Onestà giapponese

[ADS] Pubblicità

Purtroppo viviamo in un mondo pieno di disonestà, corruzione, criminalità e tanti mali che danneggiano le persone. Sfortunatamente, alcuni hanno un senso distorto di giusto e sbagliato. A volte anche noi facciamo qualcosa che sembra normale ma in realtà è disonesto. Un grande esempio di onestà sono i giapponesi, a volte possiamo anche stupirci di tanta onestà, i giapponesi non capiscono perché diamo tanto risalto alla loro onestà, perché per loro è qualcosa di normale, un obbligo, uno stile di vita.

In questo articolo ho raccolto diversi esempi che mostrano l'onestà giapponese in molti modi diversi, dovremmo vergognarci di non adottare uno stile di vita che pensa prima agli altri. Ricorda che non stiamo dicendo che in Giappone non ci sia corruzione o disonestà, ma che la maggior parte delle persone sono oneste.

hanbai mujin

Oltre alle migliaia di macchine automatiche elettroniche trovate in ogni angolo del Giappone, dove nessuno irrompe per rubare soldi. ci sono quelli incredibili hanbai mujin che sono piccole bancarelle allestite ai lati della strada o anche in città, dove i contadini o altri mettono in vendita la loro frutta confezionata, e lasciano una piccola cassetta perché la gente paghi. Nessuno ruba frutta, verdura o denaro, tutti pagano la cifra esatta. Probabilmente in Brasile prenderebbero anche la tenda...

Pirateria

In Brasile non mancano gli stand di DVD e CD piratati. Poi penso: “Non voglio collaborare con la pirateria, è meglio scaricare da internet”. Nota che in Giappone la maggior parte delle persone preferisce pagare per scaricare una canzone piuttosto che scaricarla gratuitamente da Google. Scaricare musica, film e serie è visto come un crimine, è davvero un crimine, sia in Brasile che in Giappone questa è ancora pirateria.

Una prova di ciò è che se cerchi canzoni in giapponese, o qualsiasi altra cosa come libri, film, manga... Ti imbatterai in un sito di shopping, potresti persino trovare il pulsante di download, ma quando lo clicchi avrai per sborsare qualche yen. Se cerchi in giapponese, sarà difficile trovare contenuti piratati su Internet.

Alcuni preferiscono ancora acquistare CD, DVD, CD-ROM piuttosto che piratare. Mentre in Brasile tutti usano il formato mp3 con migliaia di canzoni, il classico CD originale è ampiamente venduto lì.

Pirateria

Perduto? Ha pensato!

In Giappone non esiste un concetto"trovato non è rubato“. Tieni presente che la maggior parte delle cose perse in Giappone vengono restituite. Un giorno un amico ha dimenticato i suoi acquisti in un negozio ad Akihabara ed era già lontano, il proprietario del negozio è venuto di corsa a consegnare, non ha nemmeno bisogno di ritirarlo. Sono innumerevoli le situazioni di persone che hanno smarrito oggetti o ingenti somme di denaro e li hanno riottenuti.

Un collega ha commentato di aver già dimenticato uno degli ombrelli più economici nel taxi. Il tassista si è accorto della dimenticanza solo quando è tornato al posteggio dei taxi, che si trova nel centro commerciale. Non ebbe dubbi, si voltò, si avvicinò all'edificio e consegnò l'ombrellone all'atrio, senza farsi pagare un centesimo. Avrebbe potuto addebitare 14 reais per la gara, ma non lo fece. Ha anche dimenticato il cellulare e l'autista è tornato quattro ore dopo scusandosi per aver impiegato così tanto tempo e spiegando che era scappato subito dopo averlo lasciato a casa.

Durante il terremoto del 2011 i giapponesi hanno consegnato alla polizia oltre 125 milioni in contanti che hanno restituito ai proprietari. Soldi, lingotti d'oro... tutto questo trovato in 5.700 casseforti di case e aziende distrutte dalle onde di marea. Per darvi un'idea, in una sola cassaforte c'era l'equivalente di un milione e mezzo di reais. A parte portafogli e borsette imbottite di yen, abbandonate nella fretta della fuga, o che appartenevano a persone trascinate. Nessuno pensava: "Aah il proprietario del denaro è morto, lo prenderò e rifarò la mia vita dato che ho perso comunque la mia casa."

Onestà giapponese

Un altro evento che mostra l'onestà e l'amore per gli altri è accaduto quando; qualcuno ha rotto il clacson della moto e ha lasciato un biglietto di scuse e i soldi per il proprietario per comprare un altro clacson. Potrebbe semplicemente andarsene, nessuno lo saprebbe. E come nessuno ha rubato i soldi o il biglietto? È normale che lascino appunti in alcune fabbriche e luoghi di lavoro, facendo loro sapere che hanno trovato qualcosa di smarrito.

Nel 2003 un professore di diritto ha lasciato 20 portafogli in una strada di Tokyo e 20 in una strada di New York, contenenti la stessa somma di denaro. A New York sono stati consegnati (alla polizia) sei portafogli con contanti e due vuoti. A Tokyo sono stati restituiti 17 portafogli, di cui 1 ha chiesto i soldi nel caso in cui il proprietario non si trovasse. Se fosse in Brasile? Quanti portafogli verrebbero restituiti?

Un'altra cosa che dimostra l'onestà giapponese è che nella maggior parte dei posti ti togli le scarpe per entrare, come le scuole. Migliaia di scarpe e scarpe da ginnastica costose sono esposte in luoghi senza sicurezza, ma nessuno le ruba o le prende.

Onestà giapponese

 

governo onesto

Ogni governo del mondo, anche se poco, ha qualche parte coinvolta nella corruzione, anche il Giappone, ma guardandola in un altro modo, dopo lo tsunami del 2011, il governo della prefettura di Fukushima, ha restituito l'equivalente di 180 milioni di reais alla Croce Mondiale Rossa, denaro che era stato preso per aiutare con le difficoltà del terremoto. Se fosse un altro governo, non restituirebbero mai i soldi, o lo usavano per sempre o l'avrebbero messo in tasca e nessuno lo avrebbe saputo.

I governanti giapponesi, a qualsiasi livello, quando sono coinvolti in corruzioni anche minori, si uccidono persino per la vergogna a cui saranno esposti pubblicamente. In altri luoghi il corrotto si vanta del fatto e si atteggia ad onesto. Alcuni giapponesi addirittura cedono il lavoro solo perché non riescono a mantenere le promesse fatte alla popolazione.

Onestà giapponese

L'onestà è una questione di eleganza

Ovviamente il Giappone non è 100% onesto, ci sono diversi casi di ombrelloni che non hanno mai più visto i loro proprietari. Ci sono furti anche lì. Ma la legge è dura, anche se la trovi e non restituisci i soldi, puoi essere arrestato. Questo collabora molto affinché il Paese continui su un percorso più onesto. Come in Giappone credo che in Brasile ci siano molte persone oneste, ma purtroppo vengono anche derise per la loro onestà.

Onestà (正直 – Shōjiki) è la parola che indica la qualità dell'essere veritieri: non mentire, non imbrogliare, non imbrogliare. L'onestà, esplicitamente, è obbedienza incondizionata alle regole morali esistenti. Cioè, anche se stai disobbedendo alle leggi sul traffico sei disonesto. In Giappone, sia nel traffico che per strada, le persone seguono le leggi nei minimi dettagli, non passano semafori rossi e non escono dalla corsia. L'onestà si allena dalle piccole cose, anche le piccole bugie che dici possono distruggere la tua onestà.

Non è davvero facile essere onesti in un posto circondato da persone disoneste o persone che pensano solo a se stesse. Siamo molto influenzati, sia dalle persone che dai media che guardiamo. Quindi cerca di coltivare l'onestà in te stesso, cerca di seguire l'esempio del popolo giapponese, anche se non sembra avere senso, sono le piccole cose che fai che vedrai il risultato.

Cosa ne pensi dell'onestà giapponese? Hai un esempio o una storia da raccontarci? Hai fatto del tuo meglio per essere onesto? Quindi aiuta le persone ad essere oneste commentando e condividendo questo articolo, in modo che possano vedere che l'onestà ha reso le persone una vita migliore. Il Giappone è la terza economia più grande del mondo, uno dei paesi più sicuri e migliori in cui vivere, grazie all'onestà del popolo giapponese.

 

Condividi questo articolo: