Aokigahara – Foresta dei suicidi in Giappone

[ADS] Pubblicità

Hai sentito parlare della foresta dei suicidi in Giappone? Oggi parleremo della famosa foresta di Aokigahara, delle sue curiosità, luoghi d'interesse, numero di suicidi, leggende metropolitane e molto altro.

Aokigahara, noto anche come il Mare degli Alberi, è una foresta di 35 km² situata alla base nord-ovest del Monte Fuji in Giappone. La foresta è composta da migliaia di alberi, rocce e grotte di ghiaccio e ha molti luoghi famosi.

Aokigahara [青木ヶ原] è noto per essere stranamente silenzioso, la densità degli alberi, che bloccano il vento, rende difficile la fauna selvatica. Ci sono molte leggende su questa foresta. Alcuni di loro erano legati a demoni e spiriti maligni della mitologia giapponese. Ma la sua principale fama è dovuta al gran numero di suicidi che avvengono ogni anno nella foresta.

4. Fuji. foresta

Più di 50 persone si suicidano ad Aokigahara ogni anno, i corpi trovati superano i 100, è possibile trovare corpi in decomposizione e persino scheletri. Aokigahara è considerato il più grande punto suicida in Giappone e il secondo più grande al mondo, dietro il Golden Gate Bridge di San Francisco.

L'alto tasso di suicidi ha attirato l'attenzione delle autorità giapponesi, che hanno pubblicato avvisi in giapponese e inglese scoraggiando l'atto. Ogni anno una squadra di persone preparate avanza attraverso la fitta foresta alla ricerca di corpi.

Monte Fuji è anche un'altra destinazione popolare tra i giapponesi che desiderano morire. Alcune persone pensano che sarebbe più facile scalare il Monte Fuji che scalare Yama (il dio indù della morte).

5.

Cosa fare ad Aokigahara?

Sebbene molti credano che Aokigahara sia infestata dai fantasmi, in realtà ha numerose attrazioni naturali per i visitatori. Ad esempio, la foresta ha bellissime cascate e aceri perfetti per le calde passeggiate autunnali.

Oltre alla sua bellezza naturale, Aokigahara ha anche oltre 1.000 templi e santuari buddisti da esplorare. Per finire, l'area circostante offre molte opzioni di alloggio, inclusi campeggi e lodge gestiti dalla Prefettura di Yamanashi.

Altri luoghi da esplorare sono le grotte, abbiamo la Grotta del Ghiaccio e la Grotta del Vento. Ci sono oltre 200 grotte nella foresta di Aokigahara, alcune hanno anche santuari.

I turisti spesso posizionano nastri nella foresta per contrassegnare i sentieri che stanno esplorando, quindi la foresta è piena di nastri che indicano gli alberi in modo che gli altri non si perdano.

Sebbene ci siano diverse idee sbagliate su ciò che accade nella foresta di Aokigahara a causa dei suicidi, questi luoghi hanno davvero molto da offrire ai turisti oltre alla morte.

cantine

Leggende su Aokigahara

Le leggende già citate si riferiscono a demoni e spiriti. Alcuni giapponesi temono la foresta e credono che una volta entrati non torneranno mai più. Questo può essere vero, è facile perdersi sui sentieri, il terreno vulcanico rende le bussole e i telefoni non funzionanti.

Un altro motivo per cui la gente credeva che la foresta fosse infestata dai fantasmi è dovuto a Yurei, anime piene di odio, tristezza e desiderio di vendetta. Secondo la leggenda, le persone portano i loro parenti nella foresta e li lasciano morire lì. 

Nella credenza popolare giapponese, se una persona muore in un profondo sentimento di odio, rabbia, tristezza o desiderio di vendetta, la sua anima non può lasciare questo mondo e continua a vagare.

Questa leggenda fa paura ancora oggi. I cacciatori di corpi spesso lasciano i corpi trovati in una stanza prima di prendere le autorità. La leggenda narra che se il corpo viene lasciato solo nella stanza, il tuo yurei vagherà per la stanza urlando. Spesso giocano i cacciatori di corpi Jankenpo decidere chi si prenderà cura del corpo.

La leggenda di Kobo Daishi

Credi che una realizzazione positiva abbia finito per generare storie di spiriti maligni? Secondo quanto riferito, Kōbō-Daishi meditò nella foresta di Aokigahara per oltre cinquant'anni fino a raggiungere la santità.

Come ci si aspetterebbe da un luogo così sacro, Kōboh-Daishi incontrò alcuni devoti che avrebbero intrapreso lunghi viaggi qui per raggiungere l'illuminazione spirituale con lui.

Per accelerare il loro viaggio e ottenere la pace della mente prima della loro ascensione al cielo, questi pellegrini avrebbero posto fine alla loro vita ad Aokigahara in modo da poter iniziare un altro viaggio subito dopo la morte.

Nel tempo, le storie sugli spiriti maligni che abitano questa foresta hanno acquisito forza: è per questo che alcuni giapponesi decidono di suicidarsi in questa foresta?

11.

Film e video di Aokigahara

Ci sono 2 film che raccontano un po' di questa macabra foresta:

La foresta dei suicidi – 2009, racconta la storia di alcuni studenti che si recano nella foresta per realizzare una sorta di documentario amatoriale sulle loro leggende e storie. Finiscono per perdersi lì e accadono cose terribili. Orrore

Il Mare di Tress – Racconta la storia di due uomini, l'americano Arthur Brennan (Matthew McConaughey) e il giapponese Takumi Nakamura (Ken Watanabe), che si recano nella foresta con il desiderio di suicidarsi, ma finiscono per iniziare un viaggio di riflessione e sopravvivenza nei boschi.  Dramma

passeggiando per Aokigahara

Infine, lasceremo un video che mostra alcuni sentieri nel bosco:

Condividi questo articolo:

2 commenti su “Aokigahara – Floresta do suícidio no Japão”