Università in Giappone: impara come iniziare i tuoi studi nel paese

Il sistema educativo giapponese è un riferimento mondiale. Il paese ospita numerosi istituti di istruzione superiore di qualità e rispettabili, che sono posizionati tra i migliori al mondo.

Inoltre, lo Stato giapponese investe molto in politiche pubbliche volte all'istruzione e all'incoraggiamento della scienza, offrendo programmi di scambio e borse di studio esclusive per stranieri.

Con una concorrenza minore rispetto agli Stati Uniti e ai paesi europei, ad esempio, il Giappone si consolida come alternativa di pari qualità e offre un'esperienza ancora più ricca grazie alla sua tradizione e cultura millenarie. Dai un'occhiata ai migliori consigli per studiare in Giappone e ai principali aspetti della vita universitaria nel paese.

Principi e valori vengono trasmessi ai giapponesi fin dalla tenera età e la valorizzazione dell'educazione ne è parte integrante. I bambini vengono iscritti nelle scuole fin dalla tenera età e il tasso di alfabetizzazione del paese è molto vicino a 100%.

Tuttavia, l'etica e la morale sono componenti obbligatorie del curriculum scolastico, apportando un importante differenziale alle loro scuole, che formano cittadini rispettosi e preoccupati per la società. Queste caratteristiche si riflettono nell'istruzione superiore del paese, nota per avere università serie ed esigenti che incoraggiano i loro studenti a raggiungere l'eccellenza.

- università in giappone: impara come iniziare i tuoi studi nel paese

Programmi di scambio in Giappone

La qualità della vita, la salute e la sicurezza in Giappone sono esemplari, come si può vedere in indici come l'aspettativa di vita. I cittadini giapponesi vivono in media 86 anni, posizionando il Paese in cima alla lista delle nazioni con la migliore aspettativa di vita.

Tuttavia, dati recenti mostrano che il tasso di natalità del paese è diminuito nel corso degli anni, il che potrebbe far invecchiare la sua popolazione. Tenendo d'occhio queste informazioni, il governo si è dedicato ad attirare i giovani a studiare e lavorare nel paese.

Pertanto, il Giappone ha programmi di scambio e offre borse di studio per gli stranieri che decidono di studiare nel paese. Uno degli obiettivi è accogliere almeno 300mila studenti dall'estero. Per questo, ci sono due grandi progetti di incentivi, uno offerto dal Ministero dell'Istruzione, Cultura, Sport, Scienza e Tecnologia (MEXT) e l'altro dalla Japan Student Services Organization (JASSO).

Affinché le università diventassero più attraenti per i candidati di tutto il mondo, hanno iniziato a offrire corsi di laurea (per lo più 4 anni) e post-laurea, sia master (2 anni) che dottorato (4 anni), interamente tenuti in inglese. È importante notare che in questi casi è essenziale dimostrare la conoscenza della lingua inglese, tramite test TOEFL o IELTS, al livello richiesto dall'istituto prescelto.

La conoscenza del giapponese non è sempre necessaria o richiesta per accedere all'istruzione superiore del paese. Nonostante ciò, i candidati sono incoraggiati a studiare e conoscere almeno un po' la lingua prima di partecipare a un processo di selezione, poiché alcune istituzioni, come MEXT, applicano test di giapponese ed eliminano i concorrenti che ottengono un punteggio zero.

Sebbene i corsi universitari e post-laurea utilizzino la lingua inglese, le università offrono agli studenti lezioni di giapponese insieme ai loro programmi. In alcuni casi, le lezioni sono quotidiane e hanno un carico di lavoro intenso. Questo è un modo molto produttivo per approfondire la tua conoscenza della lingua e aiutarti a immergerti nella cultura del paese.

In Borse di studio offerte da MEXT sono estremamente attraenti. I corsi che partecipano al programma hanno borse di studio complete, i biglietti di andata e ritorno per il Giappone sono a carico dell'organizzazione e lo studente riceve una quota mensile per sostenersi durante gli studi, che può arrivare fino a 120.000 yen (circa 4.500 reais ).

La maggior parte delle università offre dormitori condivisi, dove lo studente condivide una stanza con una o due altre persone. Sono inoltre dotate di caffetterie che offrono pasti inclusi o low cost.

Requisiti per studiare in Giappone

Il documento principale richiesto dal Ministero dell'Istruzione, della Cultura, dello Sport, della Scienza e della Tecnologia è una lettera di motivazione scritta dal candidato in portoghese, di un massimo di due pagine. Dovrebbe contenere i motivi che ti hanno portato a scegliere il Giappone come meta per i tuoi studi, il corso desiderato, perché vuoi studiarlo e quali sono le tue aspettative professionali e i progetti da sviluppare in futuro.

Inoltre, devi presentare una lettera di raccomandazione dell'ultimo istituto in cui hai studiato, copie certificate della tua trascrizione, certificato di scuola superiore o di laurea, documento di identità e certificati di conoscenza della lingua straniera (se presenti), foto 3×4 e registrazione completata modulo.

Dopo l'immatricolazione si applica un esame di selezione, in cui vengono valutate alcune competenze, quali Inglese, Giapponese, Matematica e, a seconda del corso prescelto, Chimica, Fisica e Biologia.

Le sovvenzioni JASSO, invece, hanno un carattere diverso, di finanziamento privato. Per poter richiedere una borsa di studio presso l'istituto, lo studente deve avere già un collegamento con un'università giapponese, sia il collegamento diretto con un'università giapponese o attraverso trattati internazionali firmati tra l'università del paese di origine e un'istituzione giapponese.

Altri requisiti includono la prova dello stato socioeconomico, un buon rendimento scolastico, tra gli altri. Le borse di studio hanno anche un sostegno finanziario mensile, che può raggiungere gli 80.000 yen (circa 3.000 reais) al mese. 

Alcune iniziative JASSO offrono il contatto con le aziende giapponesi, che offrono lavori part-time (lavoro part-time) per studenti. In questo modo, gli studenti possono integrare il loro reddito per sostenere la vita nel paese mentre studiano e si allenano la lingua.

Le principali posizioni aperte sono per operatori di mercato, ristoranti e servizi di consegna, con un carico di lavoro compatibile con gli studi. Lavorano anche circa 78% degli studenti universitari e superiori del Giappone.

Secondo Quacquarelli Symonds (QS), un'istituzione britannica che pubblica e analizza i dati degli studenti di tutto il mondo, il Giappone ha due regioni che si distinguono tra gli studenti. Nella classifica delle migliori città al mondo da studiare pubblicata nel 2019, Tokyo ha raggiunto la 2° posizione, mentre la regione di Kyoto-Osaka-Kobe ha raggiunto la 18° posizione mondiale.

Condividi questo articolo:


Lascia un commento