Tratta degli schiavi giapponesi da parte dei portoghesi

[ADS] Pubblicità

La tratta degli schiavi giapponese è un argomento di cui poche persone hanno sentito parlare. Solo un altro dei tanti temi oscuri sul Giappone: è un dato di fatto che il primo contatto tra portoghesi e giapponesi avvenne nel 1543, ma fu solo nel corso del XIX secolo che ci fu un rapporto concreto tra le due nazioni.

Uno dei risultati più noti durante il contatto tra giapponese e Il portoghese è stata l'introduzione di nuovi fonemi nella lingua giapponese come pa (ぱ/パ) pe (ぺ) pi (ぴ/ピ) po (ぽ/ポ) pu (ぷ/プ). Tuttavia, le relazioni commerciali non erano l'unica cosa che esisteva tra Giappone e Portogallo.

Allo stesso tempo, i portoghesi acquistarono i giapponesi per la tratta degli schiavi e li vendettero all'estero, incluso il Portogallo.

Tratta degli schiavi giapponesi da parte dei portoghesi

La tratta degli schiavi giapponese

Il Giappone ha avuto contatti con l'Europa per la prima volta nel 1543, attraverso i portoghesi. Due delle tre novità rivoluzionarie per il Giappone emerse da questo incontro casuale sono ben note: le armi da fuoco e il cristianesimo.

Il terzo, meno noto, era la tratta degli schiavi. Molto prima, gli schiavi giapponesi venivano acquistati e venduti non solo in tutta l'Asia, ma anche in Portogallo e Argentina. Alcuni schiavi erano prigionieri nelle guerre civili, venduti dai loro rapitori giapponesi a commercianti portoghesi.

Tratta degli schiavi giapponesi da parte dei portoghesi

Altri hanno venduto i loro figli come schiavi per sollevarli dalla schiacciante povertà o sono stati scambiati con polvere da sparo. Le donne venivano vendute come concubine dai proprietari di bordelli, da parenti lontani o dai loro stessi mariti.

Le autorità portoghesi erano sfavorevoli al traffico poiché portava il Portogallo e il cristianesimo a una bassa reputazione, smorzando il potenziale per il commercio e la conversione religiosa. Ci furono rapidi sforzi per fermare il commercio, ma i commercianti portoghesi si rifiutarono di lasciar andare i loro schiavi.

La fine della schiavitù giapponese

Il re del Portogallo Sebastião temeva che l'elevata importazione di schiave sessuali giapponesi da parte della chiesa stesse avendo un effetto negativo sul proselitismo cattolico, quindi ne ordinò la messa al bando nel 1571. Di conseguenza gli stranieri furono espulsi dal Giappone, il che causò un ulteriore isolamento culturale.250 anni.

Tratta degli schiavi giapponesi da parte dei portoghesi

tutto è successo quando Toyotomi Hideyoshi, l'uomo che unificò l'arcipelago del Giappone, si infuriò quando seppe della schiavitù e del commercio del suo stesso popolo.

Condusse una campagna per porre fine alle relazioni estere con il Giappone.Hideyoshi in seguito ordinò ai gesuiti di rilasciare gli schiavi giapponesi e bandì il proselitismo cristiano in Giappone.

Conoscevi questo argomento? Aspettiamo i vostri commenti e condivisioni. Consigliamo inoltre di leggere:

Condividi questo articolo:

6 commenti su “Comércio escravo de japoneses pelos portugueses”

  1. Toda matéria deste artigo é interessante. O que realmente não entendi, porquê pegar um tema para representar o lado negro duma nação? Sempre houve e ainda há nos dias de hoje organizações que se envolvem com mercado negro, tal qual no norte do Brasil existe escravidão e é algo que a própria política brasileira não questiona devido a corrupção. Acho que este site deveria abordar assuntos somente cultura japonesa e não casos insólitos colocando a bandeira de um país.

  2. Toda matéria deste artigo é interessante. O que realmente não entendi, porquê pegar um tema para representar o lado negro duma nação? Sempre houve e ainda há nos dias de hoje organizações que se envolvem com mercado negro, tal qual no norte do Brasil existe escravidão e é algo que a própria política brasileira não questiona devido a corrupção. Acho que este site deveria abordar assuntos somente cultura japonesa e não casos insólitos colocando a bandeira de um país.