Le visite dei Presidenti del Brasile in Giappone

Quando si tratta di diplomazia, Brasile e Giappone hanno mantenuto buoni rapporti tra loro dall'inizio degli anni '50, quando riprese il dialogo tra le due nazioni. Attualmente i due paesi hanno uno scambio economico e culturale molto positivo ed entrambi fanno parte del G20.

Vale anche la pena notare che Brasile e Giappone hanno firmato un trattato di amicizia nel 1895, ma a seguito degli eventi provocati dal Seconda guerra mondiale, il buon rapporto tra i due paesi si raffreddò, fino a riprendere a migliorare dopo il 1951.

Pertanto, dal governo del generale Geisel (fine anni '70), sono entrati molti capi di stato brasiliani territorio giapponese, se per adempiere un ordine del giorno o discutere di accordi.

In questo articolo, conosceremo i rappresentanti di Tupiniquin che hanno visitato il Giappone e come si sono svolti i rispettivi soggiorni.

Addendum: questo articolo non intende esprimere sostegno a nessun politico. Qui, cerco solo di informare e diffondere gli elementi che coinvolgono la ricca storia diplomatica tra Brasile e Giappone.

Visita di Ernesto Geisel (1976)

Ernesto Geisel è stato uno degli ultimi presidenti del regime militare, al comando del Paese dal 1974 al 1979. Nell'anno della sua visita in Giappone (1976), il trono di crisantemo (come il trono del imperatore) fu occupata dall'imperatore spettacolo (昭和天皇) Hirohito, che ha lasciato l'incarico nel 1989 dopo la sua morte.

- le visite dei presidenti del Brasile in Giappone
Imperatore Hirohito (lato sinistro) e Geisel (lato destro)

Sul sito della Fundação Getúlio Vargas è possibile consultare diverse foto scattate il giorno della visita del rappresentante brasiliano in Giappone. Nelle foto vediamo immagini di solennità, incontri tra Geisel e Hirohito e geishe ricevendo l'allora capo di stato brasiliano. controllare Clicca qui.

Visita di João Baptista Figueiredo (1984)

Tra il 20 maggio e il 1 giugno 1984 fu la volta di un altro capo del periodo militare di partire per il Giappone. João Baptista Figueiredo è stato l'ultimo presidente del regime militare brasiliano, rimasto in carica dal 1979 al 1985. Durante la sua visita, come nel caso di Geisel, il imperatore del paese insulare era ancora Hirohito.

Nel caso di Figueiredo, ha fatto un viaggio sia in Giappone che in Cina e, in relazione a questo in particolare, la documentazione è estremamente scarsa. Su Internet e sulla stampa compaiono solo le date e l'esistenza di un rapporto di 49 pagine sull'evento.

Visita di Fernando Collor (1990)

All'inizio degli anni '90 fu la volta di Fernando Collor de Melo (1990-1992), il primo presidente eletto con voto popolare dopo la dittatura, a visitare la terre giapponesi. Nell'occasione Collor ha partecipato alla cerimonia di intronizzazione del nuovo imperatore Akihito. Nel video qui sotto, puoi vedere Collor che si esercita in territorio giapponese e successivamente incontra le autorità.

Uno dei temi principali dell'incontro è stato relativo all'inclusione di cinque paesi nel Consiglio di sicurezza dell'ONU, tra cui Brasile e Giappone.

Un fatto estremamente curioso della visita dell'ex presidente è che ha incontrato alcune volte Antonio Inoki, un famoso ex presidente.combattente Giapponese. Inoltre, Collor era un praticante di Karatè, avendo mostrato le sue abilità nelle arti marziali alla Japanese Karate Association.

- le visite dei presidenti del Brasile in Giappone

Un altro punto di collegamento tra Collor e il Giappone è stato il fatto che il presidente ha incoraggiato il importazione di auto, videogiochi e computer, un fatto che aumentò notevolmente l'influenza della cultura giapponese sull'industria brasiliana, soprattutto in relazione alla tecnologia.

Il Super Nintendo (noto come "Super Famicom, スパーファミコン" in Giappone), ad esempio, lanciato nel 1990 in Giappone, arrivò in Brasile solo nel 1993, pochi mesi dopo la fine del mandato (impeachment) dell'allora Presidente brasiliano. . L'importazione di elettronica è cresciuta notevolmente dopo questo periodo.

Visita di Fernando Henrique Cardoso (1996)

Nel marzo 1996 è stato il turno di Fernando Henrique Cardoso di visitare il terra dove sorge il sole. Un anno prima, nel 1995, erano trascorsi cento anni dalla firma del trattato di amicizia (Trattato di Commercio, Amicizia e Navigazione) tra le due nazioni. Nel 1996, cioè un anno prima della crisi asiatica (1997), FHC ricevette un invito dal governo giapponese a visitare il Paese.

- le visite dei presidenti del Brasile in Giappone
Le visite dei presidenti del Brasile in Giappone

Durante la sua permanenza di soli 4 giorni, FHC è stato accompagnato da un nutrito seguito di politici di origine giapponese e personalità legate al Giappone. Tra queste personalità presenti nell'entourage c'era il L'ex giocatore dei Kashima Antlers Zico, salutato dai giapponesi come il "Dio del calcio" (サッカーの神, sakka no kami).

A seguito della visita di FHC quell'anno, furono discussi accordi di finanziamento per diverse opere brasiliane, come progetti per la costruzione di parchi eolici, nonché miglioramenti ambientali e servizi igienico-sanitari di base in diverse regioni.

Nell'anno successivo alla visita di FHC in Giappone (1996), fu la volta dell'allora imperatore Akihito e dell'imperatrice Michiko di visitare il Brasile, nel 1997. Nello stesso anno (1997) fu firmato un accordo che portò alla famosa protocollo di Kyoto, che mira a ridurre le emissioni di gas serra.

Nel caso della visita di FHC, in particolare, è possibile reperire un'ampia documentazione, con foto, reportage e articoli di giornale che trattano l'argomento.

La visita di Lula (2005)

Poco prima che lo scandalo Mensalão scoppiasse nei media (che è stato pubblicizzato dai media nel giugno dello stesso anno), Luiz Inácio Lula da Silva (2003-2010) ha visitato il Giappone nel maggio 2005.

Durante questo periodo, Lula ha visitato due paesi asiatici: Corea del Sud e Giappone. Nell'occasione incontrò l'allora Primo Ministro giapponese, carica all'epoca ricoperta da Junichiro Koizumi.

Uno degli obiettivi del viaggio era discutere di accordi nel campo della combustibili, in particolare etanolo e biocarburanti in generale.

Nell'entourage che accompagnava l'ex presidente, c'era anche il cugino brasiliano del primo ministro giapponese, il sig. Kenji Iryo.

Il successore di Lula al governo, Dilma Rousseff (2011 - 2016), non ha rispettato la tradizione degli altri presidenti brasiliani e ha finito per non fare un viaggio in Giappone, avendo cancellato la sua nomina nel novembre 2015, essendo uno dei pochi tra i rappresentanti brasiliani , di non viaggiare nel paese.

Visita di Temer (2016)

Nell'ottobre 2016, Michel Temer è stato un altro capo di governo (e di stato) a calpestare il suolo giapponese. In quell'occasione Temer parlò per più di mezz'ora con l'allora Imperatore Akihito. Oltre all'incontro con Akihito, l'ex presidente ha parlato anche con l'allora primo ministro Shinzo Abe, con uomini d'affari brasiliani residenti in Giappone e con il ministro delle Finanze.

Dopo più di 11 anni senza la visita di un capo di stato brasiliano, i giapponesi hanno finalmente avuto l'opportunità di continuare l'allineamento diplomatico, sociale ed economico che avevano da tempo con il Brasile. Durante la visita di Temer sono stati firmati accordi di cooperazione in opere e progetti infrastrutturali.

La visita di Bolsonaro (2019)

Più recentemente, nel 2019, l'attuale Presidente della Repubblica Jair Bolsonaro ha partecipato alla cerimonia di intronizzazione della L'imperatore Naruto, fatto che ha inaugurato la call Era Reiwa (令和). Durante la sua visita, Bolsonaro ha anche affermato che “Partecipare alla cerimonia di intronizzazione è motivo di soddisfazione e orgoglio. Abbiamo molto rispetto e considerazione per il popolo giapponese”.

Conclusione e analisi politica

Infine, è importante sottolineare che ogni Paese in particolare ha le proprie forme e sistemi di governo. Il Giappone è una monarchia costituzionale, in cui l'imperatore è una figura prevalentemente diplomatica, simbolica ed ereditaria. Oltre alla figura dell'imperatore, il paese è politicamente comandato dal primo ministro e da un parlamento eletto.

Il parlamento giapponese, nella lingua usata dalle altre nazioni, è solitamente chiamato la “Dieta”, ed è composto appunto da due camere legislative, che sono: La Camera dei Rappresentanti (Camera Bassa) e la Camera dei Consiglieri (Camera Alta).

In Brasile, invece, abbiamo un sistema di governo presidenziale, dove cioè esiste la figura del Presidente. Il Presidente, a sua volta, è considerato sia capo di Stato che capo del governo, essendo responsabile di compiti in ambito diplomatico-simbolico ed anche in ambito governativo, politico ed esecutivo. In regime presidenziale, la figura del Presidente è soggetta a continui cambiamenti (ogni 4 anni) e al rigido controllo del suo operato da parte del Parlamento e della società. Per quanto riguarda la forma di governo, abbiamo che il Brasile è costituito da una Repubblica federativa.

In questo senso, è evidente che Brasile e Giappone hanno contesti politici diversi. Tali contesti disparati sono stati influenzati non solo da eventi o differenze economiche, ma soprattutto da fattori storici, coloniali, territoriali, religiosi e culturali che rendono unica ogni nazione e il suo modo di governarne le leggi e le politiche.

Ti è piaciuto? Quindi commenta, metti mi piace e condividi!

Condividi questo articolo: