare da un concentratore di prodotto a una forma di produzione a concentrazione tecnologica.

Questa trasformazione è stata un prodotto delle crisi petrolifere e dell'intervento degli Stati Uniti. Con l'aumento del prezzo del petrolio, anche il costo di produzione è aumentato. E nel tentativo di ridurre i costi, dopo la crisi petrolifera, il Giappone ha sorpreso. Perché ha iniziato a produrre prodotti più ecologici e con un minor consumo di petrolio.

Un altro fattore è stato l'attrito degli Stati Uniti con il Giappone, dovuto al fatto che la rapida crescita economica del Giappone potrebbe danneggiare gli interessi economici degli Stati Uniti. Così, nel 1985, gli Stati Uniti firmarono il “Plaza Agreement” con Giappone, Germania Ovest, Francia e Gran Bretagna.

Come risultato di questi cambiamenti, il Giappone si è adattato a un programma di concentrazione tecnologica, garantendo la crescita costante della sua economia, oltre a distinguersi tra gli altri paesi capitalisti che sono stati significativamente feriti durante la crisi petrolifera.

Il miracolo economico giapponese: come è successo?

Cosa abbiamo imparato dal miracolo economico giapponese?

Se vi state chiedendo “che fine ha fatto l'ultimo periodo del miracolo economico giapponese?”, purtroppo non ho molto da dire a riguardo, in fondo dura fino ai giorni nostri e non ci sono stati grandi eventi in questo periodo. Per questo ed altri motivi non è stato commentato nell'articolo.

In una coincidenza, la conclusione del miracolo economico ha coinciso con la conclusione della Guerra Fredda. Mentre il mercato azionario giapponese ha raggiunto il suo picco più alto della storia alla fine del 1989, riprendendosi più tardi nel 1990, è sceso bruscamente nel 1991.

L'anno di completamento della bolla dei prezzi delle attività giapponesi ha coinciso con due marchi. Questi sono la guerra del Golfo e la dissoluzione dell'Unione Sovietica. Inoltre, questo episodio segna un altro fenomeno importante nella storia del Giappone, i famosi decenni perduti, ma questo è oggetto di un altro articolo.

Infine, lasciamo i libri che sono serviti come fonte per questo articolo, oltre a dare credito alla famosa wikipedia per alcuni riferimenti e informazioni tecniche sul miracolo economico del Giappone.

Condividi questo articolo:


2 commenti su “O milagre econômico japonês – Como aconteceu?”

  1. Faltou destacar os investimentos pesados na educação, pois convenhamos que foi isso que ajudou o país a contrabalançar a dependência por matérias primas como o Petróleo. Os EUA são mais competitivos porque não são tão dependentes quanto o Japão, inclusive hoje são exportadores de Petróleo. Um claro exemplo é que o Japão importa gás de Xisto dos EUA usado nas termelétricas e gerar energia elétrica ou seja, as despesas e custos para o Japão no final das contas são bem maiores.

  2. Faltou destacar os investimentos pesados na educação, pois convenhamos que foi isso que ajudou o país a contrabalançar a dependência por matérias primas como o Petróleo. Os EUA são mais competitivos porque não são tão dependentes quanto o Japão, inclusive hoje são exportadores de Petróleo. Um claro exemplo é que o Japão importa gás de Xisto dos EUA usado nas termelétricas e gerar energia elétrica ou seja, as despesas e custos para o Japão no final das contas são bem maiores.

Lascia un commento