Il buon rapporto dei giapponesi con i loro animali domestici

[ADS] Pubblicità

Tradizionalmente noto per l'amore e il rispetto per gli animali, il Giappone ha anche leggi e cure che proteggono gli animali domestici..

Il buon rapporto con gli animali domestici va ben oltre ciò che conosciamo in Occidente. Avere un animale domestico nei paesi dell'Est, come il Giappone, è più che dare affetto e amore all'animale, il paese è anche noto per avere gli animali come simbolo culturale e religioso.

cani di razza Shiba Inu, ad esempio, sono popolari in Giappone come simbolo di buona fortuna per i proprietari e la gente del posto. La razza conosciuta anche come "volpe del Giappone" è una delle più antiche e popolari dell'est. Gli studi mostrano disegni primitivi risalenti al 300 aC già con la presenza di questi animali. Considerati un tesoro nazionale del Giappone, i cani Shiba Inu sono apprezzati per il loro coraggio, gentilezza, audacia e gentilezza. 

Il gatto, invece, ha come simbolo principale il popolare Maneki Neko (noto anche come Lucky Cat), un gatto culturalmente famoso in Giappone per il suo aspetto seduto, sempre con una zampa alzata. È considerato un amuleto per attirare fortuna, protezione, felicità, prosperità e salute.

L'amore per gli animali è tale che, nella Prefettura di Yamaguchi, c'è il Tempio dei Gatti (Unrinji). Il tempio è nato da una leggenda locale che racconta la storia di un gatto che fu lasciato nella tomba del suo proprietario dopo la morte. La credenza dice ancora che il triste miagolio dell'animale abbia smesso di essere udito solo dopo che un monaco ha costruito il santuario in suo onore. Il sito mostra più di 700 sculture di felini ed è molto visitato dai credenti lealtà della figa.

- bozza automatica

Le leggi valutano gli animali domestici in Giappone

Più praticamente, il paese apprezza gli animali in tutte le aree e per avere un animale domestico in Giappone è necessario avere rispetto e rispettare gli obblighi locali. Al fine di ridurre l'abbandono degli animali, il parlamento giapponese ha introdotto leggi che obbligano i commercianti di cani e gatti a microchipare gli animali. Il microchip, che è lungo circa 2 millimetri, contiene informazioni come il nome del venditore, i nomi, l'indirizzo e i dettagli di contatto dei proprietari, razza animale, nome dell'animale, colore, sesso, tra le altre informazioni inviate direttamente a un database governativo. Il Paese, che salva ogni anno circa 72.000 cani e gatti abbandonati o smarriti, ha attuato la misura affinché i proprietari degli animali possano essere identificati in caso di abbandono o ritrovati se l'animale è andato perso. 

La legge protegge anche gli animali giovani quando vengono commercializzati. Cani e gatti devono avere almeno 56 giorni prima di essere separati dalla madre. La decisione è stata presa dopo che gli esperti hanno concluso che gli animali rimossi troppo presto dal letto della madre tendono ad essere più violenti e aggressivi per tutta la vita.

Valutare e rispettare la vita degli animali in Giappone è una questione presa sul serio; le leggi contro gli abusi sugli animali prevedono pene dure e severe se non rispettate, fino a cinque anni di reclusione e una multa fino a ¥ 5 milioni (circa 195mila reais).

Oltre alle misure legali per valutare la vita degli animali, i protettori delle istituzioni specializzate nei diritti degli animali sostengono che i nuovi tutor facciano un test di coscienza prima di adottare o acquistare l'animale. Si raccomanda che venga effettuata una valutazione approfondita del sito, osservazioni come il permesso di avere animali in loco e le condizioni dell'alloggio siano prese sul serio. Viene anche analizzato se i proprietari hanno tempo a sufficienza per adempiere ad obblighi come le visite dal veterinario e le passeggiate frequenti. Altro fattore importante è la condizione economica dei nuovi proprietari; se l'animale arreca danni materiali è necessario sapere se i tutori hanno i valori per sostenere le spese dell'indennizzo. 

Nekojima - scopri 20 isole di gatti in Giappone

Ci sono più animali domestici che bambini in Giappone

Si stima che gli animali domestici oggi siano più numerosi dei bambini in Giappone, il che li rende una parte fondamentale di molte case giapponesi. Gli animali iniziarono ad essere importanti nelle famiglie giapponesi negli anni '60 e '70, un periodo noto come Mai Hoomu (My Home), dove il desiderio di casa e uno stile di vita simile a quello degli americani divennero popolari. L'aumento delle case con animali ha fatto sì che diversi servizi e articoli fossero creati esclusivamente per animali domestici. Secondo un sondaggio del 2020 condotto dall'assicuratore animali Anicom Insurance, si stima che la spesa per i cani in Giappone sia aumentata di 13% all'anno, mentre per i gatti l'aumento è stato di 3,9%. Tra i costi principali ci sono cibo, igiene e cure veterinarie come consulenze e trattamenti.  

Tra i servizi offerti agli animali domestici giapponesi, ci sono ristoranti adatti agli animali. Questi stabilimenti hanno cibo specializzato ed esclusivo per gli animali domestici, menu speciali in date commemorative e persino torte di compleanno. Ci sono anche servizi come bagni e relax nelle sorgenti termali, resort di lusso esclusivamente per animali, professionisti responsabili della cura dell'animale mentre il proprietario è impegnato, taxi dog, tra gli altri.

Nel paese vengono offerti anche altri servizi non così comuni in Brasile. I rituali buddisti per gli animali domestici vengono eseguiti dopo la morte dell'animale. Preghiere e riti cerimoniali vengono eseguiti affinché gli animali possano effettuare il passaggio secondo la credenza. Ci sono anche famiglie che cercano i templi il 49° giorno dopo la morte dell'animale, che, secondo le credenze buddiste, è il giorno in cui vengono fatte le preghiere per la reincarnazione dei morti.

I giapponesi sono anche grandi fan dei prodotti per animali domestici. È comune passeggiare per le strade di Tokyo e trovare animali nei passeggini o con indosso abiti firmati.

Secondo una ricerca condotta dall'Università di agricoltura e tecnologia di Tokyo e dalla Japan Small Animal Veterinary Association, un buon trattamento degli animali domestici ha dato i suoi frutti. La longevità media dei cani ha raggiunto un record di 13,2 anni e 11,9 anni per i gatti. La buona cura di cui sopra e le continue visite dal veterinario sono responsabili dell'elevata longevità degli animali domestici nel paese orientale.

Condividi questo articolo: