La storia del calcio in Giappone

[ADS] Pubblicità

Il calcio è lo sport numero 1 in Giappone, contrariamente a quanto molti potrebbero pensare. Nonostante la popolarità di altri sport, come il baseball o il sumo, il calcio è lo sport principale in quel paese orientale, dove viene chiamato “sakka”, una derivazione della parola nordamericana “calcio”.

Al giorno d'oggi, il calcio giapponese si è evoluto in modo brutale, la sua squadra nazionale combatte alla pari con le sue controparti internazionali e i giocatori giapponesi brillano in diverse squadre in Europa. E, nel mondo delle scommesse virtuali, ad esempio, il campionato della J-League sta diventando sempre più attraente per i trader brasiliani, attraverso i bookmaker.

La storia del calcio in Giappone è strettamente legata al Brasile. Il mondo è sempre stato abituato a vedere i brasiliani come i re del calcio e, in Giappone, le cose non erano diverse. Tuttavia, è stato quando Zico si è trasferito Corna di Kashima, nel 1991, che la relazione si fece più stretta. L'ex nazionale delle Canarie sarebbe diventato un vero idolo per i giapponesi, diventando responsabile della crescita e della popolarità del calcio in quel paese. Una crescita esponenziale che culminerebbe con la creazione dell'attuale campionato professionistico di calcio, la J-League.

È curioso notare che questa relazione è stata già instaurata nella serie "Super Champions", che è stata un successo internazionale in tutto il mondo. In quell'anime, sponsorizzato dal governo giapponese negli anni '80 con l'obiettivo di cercare di rendere il calcio più popolare, il suo eroe, Captain Tsubasa, sognava di andare a giocare in Brasile.

La storia del calcio in Giappone

KEMARI, IL FONDATORE DEL CALCIO

Si racconta che il calcio sia stato inventato dagli inglesi alla fine del 19° secolo, ma la verità è che, nel corso dei decenni, molte altre civiltà hanno praticato sport simili. Anche i giapponesi, oltre ai cinesi, avevano uno sport molto simile chiamato Kemari. E, anche se non è stato all'origine del calcio, possiamo considerare che è stato un importante precursore.

Kemari deriva dal cinese Cuju e, tradotto direttamente in portoghese, significa “calciare il pallone”. Tuttavia, a differenza del calcio, non è uno sport competitivo. Cioè, significa che non ci sono perdenti o vincitori nel gioco. L'obiettivo è, semplicemente, non far cadere la palla a terra, scambiandola tra i giocatori senza usare le mani. Tutto questo senza uscire dal campo di gioco. 

Si tratta di una modalità che mira a promuovere l'attività fisica, ma anche le capacità individuali. A sua volta, il calcio mira a promuovere il lavoro di squadra e la competizione tra squadre. Il kemari è ancora praticato in Giappone oggi, in particolare nei festival, dove i giocatori indossano ancora gli abiti e le scarpe tradizionali usati all'epoca.

La storia del calcio in Giappone

IL CALCIO GIAPPONESE OGGI

Il calcio in Giappone è completamente sviluppato e si presume sia uno dei più forti del continente asiatico. È il secondo Paese con più titoli in Asia, con 5, superato solo dalla Corea del Sud, con 10. Nel 2005 il Giappone ha ospitato la sua prima Coppa del Mondo, consolidando ancora di più questo riconoscimento.

Il campionato giapponese era conosciuto come un campionato minore in cui le grandi stelle andavano a cercare un restyling d'oro. Ex nazionali come Gary Lineker, Salvatore Schillachi o Dragan Stojkovic sono stati i primi a provare il calcio giapponese. Ma dopo il 1991, con la rivoluzione di Zico, il calcio in Giappone iniziò la sua evoluzione verso l'alto, fino a consolidarsi nella creazione della J-League.

Al giorno d'oggi, la J-League è un campionato molto ricercato dagli scommettitori sportivi online, in quanto è un campionato estremamente attraente. Non essendo ancora una competizione molto popolare, le quote sono più appetibili presso i vari bookmaker online, garantendo maggiori guadagni ai trader di tutto il mondo. Inoltre, man mano che il calcio giapponese diventa più competitivo, diventa più interessante combinare intrattenimento e entrate extra. 

Le scommesse sportive online sono cresciute in modo esponenziale nell'ultimo decennio e sono sempre più attraenti per i giocatori internazionali. Del resto, la rete è un settore sempre più sicuro e regolamentato, che garantisce la tutela e la sicurezza degli scommettitori, che qui trovano il modo di aumentare le proprie entrate a fine mese. E a chi non piace avere soldi extra alla scadenza della data di scadenza?

Condividi questo articolo: