Come Giappone e Brasile sono stati uniti nel calcio per decenni

[ADS] Pubblicità

Il legame del Brasile con il Giappone è enorme. Se abbiamo ricevuto incredibili eredità e doni dalla cultura giapponese, come la deliziosa cucina, i manga e i cartoni animati, le arti marziali e molto altro, possiamo anche essere orgogliosi di aver esportato alcune cose piuttosto fighe. Il calcio non è arrivato in Giappone per mano dei brasiliani, ma è innegabile che il calcio locale ha un prima e un dopo Zico.

I Kashima Antlers sono apparsi nel 1947, ma hanno avuto un andirivieni nella massima serie e nella seconda divisione fino alla nascita della J-League nel 1993. Zico è arrivato nel 1991 dopo il suo secondo periodo nel Flamengo e ha sorpreso tutti per il suo destino. Divenne presto un idolo, ritirandosi nel 1994, diventando un allenatore nel 1999 e salendo alla nazionale giapponese nel 2002. Ora è direttore tecnico del club e ancora un grande idolo.

Prima, le squadre europee e sudamericane conoscevano già i percorsi di Tokyo e Yokohama a causa della Coppa del Mondo Interclub. Dopo i tira e molla e le storie di duelli sudamericani ed europei che andavano avanti e indietro per decidere chi sarebbe diventato campione del mondo, la sponsorizzazione di Toyota ha fatto sì che il torneo si tenesse nel paese asiatico. Anche con il cambiamento dell'Interclub in un torneo organizzato dalla FIFA nel 2004/05, il Giappone ha continuato a ospitare la competizione. São Paulo nel 2005, Internacional nel 2006 e Corinthians nel 2012 sono stati campioni a Yokohama. Il Flamengo nel 1981, il Grêmio nel 1983, il São Paulo nel 1992 e nel 1993 sono stati campioni nello stadio nazionale di Tokyo.

A poco a poco la J-League ha attirato l'attenzione di altri giocatori e allenatori. Leonardo è arrivato nel 1994, subito dopo essere stato campione del mondo, in un periodo di successo che è stato seguito da un ritorno in Europa che ha avuto anche buoni momenti. Non è stata una decisione di fine carriera. 

Lo stesso si può dire di Arsene Wenger. Lo storico manager dell'Arsenal per 22 anni si è trasferito nella Premier League inglese dal Nagoya Grampus. Lì ha vinto la Coppa dell'Imperatore e la Supercoppa prima di passare al club londinese e vincere più volte la Premier League.

Anche se non fu un successo continuo e inequivocabile, la formazione del campionato e l'arrivo di competenze internazionali fecero crescere e prosperare il calcio nazionale. Il che era perfetto perché il paese avrebbe ospitato la Coppa del Mondo del 2002, insieme alla Corea del Sud.

Se il Giappone aveva giocato una sola Coppa del Mondo, precisamente nel 1998, e aveva perso tutte e tre le partite nella fase a gironi, questa volta ne ha vinte due, ne ha pareggiata una ed è diventato il leader del suo gruppo. Tuttavia, negli ottavi di finale hanno perso 1-0 contro la Turchia.

Ma il Brasile si sarebbe vendicato. Quando hanno affrontato la Turchia in semifinale hanno anche vinto 1-0, con il famoso gol di Ronaldo. Alla fine un'altra vittoria brasiliana in Giappone con un 2-0 sulla Germania. Per confermare la fortuna del vento giapponese, alle Olimpiadi di Tokyo il Brasile è stato oro anche nel calcio.

Da allora il Giappone è sempre stato presente nelle coppe del mondo e continua ad essere una destinazione per i brasiliani e anche per i giocatori che cercano nuove sfide e un'esperienza interessante. Andres Iniesta, leggenda del Barcellona, è arrivato nel 2018 ed è ancora attivo a 37 anni, avendo vinto la Coppa dell'Imperatore e la Supercoppa per il Vissel Kobe.

Uniti dalla storia, Brasile e Giappone hanno un'altra incredibile relazione che vale la pena di conoscere.

Condividi questo articolo: