La nascita del Manga e la sua conquista del mondo

Manga (漫画) significa fondamentalmente fumetto. Queste storie hanno conquistato non solo i giapponesi, ma anche i fan di tutto il mondo.

Il buon otaku che si rispetti ha sicuramente il suo manga preferito e tiene sempre d'occhio quando uscirà l'anime ispirato a questo manga! Non c'è età o sesso per questa passione. 

E ci sono manga per tutti i gusti come azione, avventura, affari e commercio, commedia, detective, dramma, horror, mistero, romanticismo, fantasia, suspense sessuale e molti altri.

Ma ti sei mai chiesto come è iniziato tutto e perché ha attirato l'attenzione di persone di altri paesi? Scopri tutto ora!

La nascita del manga e la sua conquista del mondo

Come è nato il manga?

Si ritiene che la prima prova di manga con le caratteristiche che conosciamo oggi sia stata attraverso l'Oricom Shohatsu (Teatro delle Ombre).

Questi teatri erano noti per raccontare leggende con i burattini nel periodo feudale. Nel tempo queste leggende sono state scritte su rotoli di carta e contenevano illustrazioni. 

Il termine Manga è apparso nel diciannovesimo secolo nell'anno 1814, ma non era ancora come il nostro manga moderno. L'autore per usare questo termine era Katsushika Hokusai, ma fino ad allora questo tipo di espressione artistica era conosciuto come ukiyo-e.

Il termine manga è stato usato quando Hokusai ha creato la sua raccolta di storie umoristiche da soggetti diversi e le ha chiamate Hokusai Manga che è durata fino al 1878.

Dopo la sua morte intorno al 1850, il manga iniziò a diventare popolare tra gli europei.

Questo è successo perché dopo la fine dello Shogunato, il Giappone si è trovato a dover stringere alleanze per favorire l'economia e così ha stretto una partnership con gli Stati Uniti.

Successivamente l'artista e fumettista Charles Wirgman esercitò una forte influenza quando nel 1862 creò il Japan Punch. Questa rivista ha parlato in modi che satira sui conflitti giapponesi. 

Ma investire nei manga non era cosa semplice, nessuno avrebbe nemmeno immaginato che sarebbe stato un successo mondiale. Ma il primo a investire e credere nei manga è stato Rakuten Kitagawa, che ha realizzato fumetti. 

Il manga di Rakuten Kitagawa fu pubblicato nel 1902 e raccontava la storia di due contadini che dovevano fare i conti con la vita nella grande città. Questa storia ha dato il via al manga moderno.

Kitagawa ha anche fondato una scuola specializzata in manga e lì si sono diplomati molti fumettisti e animatori.

Darling in the franxx – nuova stagione, finale, curiosità

Curiosità sui manga

  • I manga costituiscono almeno 40% di tutto ciò che è stampato in Giappone.
  • Nel solo 2006, il manga ha generato più di 4 miliardi di dollari, rendendolo uno dei più grandi mercati al mondo con 750 milioni di copie vendute.
  • I maggiori consumatori di manga sono: USA (oltre 200 milioni di dollari di vendite), Francia e Germania
  • I dieci paesi in cui il manga è più popolare sono: 10. Spagna, 9. Giappone, 8. Messico, 7. Filippine, 6. Stati Uniti, 5. Russia, 4. Brasile, 3. Indonesia, 2. India, 1 .Cina
  • La trama è pubblicata di capitolo in capitolo in almanacchi fino a cinquecento pagine.
  • La maggior parte degli almanacchi sono fatti di carta riciclabile.
  • Gli scrittori scrivono in media venti pagine a settimana e hanno l'aiuto del team di illustrazione
  • In Giappone manga con pubblicità delle storie più famose del momento su cartelloni pubblicitari, stazioni ferroviarie e persino all'interno dei vagoni. 
  • In Giappone i manga sono più esposti in edicola che sui giornali considerati ad ampia diffusione
  • Non sempre un manga genera un anime, può accadere il contrario come nel caso di Gundam, il robot gigante più famoso del Giappone. 
  • Il luogo più visitato dai fan dei manga è nel quartiere di Akihabara.
  • I cittadini giapponesi di solito spendono una media di 117 reais all'anno in manga (è più economico lì)
  • Uno dei più popolari è One Piece che dal 1997 ha venduto oltre 480 milioni di copie in tutto il mondo
  • 60% dei fan dei manga sono donne
  • Il genere che attira maggiormente l'attenzione è il Fantascienza;
100 imprecazioni e insulti in giapponese

Cosa differenzia i manga dai comuni fumetti?

Le caratteristiche del manga sono forti che non richiede nemmeno molto sforzo per identificare rispetto ad altre storie.

Questo perché in generale i personaggi hanno caratteristiche eccezionali come grandi occhi, espressioni esagerate come le guance rosee, l'idropisia che sanguina dal naso tra innumerevoli altre.

Tutto questo probabilmente accade perché prima del termine stesso si facevano delle caricature e una sua caratteristica sono le espressioni suggestive.

Il protagonista di solito ha un'''anima infantile''. Ha purezza e ingegno, ma allo stesso tempo è un guerriero per combattere nella vita. Puoi vederlo con il Naruto e Goku.

Rinforza sempre i legami di amicizia e allo stesso tempo si scontra con forti rivali.

Suggerimenti per diventare un mangaka: pratica o regalo? Editori e ispirazione

L'industria dei manga oggi

Per quanto incredibile possa sembrare anche con questo processo di globalizzazione in cui le persone hanno tutto a portata di mano, ci sono molti che preferiscono ancora la versione fisica del manga.

Ma per coloro che seguono questa modernità, è anche possibile accedere a questi manga su Internet. 

L'industria degli anime è aumentata di 15% negli ultimi tempi principalmente a causa della pandemia causata dal COVID-19. Pertanto, anche i manga erano molto richiesti.

Questa era una forma che molti hanno trovato come forma di intrattenimento poiché la maggior parte doveva rimanere a casa in quarantena.

Man mano che i manga finiscono per generare anime di successo, la popolarità aumenta. Per darti un'idea, un episodio di mezz'ora costa, in media, $ 100.000. 

Ma come puoi vedere, ci sono sempre versioni di anime, poiché riesce a recuperare e superare il valore dell'investimento.

Dimmi quale manga ti piace di più! Preferisci la versione elettronica o la buona vecchia versione cartacea?

Condividi questo articolo: