Tutto sul Coronavirus in Giappone

È risaputo che il coronavirus ha turbato l'ordine di molti paesi del mondo. Tale virus è stato scoperto il 31 dicembre 2019 dopo casi segnalati in Cina. Le infezioni da coronavirus spesso causano problemi respiratori e sintomi simili a un comune raffreddore. Dalla Cina, il coronavirus si diffuse presto in Giappone e nel mondo.

Tuttavia, la quantità di persone infette rilasciate dal governo mostra che il tasso di diffusione nel Paese è lento, rispetto ad altri Paesi. Alla data di stesura di questo articolo, ci sono stati 829 casi confermati e 28 decessi. Ciò mostra che il tasso di mortalità è 2,9%, inferiore all'attuale media mondiale che è 3,9%. Molto è dovuto al modo in cui il governo giapponese ha affrontato e affrontato questo virus.

Misure adottate dal Giappone

Il Giappone è stato il secondo Paese ad annunciare un caso confermato di coronavirus al di fuori della Cina. Questo caso è stato segnalato il 16 gennaio 2020. In precedenza, il Giappone aveva il terzo numero più alto di casi al di fuori della Cina, la maggior parte dei quali confermata tra l'equipaggio e i passeggeri delle navi da crociera. principessa dei diamanti. Sette morti sono stati contati a bordo della nave da crociera.

Il primo caso confermato sulla nave è stato segnalato il 1 febbraio, in un ospite sbarcato il 25 gennaio a Hong Kong. Essendo la tua partenza da Yokohama il 20 gennaio. La nave aveva circa 2.666 ospiti e circa 1.045 membri dell'equipaggio sono stati messi in quarantena.

Alcune misure sono state prese dal governo giapponese, ma il clima attuale rende difficile controllare le infezioni. Sono state annunciate misure per cercare di contenere la diffusione e ridurre l'impatto dell'epidemia. La scuola è stata chiusa e sono state stabilite restrizioni di viaggio, principalmente dai paesi colpiti dal coronavirus. Al 17 febbraio 2020, il Giappone aveva ritirato più di 800 cittadini dalla città di Wuhan e dalla provincia di Hubei, in Cina, su voli speciali.

Agli stranieri che si sono recati nelle province cinesi colpite dal virus è stato vietato l'ingresso in Giappone. Anche gli stranieri che hanno ottenuto il rilascio del passaporto in queste province cinesi non possono entrare in Giappone.Inoltre, gli stranieri che sono in crociera non possono entrare temporaneamente in Giappone, come la nave da crociera MS Westerdam che è attraccata in Cambogia.

Negli aeroporti giapponesi raccomandano ai viaggiatori di indossare maschere, oltre a tutti i dipendenti. Le maniglie delle porte e i corrimano dei terminal aeroportuali vengono disinfettati e puliti molto frequentemente, sia negli aeroporti con voli nazionali che internazionali. Si raccomandava anche ai giapponesi di evitare qualsiasi tipo di trasporto pubblico.

Tenendo conto del rischio di contagio su larga scala, gli eventi culturali sono stati sospesi o rinviati di almeno due settimane. È stato anche raccomandato dal governo che le persone che hanno sintomi di raffreddore, non vadano al lavoro, evitino i luoghi affollati o addirittura escano di casa.

Soprattutto le persone anziane con malattie di base, poiché queste sono nel gruppo a rischio. A titolo di nota, secondo il Ministero degli Interni, la popolazione anziana in Giappone è di oltre 35 milioni di persone.

Tutto sul coronavirus in Giappone

Impatto del Coronavirus in Giappone

La diffusione del virus in tutto il mondo ha avuto un impatto sia sul commercio che sull'economia in molti paesi, incluso il Giappone.Si dice che il coronavirus danneggi ulteriormente le prospettive di crescita economica giapponese nel 2020, almeno nel primo trimestre. L'economia giapponese ha mostrato segnali di rallentamento.

Il PIL è in calo per la prima volta in cinque trimestri. E, a causa del virus, la previsione è che il PIL continuerà a diminuire sempre di più. Anche la crescita economica giapponese è stata drasticamente colpita, registrando un calo significativo.

Macchinari, elettronica, trasporti e produzione chimica hanno una quota enorme del commercio giapponese. E molti di questi media dipendono dalla Cina, dove la produzione è in stallo e la domanda è stata ridotta. La Cina rappresenta la metà delle esportazioni e delle importazioni asiatiche del Giappone.

Gli scambi giapponesi con i cinesi, sia in import che in export, sono diminuiti, provocando un calo degli scambi all'inizio dell'anno. Le aziende europee, partner commerciali del Giappone, colpite dal virus, hanno avuto le loro produzioni colpite. Ciò ha avuto un effetto a catena sul commercio giapponese con l'Europa.

Le aziende farmaceutiche giapponesi non si aspettano un grande impatto, ma altre industrie sono gravemente colpite. In case automobilistiche Giapponese come il Toyota e Mazda ad esempio, hanno chiuso temporaneamente durante il periodo dell'epidemia. IL Honda ha anche preso provvedimenti contro questo problema, tre delle sue fabbriche a Wuhan sono state chiuse.

Ci sono rapporti secondo cui aziende come Laox chiedono a molti dipendenti di 40 anni e più, con almeno due anni in azienda, di optare per il pensionamento anticipato.

Tutto sul coronavirus in Giappone

Turismo colpito in Giappone

Il turismo guida gran parte dell'economia giapponese e, come previsto, sarà fortemente influenzato. Il paese riceve un gran numero di visitatori, principalmente dalla Corea del Sud, Thailandia, Taiwan, Malesia, Filippine, Hong Kong. Molte cancellazioni di viaggi sono già state registrate e molte altre sono previste. I visitatori esteri in Giappone hanno già perso 1.1% a gennaio 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019.

IL Japan Airlines, una compagnia aerea giapponese, ha ammesso che a causa della situazione e delle numerose cancellazioni i suoi ricavi sarebbero stati gravemente colpiti. Si stima che l'epidemia di coronavirus causi circa 1,29 miliardi di dollari di danni al turismo giapponese solo nel primo trimestre del 2020.

Le perdite sarebbero ancora maggiori se si tenesse conto del turismo marittimo. La Disney ha già dichiarato che il Tokyo Disneyland è il Tokyo Disneysea sarà temporaneamente chiuso, come misura preventiva per prevenire la diffusione del coronavirus.

Per non parlare del fatto che il turismo internazionale e persino l'ammissione a famosi concerti ed eventi in Giappone vengono cancellati. I giapponesi hanno anche pianto la morte di molti internazionali famosi per Covid-18, anche i brasiliani Cantores.

E le Olimpiadi del Giappone?

I Giochi Olimpici di Tokyo, nel 2020, dovrebbero costare fino a US$ 16,8 miliardi. Al momento ci sono molte domande sull'opportunità o meno di farlo. L'evento si svolgerà dal 24 luglio al 9 agosto, seguito dai Giochi Paralimpici dal 25 agosto al 6 settembre. In un sondaggio condotto da Kyodo News, un'agenzia di stampa giapponese, è emerso che circa 70% di giapponesi non vogliono che l'evento si svolga nella data originariamente prevista.

Alcune sono le possibilità, la prima sarebbe la totale cancellazione dei giochi. Ciò comporterebbe diverse perdite per tutti i soggetti coinvolti, sia il governo, le istituzioni e le aziende che hanno qualche relazione con l'evento. Se ciò accadesse, avremmo solo un'altra Olimpiade nel 2024, a Parigi.

Un'altra possibilità sarebbe il rinvio a un'altra data, tra qualche mese o anno. Questa era una proposta pubblicamente posta dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Tuttavia, ciò comporterebbe diversi fattori come la modifica dei calendari degli eventi della federazione sportiva e i cambiamenti nei programmi delle reti televisive.

Oltre al costo per il Giappone di tenere chiusi gli impianti sportivi e i Villaggi Olimpici. Un'altra alternativa sarebbe quella di trasferirsi in un altro paese, ma sarebbe il cambiamento più difficile da fare.

Perdono tutti, ma indipendentemente dalla decisione, se le Olimpiadi non si terranno entro il termine stabilito, il Giappone sarà il più colpito: ad esempio, gran parte degli investimenti in costruzione e ristrutturazione di strutture andrebbero persi, così come molti contratti per la gestione dell'edificio in caso di annullamento dell'evento. La stampa specializzata, questo valore supera già i 28 miliardi di dollari.

Aziende come Coca-Cola, Alibaba, Toyota, Visa, tra gli altri, hanno già investito in sponsorizzazioni per oltre 1,5 miliardi di dollari. E più di 3 milioni di dollari sono stati investiti da aziende come Google e Canone al Comitato Organizzatore di Tokyo.

Si prevedeva che in Giappone ci sarebbero stati circa 400.000 turisti stranieri. 4,5 milioni di biglietti sono già stati venduti, questo porterebbe in Giappone circa 2 miliardi di euro di soggiorni durante il periodo dell'evento. Da qualche parte sono stati ricevuti circa 4,2 miliardi di dollari dalle emittenti televisive per avere i diritti di trasmissione. E come già detto, cambiamenti nell'evento causerebbero grossi problemi in questo settore.

Tutto sul coronavirus in Giappone

Altri eventi dal Giappone

Aspettiamo che l'intera situazione si svolga. Ci auguriamo vivamente che questa condizione di pandemia finisca presto. Non solo il Giappone, ma tutti i paesi colpiti sono desiderosi di migliorare.

  • Gli eventi Anime Giappone 2020 e Festa di anime in famiglia Il 2020 è stato cancellato a causa del coronavirus;
  • L'edizione di Anime Geek prevista per il 2 e 3 maggio non si terrà più;
  • oh Tokyo Anime Award Festival 2020 (TAAF2020) ha inoltre cancellato tutti i programmi in programma dal 13 al 16 marzo 2020. Non è stato ancora comunicato come, ma chi lo desidera può richiedere il rimborso dei biglietti;
  • La produzione di anime avviene con studi a porte chiuse per evitare nuove fonti di contaminazione. Molti di questi studi lavorano in formato cellulare, in cui ogni parte dell'anime viene girata in una località o regione diversa;
  • In Giappone è uscito uno spot in cui i personaggi dell'anime Un pezzo mettere in guardia le persone sulle precauzioni che dovrebbero prendere a causa dell'epidemia di coronavirus, in modo che non si diffonda ulteriormente;

Hai letto anche il nostro articolo su anime di virus ed epidemie?

Abbiamo in programma di aggiornare presto questo articolo con maggiori informazioni! Grazie per aver letto!

Condividi questo articolo: