The Legend of Zelda – Breath of the Wild – Recensione

Il 3 marzo 2017 è stato rilasciato uno dei migliori giochi della serie The Legend of Zelda e in questo articolo faremo un'analisi dettagliata del gioco, oltre ad alcuni fatti interessanti e alla mia esperienza personale con il gioco. Il gioco La leggenda di Zelda Breath of the Wild  – ゼルダの伝説 ブレス オブ ザ ワイルド (Zeruda no densetsu buresu obu za wairudo) può essere letteralmente tradotto come “Il respiro della Natura” o come mi piace dire: respiro selvaggio. Ha iniziato a essere sviluppato prima del 2013 ed è stato rilasciato per le console Nintendo WII U e Nintendo Switch.

Il gioco racconta la storia di Link che finisce per risvegliarsi 100 anni dopo il ritorno di Ganon e diffonde il caos dominando le 4 bestie e i guardiani ancestrali. Come sempre, Link ha bisogno di salvare Hyrule e la Principessa Zelda. per farlo, ha bisogno di recuperare i ricordi di 100 anni fa, riprendere il controllo delle 4 bestie e dirigersi verso il castello per combattere Ganon.

Il gioco presenta diverse nuove funzionalità e modifiche rispetto alle versioni precedenti. Il mondo è spalancato e puoi decidere cosa vuoi fare nell'ordine che preferisci, inclusa la sconfitta di Ganon fin dall'inizio. Il gioco ha solo 4 dungeon principali che sono le bestie, tutti hanno un meccanismo controllabile ed è necessario attivare alcuni terminali al suo interno. Il clou del gioco sono le migliaia di santuari, una sorta di mini dungeon in cui ottieni sfere che possono essere scambiate con cuore e resistenza.

Ci sono più di 100 mini dungeon sparsi nel gioco. Per non parlare dei boss nelle aree aperte e dei piccoli enigmi, labirinti e missioni sparsi per il mondo. Vale la pena evidenziare gli oltre 900 semi korok che devono essere trovati risolvendo piccoli enigmi. Un'altra differenza nel gioco è che puoi prendere qualsiasi arma da qualsiasi nemico, tuttavia si rompono dopo un certo uso. Questa volta Link è in grado di saltare e arrampicarsi su quasi tutto il mondo.

Zelda respiro del selvaggio

Zelda Breath of the Wild nei media

Il gioco ha avuto un incredibile successo e ha ricevuto il massimo dei voti nella maggior parte delle riviste di gioco. Un grande responsabile dell'aumento delle vendite di lancio di Nintendo Switch. Alcuni hanno messo in dubbio la valutazione di 9,8 che il gioco ha ricevuto su metacritic. Questo perché il gioco ha alcuni frame-drop (come la maggior parte dei giochi). Molti sostengono che abbia ricevuto questo biglietto solo per il nome Zelda e per la nostalgia.

Il nome Zelda ha avuto un'influenza, ma credo che anche se fosse uscito con un altro nome, il suo punteggio sarebbe alto. Non sono stati i nomi e ancor meno la grafica a far guadagnare voti alti a diversi indie. Zelda Breath of the Wild è stato in grado di superare anche il padre degli Action RPG: Zelda Ocarina of Time. Ancora una volta Zelda ha dimostrato che non sono necessari 50 GB di file o 4k per dominare il mercato. Credo che questa sia la proposta del Nintendo Switch e il loro grande supporto indipendente.

Zelda respiro del selvaggio

La mia esperienza con Zelda Breath of the Wild

Questo è stato senza dubbio uno dei migliori giochi che ho giocato nella mia vita. Il gioco presentava tutti gli elementi principali del franchise, i personaggi e l'epica colonna sonora. Per la prima volta sono stato in grado di esplorare un mondo aperto senza ammalarmi e senza voler afferrare qualsiasi cosa. Il gioco ha abbastanza contenuti per fornire oltre 300 ore di giochi senza alcuna noia.

Volevo resettare velocemente il gioco, sapendo che è possibile andare direttamente al castello di Ganon. Ci ho anche provato ma questo gioco è molto difficile, molti mostri uccidono in un solo colpo, ho sentito una forte influenza da Dark Souls. Prima di attaccare Ganon provo a completare le 4 bestie, i 12 ricordi di Zelda i labirinti, il spada maestra e quanti più mini dungeon possibili. Non ho molto da descrivere, so solo che questo gioco ha rubato settimane della mia vita e lo considero il migliore finora. The Legend of Zelda Breath of the Wild è stato il gioco che si è evoluto senza perdere la sua essenza.

Curiosità su Zelda Breath of the Wild

Sapevi che il mondo di gioco era basato sulla mappa di Kyoto. Nota di seguito:

Zelda respiro del selvaggio

Il gioco ha ricevuto diversi riferimenti e ispirazioni da giochi come Skyrim, The Witcher 3, Assassin's Creed, Metal Gear, Xenoblade, Dark Souls e molti altri. Possiamo vedere riferimenti ad AC nelle torri utilizzate per rilasciare la mappa e in alcuni costumi. Per non parlare della società Xenoblade coinvolta nello sviluppo di Zelda Breath of the Wild.

Non ho nemmeno bisogno di menzionare gli altri riferimenti a Zelda che i fan potrebbero aver già notato. Sei tu? Cosa ne pensi del gioco? Avete qualche opinione, curiosità da commentare?

Condividi questo articolo: