Intelligenza artificiale: tutto sull'intelligenza artificiale, in Giappone e nel mondo

[ADS] Pubblicità

Ciao a tutti, tutto bene? Questo articolo tratterà un argomento molto discusso in ambito tecnologico, l'Intelligenza Artificiale. Abbreviato come AI, è l'utopia per la maggior parte degli studiosi nei campi della tecnologia, dell'elettronica, dell'ingegneria, dell'informatica e di molte altre aree legate alla robotica e all'informatica. Ciò è dovuto al fatto che è una sfida enorme ma presenta sempre dei progressi, a differenza di altre ricerche che generano risultati irrilevanti o non presentano affatto risultati.

La natura dello scienziato è la stessa di qualsiasi persona curiosa. E come tale, si rallegra quando scopre che c'è qualche segreto, e aumenta quanto più progredisce nelle sue indagini. L'intelligenza artificiale nel mondo di oggi non è la realtà. Esistono robot intelligenti che sono pre-programmati per svolgere funzioni, ma come vedremo in questo articolo, l'intelligenza artificiale significa qualcos'altro.

L'articolo è molto completo e, alla fine, te ne consigliamo anche alcuni per approfondire l'argomento, se lo desideri.

AI o AI - Software

Intelligenza Artificiale (AI) o Artificiale Intelligente sono termini usati per riferirsi a "macchine intelligenti". Per non lasciare vaga questa definizione, possiamo spiegarla, tuttavia non ci saranno molti altri modi semplici per descrivere l'IA. Più specificamente, IA significa macchine che hanno l'intelligenza per rispondere agli stimoli dell'ambiente in cui si trova, in un modo che massimizza le sue possibilità di successo in qualsiasi azione intraprende.

Non è necessario che la parte meccanica della macchina robotica sia chiamata AI. Perché ciò che è importante è il software che controlla la macchina, questa parte è l'intelligenza stessa. Il software è un programma per computer, in parole povere. Tuttavia questo è solo un termine vago, un software è un insieme di "chiavi" e "lucchetti" sotto forma di insiemi di algoritmi che comunicano tra loro, facendo e rifacendo migliaia di calcoli al secondo, con ogni serratura che risponde di conseguenza con il chiave che lo attiva.

È complicato e controproducente spiegare completamente cose del genere, tuttavia questa spiegazione sarà di grande aiuto in seguito, poiché è il termine che definisce totalmente la cosa chiamata "Intelligenza Artificiale".

il significato di intelligenza

Se andiamo a ricercare il significato di intelligenza, troveremo qualcosa come "capacità di apprendere o capacità di risolvere problemi e adattarsi alle situazioni". Riflettendo su questo, si vede che questo è un termine vago e non ha un'applicazione assoluta.

L'intelligenza non ha un livello globale e interpersonale, tutti possono imparare le cose in modi diversi e possono risolvere i problemi in modi diversi. Non esiste un'opinione assoluta su quale atteggiamento sia intelligente, esiste solo un censimento generale, cioè l'opinione della maggioranza su alcune situazioni.

C'è anche il fatto che l'Intelligenza è relativa da persona a persona secondo l'esperienza accumulata da ciascuno. E il censimento comune ha un grande peso nell'apprendimento e nell'accumulo di esperienze e, con esso, nell'intelligenza. Per una migliore spiegazione metteremo di seguito un esempio.

Intelligenza artificiale: tutto su ia in Giappone e nel mondo

Esempio di intelligence nel censimento generale

C'è una rapina in corso, il posto è una piccola caffettiera con un numero relativamente alto di clienti. Non citeremo una data, immaginiamo solo che ci sia un robot umanoide con intelligenza artificiale, questo robot è programmato per reagire a situazioni come queste in un modo che ha la possibilità di essere il miglior modo possibile, è anche dotato di un'arma letale e una pistola stordente oltre a un manganello. Ha anche esperienza con queste situazioni e in tutte ha avuto la soluzione senza nuocere a nessun essere umano.

Tuttavia, in questa occasione, l'aggressore prende in ostaggio una donna e si protegge dalla vista del robot. Anche questa occasione è programmata e addestrata dal software AI del robot ma non è mai stata utilizzata in quanto non necessaria. Le armi robot hanno le seguenti specifiche.

L'arma letale ha un grande potere perforante, l'arma tranquillante, la soluzione sarebbe quella di utilizzare la pistola stordente ha poca capacità, quanto basta per estinguere un umano. Il software del robot, con l'intelligenza in esso contenuta, è stato in grado di apprendere che è molto probabile che i ladri diventino assassini e proteggere la popolazione significa anche evitare il crimine e non solo reagire dopo che è successo. E per quella conoscenza, lasciare che l'aggressore fugga sarebbe impensabile per il robot.

In questa situazione il robot non potrebbe utilizzare la pistola stordente perché in tutte le situazioni darebbe scampo all'aggressore. Quindi decide in base alle letture prese delle statistiche, che sacrificare l'ostaggio sarebbe la cosa "intelligente" da fare.

Poiché questo è il censimento generale, la maggior parte credo sosterrà questa azione, tuttavia l'altra parte non sarà d'accordo e chiamerebbe questo atteggiamento "barbaro" e darebbe altre azioni. Queste altre opinioni non chiamerebbero indirettamente "stupida" l'azione del robot? Trai le tue conclusioni.

L'intelligenza artificiale come campo accademico

Per non variare troppo la definizione, selezioneremo alcuni paragrafi contenenti un altro significato del termine AI. Credo che il significato di questo non influenzerà il primo in quanto si riferisce ad altri fatti, ma varierà anche dal momento che l'IA è un concetto estremamente vago, come possiamo confermare negli argomenti precedenti.

Ma prima di ciò, dobbiamo chiarire il fatto che l'intelligenza artificiale si riferisce ed è contenuta principalmente nell'informatica. La robotica o altri campi sono coinvolti solo secondariamente. Come soggetto di ricerca accademica, ha un ramo accademico appositamente per lei.

E questo ramo è definito come il ramo dell'informatica in generale dedicato alla ricerca e alla creazione di mezzi e dispositivi di calcolo, in grado di possedere e persino moltiplicare la capacità razionale dell'uomo, cioè capace di avere "intelligenza". Con l'accento sulla capacità di moltiplicare l'intelligenza umana.

Intelligenza artificiale: tutto su ia in Giappone e nel mondo

L'intelligenza artificiale e le sue varianti

Se faremo ricerche sull'intelligenza artificiale, ne vedremo diversi tipi. Bene, saranno in grado di reagire e portare a termine situazioni, tuttavia sono solo software pre-programmati. E le loro reazioni si basano su ciò che è nel software, cioè ogni stimolo dall'ambiente è la chiave che aprirà un lucchetto, che è la reazione del robot.

Sì, queste azioni saranno considerate intelligenti, ma le reazioni programmate da sole non bastano. L'intelligenza è anche la capacità di apprendere, cioè, nonostante facciano azioni intelligenti, questi robot non si qualificherebbero come un modello di intelligenza artificiale.

Questo è un tipo di intelligenza, ma non si avvicina a ciò che gli scienziati si aspettano. L'utopia per loro sarebbe un tipo di intelligenza in grado di apprendere continuamente, sempre secondo il tasso di successo preso in considerazione.

Intelligenza artificiale utopica

Se dovessimo confrontare questi due tipi, avremmo quanto segue, il primo nella sua area di specializzazione programmata intraprenderebbe le azioni giuste, tuttavia non funzionerebbe se posto in un altro tipo di situazione, come un robot della polizia, saprebbe occuparsi dei crimini ma non saprebbe come fare le faccende domestiche.

Il secondo tipo sarebbe il modello perfetto per tutti i tipi di situazioni, in quanto gli basterebbe la capacità di apprendere e reagire agli stimoli per adattarsi perfettamente a qualsiasi tipo di situazione. Ma ovviamente, come il cervello umano, questa IA avrebbe bisogno di informazioni su cosa fare, per questo abbiamo Internet, che renderebbe possibile rendere disponibili e condividere tutti i tipi di situazioni possibili.

Ma se non avessimo Internet, l'IA avrebbe bisogno di tentativi ed errori. Ciò significa che avrebbe bisogno di sperimentare diversi metodi per arrivare al metodo ideale. Puoi già vedere che questa IA imita molto il cervello umano, questo perché l'intelligenza utopica per gli scienziati è esattamente quella che imita il nostro cervello.

Forte Intelligenza Artificiale

Le IA possono quindi essere suddivise in due parti diverse su alcune questioni. Il primo è l'IA forte e l'altro è l'IA debole. Per una migliore comprensione credo di prendere in considerazione gli esempi precedenti anche per questo argomento.

Le IA forti sono software che possono imparare continuamente, come ho detto prima, questa è l'utopia per gli scienziati in questo campo. L'intelligenza artificiale forte è in grado di fare tutto ciò che facciamo con il nostro cervello, dall'apprendimento di cose semplici alla risoluzione di problemi difficili. Inoltre, non smetterà mai di imparare, a differenza dell'essere umano che diminuisce questa capacità con il tempo.

A questo proposito, le Ias forti potrebbero apprendere tutte le cose a cui hanno accesso, e con internet come mezzo potrebbero impossessarsi di tutte le conoscenze esistenti in rete. Questo è il principale argomento di discussione sugli Ias. Ma naturalmente questo è finora impensabile.

Perché ciò avvenga, il software avrebbe bisogno di una quantità di memoria inimmaginabile, poiché tutto ha un limite, proprio come il nostro cervello. Questa IA è anche coinvolta nelle discussioni sull'etica, poiché è classificata come autocosciente, e verrebbe e verrebbe ad avere personalità e sentimenti. Quest'ultima è solo una speculazione, dopotutto non ha alcun fondamento, poiché nemmeno gli esseri umani sanno esattamente cosa siano i sentimenti.

Intelligenza artificiale: tutto su ia in Giappone e nel mondo

Intelligenza artificiale debole

Bene, questo è più facile da spiegare. Il fatto è che i deboli sono coloro che sono necessariamente in grado di ragionare e risolvere i problemi. Sono quelle macchine che sono programmate con chiavi e serrature già predisposte. In altre parole, reagisce solo in base a ciò che ha programmato e non può affrontare situazioni che esulano dalla sua portata.

Se vogliamo confrontare questo tipo di intelligenza artificiale con quello dell'argomento precedente, possiamo usare l'esempio delle chiavi e dei lucchetti. L'IA debole ne avrebbe un numero limitato e non potrebbe mai aumentare quel numero. Anche se il numero è enorme, sarà sempre limitato.

Questo fattore limitante non esiste per l'IA forte, in quanto con la sua capacità è in grado di "creare" nuove chiavi e serrature ogni volta che lo desidera. Ogni volta che incontra un nuovo lucchetto, la potente IA creerà una nuova chiave. E immagazzinerebbe anche continuamente informazioni, cercando, ricercando e selezionando sempre le chiavi migliori per le serrature attuali e quelle che troverà.

Un po' di storia dell'intelligenza artificiale

Nonostante questo argomento sia molto discusso in questi giorni, il concetto di AI non è nuovo. Aristotele, il grande filosofo, mirava a sostituire il lavoro degli schiavi con oggetti autonomi. Quindi, questa è la prima idea di intelligenza artificiale conosciuta. Lo sviluppo di questa idea è avvenuto completamente nel XX secolo, con un focus principalmente sulla metà del secolo. In modo limitato, i primi anni furono pieni di successi.

Il fatto che un computer potesse eseguire alcune attività intelligenti da remoto è stata una grande sorpresa, poiché un tempo i computer erano macchine che eseguivano calcoli aritmetici e nient'altro. Fin dall'inizio l'IA si è basata sull'aiuto di varie idee, punti di vista e persino tecniche di diverse discipline per formare la base di questa scienza.

I filosofi hanno contribuito a rendere possibile l'idea, considerando l'idea che la mente umana assomigli in qualche modo a una macchina. Gli economisti hanno creato il problema di prendere decisioni per aumentare il risultato atteso. Gli psicologi hanno accettato l'idea che possiamo essere macchine per l'elaborazione delle informazioni e anche gli animali sono inclusi in questo senso. i linguisti hanno dimostrato che l'uso della lingua si adatta a questo modello. Gli ingegneri informatici rendono possibili le applicazioni di intelligenza artificiale fornendo i materiali necessari.

Intelligenza artificiale e futuro

Il tema dell'IA è estremamente confuso e divergente, i ricercatori non sono d'accordo tra loro e spesso vengono sollevate discussioni accese sul tema. Vengono lanciate diverse domande per mettere in dubbio l'uso e il pericolo dell'IA. Alla stessa intensità, le risposte vengono restituite con l'obiettivo di difendere tutti i progressi e le strutture che l'IA può fornire. Ma non si mettono mai d'accordo, ed è come un formicaio, diversi sentieri che portano da qualche parte e tanti altri che servono solo a deviare dalla retta via.

Ma attualmente ci sono pratiche e tecniche derivate da questa scienza che hanno dimostrato uso ed efficacia. Tra questi possiamo evidenziare quanto segue

  • Controllo autonomo: quando il software è addestrato e condizionato per poter guidare un veicolo;
  • Diagnosi: software in grado di effettuare diagnosi a livello di medico specialista in vari ambiti;
  • Pianificazione logistica: software in grado di pianificare cose come il trasporto merci secondo la logica migliore, tenendo conto di situazioni estreme come conflitti e perturbazioni sulla rotta;
  • Robotica in Medicina: Robot utilizzati come assistenti dei chirurghi in microchirurgia;
  • Chatterbots: software in grado di interagire attraverso conversazioni in un linguaggio naturale come se fossero veramente umani;

Vantaggi dell'utilizzo dell'intelligenza artificiale

Diminuire gli errori: in quanto macchine, l'intelligenza artificiale è più resistente e ha una maggiore capacità di resistere ad ambienti ostili, riducendo le possibilità di fallire nel suo obiettivo. E potrebbe essere possibile ottenere un maggior grado di precisione.

Sfruttamento: grazie alla programmazione dei robot, possono svolgere lavori più impegnativi con maggiore responsabilità. Pertanto, sono in grado di svolgere compiti che superano i limiti umani, come esplorare il fondo dell'oceano o esplorare miniere inospitali e pericolose.

Applicazioni quotidiane: l'intelligenza artificiale è presente in vari meccanismi della nostra vita quotidiana, come il GPS (sistema di posizionamento globale), la correzione degli errori di ortografia nella digitazione, tra gli altri.

Nessuna pausa: le macchine non hanno bisogno di pause frequenti, a differenza degli umani. Sono in grado di lavorare continuamente senza stancarsi, distrarsi o annoiarsi, solo per il loro programma.

Intelligenza artificiale: tutto su ia in Giappone e nel mondo

Svantaggi dell'uso di un'intelligenza artificiale

Costo elevato: i costi di produzione delle macchine AI sono enormi, a causa della complessità e della difficoltà di manutenzione. Il processo di recupero del codice perso, ad esempio, richiede molto tempo e risorse.

Mancanza di creatività: l'intelligenza artificiale non è sviluppata al punto da agire come il cervello umano in modo creativo. Pertanto, l'idea di svolgere funzioni uguali al cervello umano è inaccessibile. Ciò è dovuto anche al fatto che il cervello non è completamente compreso e quindi non può essere replicato.

Disoccupazione di massa. Poiché sono in grado di svolgere compiti prima esclusivi dell'uomo in un modo più ottimizzato ed efficiente, i meccanismi di intelligenza artificiale tendono a sostituire l'attività umana su larga scala. Poiché il lavoro delle IA sarebbe di gran lunga migliore e più produttivo, ciò causerebbe l'imminente sostituzione del maggior numero possibile di persone con queste macchine.

Ricercatori di Intelligenza Artificiale

Attualmente ci sono diversi ricercatori di intelligenza artificiale in tutto il mondo in vari istituti di ricerca e aziende. Tra i tanti che hanno dato contributi significativi possiamo citare i seguenti, vale la pena ricordare che qui è solo un riferimento all'importanza di questi nomi. Per saperne di più su di loro, consiglio una ricerca più approfondita.

  • Alan Turing (1912-1954): Fu uno degli uomini più importanti di tutti i tempi. Con studi che non sono stati solo alla base dell'esistenza dell'intelligenza artificiale, ma di quasi tutti i dispositivi elettronici mai realizzati;
  • Jon McCarthy (1927-2011): matematico, scienziato, ideatore del termine “intelligenza artificiale” e anche padre del linguaggio di programmazione LISP;
  • Marvin Minsky (1927-2016): lo scienziato ha esplorato come dotare le macchine di una percezione e un'intelligenza simili a quelle umane, ha creato mani robotiche con la capacità di manipolare oggetti, ha sviluppato nuovi framework di programmazione e ha scritto su questioni filosofiche relative all'intelligenza artificiale;

L'intelligenza artificiale nell'economia

Attualmente l'IA è uno dei principali temi di ricerca, poiché i suoi progressi e le sue scoperte sono estremamente redditizi e continui. In altre parole, anche se si fa solo un passo avanti, questo passo già di per sé compensa tutti gli sforzi in esso investiti e incoraggia e dà fiducia a continuare la ricerca.

Con funzionalità come queste e applicazioni in tutti i tipi e livelli di industria, dalle macchine agricole ai computer per la programmazione dei viaggi nello spazio, il tuo mercato è enorme e cresce esponenzialmente subito dopo una nuova scoperta.

Esistono molte stime sulle dimensioni del mercato dell'intelligenza artificiale. Secondo Bank of America Merrill Lynch, il mercato globale delle soluzioni di intelligenza artificiale crescerà fino a US $ 70 miliardi nel 2020, da US $ 8,2 miliardi nel 2013. Si prevede inoltre che il mercato globale dell'IA crescerà sempre più, influenzato dai crescenti finanziamenti governativi e forte base tecnologica.

Mercati dell'intelligenza artificiale

Esistono diversi grandi mercati dell'IA come Stati Uniti, Giappone, Europa e recentemente la Cina. L'apprendimento profondo, che mira a provare a copiare il funzionamento degli strati di neuroni nel cervello umano, è una svolta nella storia di 50 anni dell'IA.

Tractica, una società di ricerche di mercato statunitense, prevede che il software annuale per le applicazioni aziendali di deep learning raggiungerà gli 11,1 miliardi di US $ entro il 2024.

Secondo Frost & Sullivan, si stima che i ricavi dell'IA nel settore sanitario raggiungano $ 6,66 miliardi di Stati Uniti nel 2021, rispetto a 633,8 milioni di Stati Uniti $ nel 2014. Strategy Analytics, una società di ricerca e consulenza americana, prevede che i sistemi assistiti da autisti autonomi cresceranno da 5 miliardi di euro nel 2012 a 16 miliardi di euro nel 2019.

Regole di ricerca sull'intelligenza artificiale

Al momento non ci sono regole o regolamenti posti sui sondaggi AI. Spetta a ciascuna azienda decidere cosa sarà e cosa non sarà ricercato. E come possiamo dedurre, le aziende fanno tutto il possibile per realizzare un profitto. Il che porta spesso ad azioni riprovevoli ma produttive.

È per ragioni come queste che c'è una necessità ricorrente di emanare regole e standard per la ricerca sull'IA. Sulla base di questa linea di pensiero, il Giappone ha proposto la creazione di una serie di regole di base per lo sviluppo della tecnologia AI alla riunione sulla tecnologia del G7 in Giappone nell'aprile 2016. Una regola fornita come esempio in questa proposta sarebbe quella di rendere il reti di intelligenza artificiale controllabili dall'uomo.

Industria giapponese dell'intelligenza artificiale

Poiché il focus del sito è il Giappone, non potremmo parlarne in questo articolo. Poiché è anche uno dei più grandi mercati di intelligenza artificiale al mondo, se ne parlerà in particolare qui. Ma giusto aggiustando, quello che metterò sono solo informazioni leggere e medie, se sei interessato e vuoi saperne di più su questo argomento, lascerò i link ai siti da cui ho preso la base di questo articolo

Molti analisti hanno sottolineato che l'industria giapponese dell'IA oggi non è molto competitiva su scala globale. Ad esempio, quando si tratta di sondaggi sull'intelligenza artificiale tra il 2008 e il 2013, la maggior parte proviene dai paesi occidentali e dalla Cina. Solo circa 2% provengono dal Giappone, un numero estremamente basso per un paese grande come il Giappone.

Negli ultimi 10-20 anni, il Giappone ha perso la sua leadership tecnologica a favore delle aziende occidentali, e in gran parte a causa di carenze software. Il Giappone è ancora in prima linea nell'hardware come i robot. Ma questa forza rischia di andare persa, perché il software è sempre più vitale per far funzionare questi prodotti e competere nel mercato internazionale.

Intelligenza artificiale giapponese

Quando si tratta di deep learning, che è attualmente la forma più avanzata di intelligenza artificiale. C'è una grande differenza tra il Giappone e gli Stati Uniti. Nella Silicon Valley, il deep learning è principalmente un modo per migliorare il software. Tuttavia, molte aziende giapponesi tendono a considerare il deep learning in modo diverso, come un modo per migliorare l'hardware.

Deep Learning è un sottocampo di Machine Learning che studia le tecniche per simulare il comportamento del cervello umano in attività come il riconoscimento visivo, il riconoscimento vocale e l'elaborazione del linguaggio naturale. Gli algoritmi di deep learning mirano a produrre rappresentazioni gerarchiche di alto livello dei dati di input, attraverso livelli di elaborazione sequenziale in una rete neurale artificiale.

Deep learning con intelligenza artificiale – parte 1

Non posso scegliere i termini, ma posso dare l'esempio, per le persone che non potevano capire. Torneremo a chiavi e serrature, beh il cervello funziona più o meno così, uno stimolo dall'ambiente agisce come chiavi, le reazioni agiscono come serrature, per ogni tipo di stimolo il cervello crea diverse chiavi che vengono selezionate da diversi persone a persone.

Spesso ci sono serratura dopo serratura, in varie sequenze che funzionano più meno come dispositivi di memoria, e hanno bisogno di chiavi per aprirsi, e quando non ci sono chiavi, il cervello le crea (questo è ciò che chiamo nuove esperienze) anche quelle non lo sono il migliore, ricorderà quel lucchetto e altre volte proverà a creare altre chiavi per aprire questo lucchetto (i cosiddetti tentativi ed errori per noi).

Deep learning con intelligenza artificiale – parte 2

Ebbene se sono riuscito a spiegarlo bene, avrete capito, che il cervello non è come una stanza con più porte che conducono direttamente a diverse uscite, sembrerebbe una stanza con numerose porte, e queste porte porterebbero ad altre stanze con diverse altre porte, proprio come quella iniziale, e se entrassi in un'altra porta in questa seconda stanza, entreresti in un'altra stanza piena di porte proprio come le precedenti, questo fenomeno finirebbe quando il cervello raggiungerà il risultato desiderato.

Per spiegare in numeri, possiamo fare quanto segue. Immagina che il cervello memorizzi le informazioni come numeri da 1 a 4. Registra una situazione particolare come il numero 3321. Se dovesse ripetere questa situazione in un altro momento, dovrebbe tracciare lo stesso percorso numerico.

Siamo tornati alle porte, se le porte delle stanze fossero numerate con un numero ciascuna, avresti bisogno di usare le chiavi per aprire le serrature dei numeri nel rispettivo ordine, ricordando sempre che potrebbe esserci il caso che tu possa raggiungere questo obiettivo impresa con più di una chiave per ogni serratura.

Aiutanti del settore AI in Giappone

Per molto tempo, le aziende giapponesi si sono concentrate sulla produzione di robot (hardware), mentre le aziende straniere si sono concentrate maggiormente sul lato software. I produttori giapponesi devono implementare una prospettiva più orientata al cliente per sviluppare robot AI che soddisfino meglio le esigenze degli utenti. L'obiettivo del governo è quello di innescare una rivoluzione della robotica con robot dotati di intelligenza artificiale in grado di comunicare tra loro.

Nel maggio 2016, un Consiglio del gabinetto della competitività industriale ha annunciato che avrebbe iniziato a introdurre sistemi di intelligenza artificiale in un'ampia gamma di settori e aree, il che dovrebbe aumentare la produttività del Giappone. L'obiettivo è aumentare il PIL a 600 trilioni di yen nel 2020, dal livello di circa 500 trilioni di yen nel 2015. Un obiettivo secondario è creare un mercato di 30 trilioni di yen per le nuove tecnologie emergenti, comprese altre tecnologie di intelligenza artificiale.

Altri aiutanti del settore AI in Giappone

Un altro sviluppo che nel tempo farà espandere il mercato dell'IA è la tendenza delle società giapponesi a stabilire basi di ricerca e sviluppo sull'IA negli Stati Uniti. Centri di ricerca e sviluppo in istituti Sono state inoltre istituite strutture di ricerca pubbliche giapponesi e si prevede che ciò accelererà i nuovi progressi nella tecnologia dell'intelligenza artificiale.

La popolazione in declino inizierà a danneggiare il mercato del lavoro poiché la popolazione continua ad invecchiare e il suo tasso di natalità non aumenta. Le statistiche mostrano che le persone di età pari o superiore a 65 anni rappresentavano 26% della popolazione nel 2015. Il Giappone prevede di compensare il deficit della popolazione attiva con un ampio uso di robot basati sull'intelligenza artificiale.

Sfide per l'intelligenza artificiale giapponese

Il Nomura Research Institute ha cercato di quantificare il potenziale impatto dell'intelligenza artificiale sul mercato del lavoro e ha indicato che esiste la possibilità che circa la metà della forza lavoro giapponese sarà sostituita da robot o intelligenza artificiale nei prossimi 10-20 anni.

Sarà importante guidare la crescita esplosiva dell'IA nella giusta direzione per ottenere il pieno valore delle possibilità dell'IA. A questo proposito, sarà importante seguire da vicino gli sviluppi all'estero. Ci sono molte considerazioni in materia di privacy, sicurezza, normative e legali che devono essere prese in considerazione quando si integra la tecnologia AI nelle attività del settore privato.

La necessità di sviluppare nuovi modelli di business per affrontare le nuove realtà di tecnologie anche l'intelligenza artificiale emergente è una questione importante. E molti altri tipi specifici di sfide dovranno essere affrontati se il Giappone vuole crescere e competere su un piano di parità con gli altri principali mercati dell'IA in tutto il mondo.

Mercato interno giapponese dell'intelligenza artificiale

L'intelligenza artificiale sta entrando sempre più in una fase di commercializzazione in Giappone: secondo il governo giapponese, le tecnologie di intelligenza artificiale dovrebbero generare un ritorno economico di circa 121 trilioni di JPY entro il 2045.

Secondo uno studio dell'Ernst & Young Institute, un think tank giapponese, si stima che la dimensione del mercato dell'IA crescerà da circa 3,7 trilioni di yen nel 2015 a 23 trilioni di yen nel 2020, un aumento di sei volte. Ed entro il 2030, la dimensione del mercato raggiungerà circa 87 trilioni di JPY.

Il settore dei trasporti, compresi i taxi e gli autocarri senza conducente, mostrerà l'aumento maggiore nel periodo di previsione e si stima che raggiungerà i 30,5 miliardi di yen entro il 2030. 2030.

Corsi sull'Intelligenza Artificiale

Di seguito condivideremo alcuni interessanti corsi online sull'Intelligenza Artificiale:

$13number_format_decimal_point00
$24number_format_decimal_point99
Udemy.com
$13number_format_decimal_point00
$19number_format_decimal_point99
Udemy.com
$13number_format_decimal_point00
$94number_format_decimal_point99
Udemy.com
$13number_format_decimal_point00
$19number_format_decimal_point99
Udemy.com
$13number_format_decimal_point00
$29number_format_decimal_point99
Udemy.com
$13number_format_decimal_point00
$29number_format_decimal_point99
Udemy.com
$13number_format_decimal_point00
$19number_format_decimal_point99
Udemy.com
$13number_format_decimal_point00
$24number_format_decimal_point99
Udemy.com

Libri sull'intelligenza artificiale

Di seguito condivideremo alcuni libri interessanti sull'intelligenza artificiale:

Conclusione sull'intelligenza artificiale

Infine, devo sottolineare ancora una volta che l'IA è una materia estremamente complessa che coinvolge materiali di vario tipo, dalla filosofia all'ingegneria. Per semplificare la comprensione e migliorare la fluidità del testo, ho sacrificato alcuni dettagli che potrebbero diventare importanti in altri casi. Ma in questo articolo l'obiettivo principale era parlare e cercare di definire cos'è l'IA e perché è importante.

Per me, che ho fatto molte ricerche e visto innumerevoli contenuti, selezionando ed evidenziando i principali, questo testo ha numerosi difetti, ma per le persone che stanno solo cercando di uccidere un po' della curiosità sull'IA, questo è un testo, in mio parere, soddisfacente. Ho anche cercato di non includere acronimi sull'IA, poiché spesso gli acronimi necessitano di spiegazioni separate per essere compresi, come nel caso del DL, o deep learning.

Per il resto posso solo segnalare alcuni siti con contenuti AI, che sono stati la base di questo articolo.

Questo articolo finisce qui. Grazie a te, mio caro lettore, per aver letto questo articolo finora. E se hai domande, suggerimenti, critiche o altro del genere, commenta qui sotto. E non dimenticare di votare, aiuta a fornire i migliori contenuti per te.

Video sull'intelligenza artificiale

Condividi questo articolo: